VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista

"Stiamo costruendo un vocabolario perché il mondo è complesso, sfumato, ricco, vario"

ascolta:
0:00
-
0:00
Vanadio23
Vanadio23
5 min. di lettura

Vanadio23 è il brand italiano indipendente fondato nel 2017 a Milano; Andrea Semeghini, il suo creatore, sviluppa attraverso un mix bizzarro tra sesso, gioco, provocazione e positività, un immaginario eccentrico che invita ad abbracciare con ironia la propria sessualità e a liberarsi dalle regole superflue grazie a vestiti, accessori, oggetti.

Il dipinto è il protagonista del progetto, una forte componente pittorica he pervade tutte le collezioni. Vanadio23 abbina il mondo dello streetwear a quello delle illustrazioni con irriverenza, provocazione e illimitato mix di linguaggi e referenze.

 

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - FORMATO COVER scaled - Gay.it
LAUD END PRAUD 2023

Tutto l’universo simbolico di Vanadio ruota intorno al sesso e all’amore: l’origine del nome deriva dalla dea scandinava della bellezza e della fertilità : “Vogliamo che tutt* si sentano sicur*, liber* e a proprio agio con la propria identità sessuale, inclusa l’espressione di genere, l’orientamento e la relazione con il proprio corpo. Attraverso le nostre creazioni, cerchiamo di cambiare positivamente in modo spensierato, leggero e ironico gli atteggiamenti e le norme culturali sulla sessualità e speriamo di promuovere il riconoscimento delle diverse identità sessuali.”

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - DF scaled - Gay.it

Andrea Semeghini, mente creativa del progetto, realizza le illustrazioni per raccontare ed esplorare il mondo del sesso e dell’erotismo senza alcuna limitazione e tabù; Andrea da diversi anni lavora nell’ambito commerciale per vari brand: Prada, Loewe, Celine, Off-White,  nel 2017 dopo aver lavorato parallelamente come pittore per molti marchi di lusso, fonda Vanadio23.

L’abbiamo incontrato per voi.

Come nasce Vanadio23 e quanto c’è di autobiografico nel tuo progetto?

VANADIO23 unisce le mie più grandi passioni, la pittura e la moda, le combina insieme in un mix a caso (alle volte discutibile) ma sempre molto personale. È la rappresentazione più diretta di ciò che mi piace, di quello che più mi incuriosisce e di ciò che mi affascina in quel preciso momento.
È una sorta di diario: investigo di volta in volta ciò che mi interessa e sfrutto diversi mezzi per rappresentarlo, dall’illustrazione alla pittura su tela, dalla moda alla ceramica.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - 972A3650 scaled - Gay.it
Milano Souvenir

Pensi che le tematiche di inclusività siano realmente sentite dai brand moda o si riducono a semplici speculazioni?

Azz… domandone… la questione dell’inclusività nell’industria della moda è un argomento complesso e varia tantissimo, da brand a brand. Molti marchi hanno abbracciato l’inclusività in modo autentico, promuovendo una rappresentazione più ampia di corpi, etnie, generi e abilità nelle loro campagne, sfilate e prodotti. Questi sforzi hanno avuto lo scopo di trasmettere un messaggio di accettazione e inclusione, riflettendo un autentico impegno verso tali valori.
Tuttavia, è anche vero che alcuni brand hanno adottano tematiche di inclusività principalmente come strategia di marketing o per sfruttare una tendenza di mercato. Ma la moda è ciclica e la genuinità delle cause emerge chiaramente nel tempo. Guardate i corpi: nelle ultime sfilate molti brand sono tornati ai corpi di modell* di spaventosa magrezza, sembravano sfilate degli anni 90.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - 972A2886 scaled - Gay.it
Andrea Semeghini

Quando si tratta dei diritti delle comunità, il famoso ”Rainbow washing” per esempio, il fatto che un marchio si schieri per la causa è già un atto politico di per sé. Questo posizionamento riflette la visione del marchio su quale mondo vuole sostenere e quale pubblico mira a raggiungere. Se un big brand decide di sostenere le istanze della nostra comunità ha un impatto significativo sulla percezione esterna, i suoi gesti sono amplificati, e davvero può arrivare a influenzare l’opinione pubblica più di quanto possano fare io col mio brand indipendente.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - Praud 2905221486 - Gay.it
Pride 2022

Quanto è importante la terminologia nella nostra comunità, siamo realmente così liberi o tendiamo sempre di più e involontariamente a essere schiavi di determinate parole perché tutto deve essere classificato e diversificato?

Le etichette hanno un valore, vorremo vivere in un mondo privo di etichette, ma la lotta per l’accettazione è ancora lunga e prima di abbandonare ogni nomenclatura bisogna fare un lungo percorso di accettazione. Se una cosa non ha un nome non possiamo identificarla e definirsi è fondamentale. I termini sono importanti perché ci permettono di conoscerci, riconoscerci e capire chi siamo. Se fai parte di quell’etichetta sai che non sarai solo.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - FARAONARIPIENA - Gay.it

Stiamo costruendo un vocabolario perché il mondo è complesso, sfumato, ricco, vario; e non ristretto, semplicistico e riducibile a una manciata di lettere. LGBTQ+ per alcuni sono troppe lettere, per altri sono troppo poche. L’auspicio è di un mondo aperto, radicale, libero, nel quale ognuno possa sentirsi accettato. Questo è un mondo più libero in cui stai bene anche tu che usi pochi termini.

Il fastidio nei confronti delle etichette arriva da chi non fa parte di quell’etichetta. Se fai parte di una minoranza marginalizzata, e hai il bisogno di definirti, come posso dirti, io che non ne faccio parte, di non farlo? Non possiamo dimostrarci insofferenti nei confronti di qualcuno che richiede rivendicazione.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - IMG 3479 - Gay.it
Pride 2023

Tra il settore moda italiano e quello dell’arte, a proposito delle problematiche legate alla comunità LGBTQ, trovi ci siano differenze di approccio?

Il mondo dell’arte e quello della moda sono business enormi, ognuno con le proprie regole. Il mondo della moda si muove su un business legato alla volatilità del mercato. Esporsi, prendere posizioni, può essere rischioso, poiché potrebbe avere conseguenze negative sull’accettazione da parte del pubblico. Di conseguenza, molti brand cercano di mantenere una certa neutralità per evitare situazioni controverse. Dall’altra parte, l’ambiente artistico è spesso caratterizzato dalla volontà di sfidare le convenzioni e di esplorare proprio quelle tematiche che possono risultare provocatorie o controverse. Nel mercato dell’arte stupire, impressionare, scandalizzare fa parte del gioco quindi di dinamiche legate al mondo LGBTQ+ se ne può parlare più liberamente, anzi mi sembrano già vecchissime e superate.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - IMG 7123.M.2 scaled - Gay.it
La scultura sapone all’olio EVO e amido di riso di VANADIO23 e Darikikin

Sei mai stato censurato?

Sono al terzo profilo TikTok e al secondo Instagram, quindi direi di sì.
Non voglio ridurre i contorni della censura solo a un mondo social, ma in un mondo virtuale in cui i social rappresentano la mia vetrina principale, non solo di comunicazione, ma anche di vendita e di sviluppo del brand, beh questo rappresenta un grandissimo problema per me.

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - PHOTO 2023 06 22 18 39 15 5 - Gay.it
LAUD AND PRAUD – photo by Peter Hamer

Se dovessi fare una t-shirt/ceramica/etc dedicata ai lettori di Gay.it, cosa ci scriveresti(Vanadio x Gay.it)?

Amici di Gay.it ma io ho già la scritta giusta per voi: VERI VERI VERI GHEI non vi piace?
Claim utilizzato per una serie di grafiche presenti nella mia collezione di t-shirt e ceramiche per il Pride dell’anno scorso, mi sembra adatta no? Preferite il piatto FINOKKIO?

https://www.instagram.com/vanadio23.insta/

https://www.vanadio23.com/

 

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista - Praud 2905221402 scaled - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
chiamamifaro, il nuovo album è "Disco Default"

Chiamamifaro, è uscito “Disco Default”: “Mentre aspetto di fare il grande salto, mi godo la salita” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 6.5.24
Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: "Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi". L'intervista - Rey Sciutto cover - Gay.it

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: “Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi”. L’intervista

Culture - Federico Boni 5.2.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
Credit:Pooneh Ghana

La curiosità psichedelica di Cassandra Jenkins, intervista

Musica - Riccardo Conte 9.7.24
#LevisPride - Queer Rodeo

Storia di quel Rainbow Rodeos tra cowboys, drag queen e anti-machismo

Culture - Riccardo Conte 7.6.24