Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

L'attrice di Killers of the Flowers Moon ha parlato dei suoi pronomi e di nomination agli Oscar gender neutral.

ascolta:
0:00
-
0:00
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)
2 min. di lettura

Gli Oscar 2024 sono dietro l’angolo.

In attesa delle nomination ufficiali (che verranno annunciate questo mese), non sappiamo se vedremo per la prima volta un’attrice trans* in gara – nello specifico Trace Lysette di MONICA – ma la statuetta più famosa del mondo potrebbe svecchiarsi: almeno è quello che pensa anche Lily Gladstone, star di Killers of the Flowers Moon di Martin Scorsese, candidata ai Golden Globe 2024 e tra i nomi più gettonati per la Best Actress di quest’anno.

Gladstone ha 34 anni, utilizza i pronomi she/they, e potrebbe essere la prima attrice nativa americana candidata all’Oscar come protagonista.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lily Gladstone (@lilygladstone)

In un’intervista con PEOPLE, Gladstone spiega che la sua identità di genere riflette le proprie origini indigene, dove in ampia parte delle lingue native, i pronomi non sono declinati né al maschile né al femminile, ma il they singolare è spesso la norma (lo stesso nonno di Gladstone portava un nome che tradotto in inglese significava ‘Iron Woman’ – donna d’acciaio – e parecchie donne native portano nomi maschili).

Ricordo che avevo nove anni e mi sentivo un po’ scoraggiata a vedere i miei cugini venir misgenderati perché portavano i capelli lunghi” ha dichiarato l’attrice. “Capita a tanti bambini, penso, in particolare i ragazzi che lasciano le comunità native dove i capelli lunghi sono celebrati, e iniziano ad essere presi in giro. Ricordo che pensavo: chiunque dovrebbe utilizzare il they singolare”

Per Gladstone cambiare i pronomi è parzialmente un modo per decolonizzare il proprio genere, dichiarando: “Accetto di stare in un gruppo di donne, sapendo che sono un po’ diversa. E quando sono in un gruppo di uomini, non mi sento come un uomo“.

Negli ultimi anni sempre più celebrità si sono esposte contro la divisione binaria tra maschi e femmine agli Oscar: nel 2022 Emma Corrin, star di The Crown e Murder at the End of The World – i cui pronomi sono they/them e si identifica come non binary – ha dichiarato di sentirsi a disagio ad essere collocatə da una parte o l’altra. Nel 2021, anche Asia Kate Dillon l’ha definita una pratica ‘esclusiva e piuttosto pericolosa’ chiedendo: non sarebbe più importante concentrarsi sull’interpretazione che sul genere?

Secondo Gladstone la divisione tra attori e attrici ha permesso storicamente di dare credito e riguardo anche alle donne, all’interno di un’istituzione che culturalmente tende a dare priorità alle interpretazioni degli uomini.

Ciò nonostante, specifica che se questa divisione non viene applicata alla regia, la produzione, o la scenografia, o tutte le altre categorie. Perché dovrebbe esserci per la recitazione? Nelle sue parole: “If there’s not a ‘director-ess,’ then there shouldn’t be actresses. There’s no ‘producer-ess,’ there’s no ‘cinematographer-ess.’”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lily Gladstone (@lilygladstone)

In Killers of the Flower Moon, Gladstone interpreta Molly, la moglie nativo americana di Ernest  Burkhart (Leonardo DiCaprio) che la sposa sperando di appropriarsi delle sue ricchezze nell’Oklahoma degli anni ’20.

Per prepararsi al ruolo, Gladstone si è ispirata alle resilienti matriarche che l’hanno circondata, insieme ai racconti di suo padre su sua nonna. Come dice in un’intervista con IoDonna: “Appartengo a una comunità nativa che è sopravvissuta alla fine del mondo più e più volte. Spero sia un messaggio di speranza per chi è incerto sulle sorti dell’umanità”. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Carlotta D'Amico e mamma Erika vincono "Io Canto Family"

Carlotta D’Amico e mamma Erika vincono “Io Canto Family”

Culture - Luca Diana 13.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24

Continua a leggere

il-presepe-arcobaleno-di-don-vitaliano

Il presepe di Don Vitaliano avrà due mamme: “Le famiglie arcobaleno colpite da critiche e condanne disumane e antievangeliche”

Culture - Francesca Di Feo 19.12.23
Billie Eilish agli Oscar 2024

Billie Eilish e il 2° storico Oscar: “per sentirsi la migliore versione di sé stessi” – Guarda la performance di “What Was I Made For?” – VIDEO

Musica - Emanuele Corbo 11.3.24
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life

Cinema - Federico Boni 22.12.23
Andrew Scott in Estranei (2023)

Estranei è molto più di una storia d’amore gay

Cinema - Riccardo Conte 27.2.24
Il Colore Viola (2024)

“Il Colore Viola”, tutto quello che sappiamo sulla nuova versione (anche) queer

Cinema - Redazione Milano 10.1.24
Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: "Non ci può essere Ken senza Barbie" - Barbie Margot Robbie - Gay.it

Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: “Non ci può essere Ken senza Barbie”

Cinema - Redazione 24.1.24