Venezia: sesso gay, droga e adolescenza

di

"Bully" e "Y tu mamà también", due film che celebrano la mancanza di valori nella adolescenza borghese, tra rapporti fugaci e senza valore anche omosessuali.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
842 0

Dopo il bacio lesbico tra Rosalinda Celentano e Sonia Bergamasco nel film di Giuseppe Bertolucci, al Festival di Venezia tornano gli scandalosi comportamenti sessuali, questa volta disinvoltamente perpetrati da "normali" ragazzi adolescenti della media borghesia americana e messicana. Stiamo parlando delle pellicole "Bully", dell’irriverente Larry Clark che aveva già scandalizzato con il suo "Kids", e di "Y tu mamà también" di Alfonso Cuaròn, che racconta di una coppia di ragazzini di Città del Messico che lasciano la famiglia alto-borghese per un viaggio che li porterà a realizzare tutte le loro normali trasgressioni: sesso disonvolto e senza interesse, scambiandosi le ragazze e anche ritrovandosi a farlo tra di loro. Gli attori assicurano che capitava anche che le scene di sesso non fossero finte, «perché così nudi non riuscivamo a fermarci».

In "Bully", film sconvolgente che ha subìto una pesante censura in America, e che si attiene strettamente a una storia realmente avvenuta, due amici di infanzia, figli perfetti di normali famiglie della borghesia americana, che chiedono il permesso prima di alzarsi da tavola, cercano di non creare dispiaceri alla mamma che li controlla persino in camera da letto, vivono la loro doppia vita guadagnandosi un po’ di dollari rispondendo a hot-line per gay e ballando nei locali per vecchi omosessuali ai quali non disdegnano di spillare qualche soldo. Uno di loro, dominante e aggressivo, verrà ucciso dagli altri, che, incoscientemente se ne vanteranno con gli amici. Arrestati e processati verranno condannati con pene fino alla sedia elettrica, che nella storia vera cui il film si ispira, è stata poi commutata in carcere a vita.

«L’America è un paese opulento» spiega Clark, «e credo che questa sia una storia molto americana: infatti è successa davvero, nel 1993, e i suoi protagonisti sono stati scoperti, processati e condannati, dai 7 anni di galera all’ergastolo, alla sedia elettrica. Nel film i personaggi hanno i nomi veri della vera storia, che è diventata un libroinchiesta a cui ci siamo attenuti strettamente. Ma il mondo è pieno di storie come questa, ce ne saranno anche in Italia, di adolescenti che ammazzano amici, parenti, genitori, estranei, e credono di farla franca. Dietro le belle facce degli adolescenti, c’è un mistero difficile da sondare. Negli anni della loro formazione sono in realtà molto soli, allo sbando: hanno troppo tempo per loro, non un desiderio che non venga esaudito, però non hanno progetti e si chiudono in bande impermeabili agli adulti».

I ritratti che vengono fuori dai due film sono di una società disattenta e senza valori, dove i giovanissimi non trovano spazio e nella quale si ricavano ambiti di sopravvivenza che fanno riferimento alle sotto-culture della droga e del sesso inutile. Per questo motivo c’è stato anche chi ha giudicato il film di Clark un film "moralista".

Leggi   La diversità sessuale protagonista del BFI Flare Film Festival
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...