Ondata omofobia in Indonesia: un’università vuole rimuovere le porte dai dormitori universitari per “prevenire il sesso gay”

di

È solo una delle numerosi manifestazioni di odio nel Paese: un'altra università ha avviato un programma per la "normalizzazione" delle persone LGBT.

4954 4
La ministra degli affari sociali indonesiana, Khofifah Indar Parawansa, ha recentemente sollevato polemiche in seguito alle sue fortissime dichiarazioni omofobe. La donna ha affermato che le porte dei dormitori universitari dovrebbero essere rimosse per evitare “rapporti omosessuali e prematrimoniali tra gli studenti“. Sarebbe stata “ispirata” da una recente visita in una “prestigiosa” università senza porte, che dava la possibilità alle autorità di monitorare le attività degli studenti nelle loro stanze.
Non ci sarebbe la preoccupazione o la possibilità di contatti tra uomini e uomini e tra donne e donne“, ha affermato Parawansa. “Ho visto che è un metodo efficace e penso questo possa diventare un modello da seguire“. Alla questione vitale della privacy, la ministra replica così: “Un dormitorio è o maschile o femminile. Di che privacy stiamo parlando?“.
L’Indonesia ha una lunga tradizione di discriminazione omofoba, dovuta alla maggioranza musulmana (il Paese ha il più alto numero di musulmani al mondo). Per l’associazione psichiatri indonesiana l’omosessualità è ancora classificata come malattia. Negli ultimi mesi si è assistito nel paese al propagarsi di una fortissima retorica anti-LGBT da parte di politici, università e istituzioni: si è cercato persino di boicottare e bloccare le app di dating.
L’università di Gorontalo ad esempio ha iniziato un programma di “normalizzazione” degli studenti gay: il rettore ha infatti pubblicato un insieme di regole che riguardano le persone LGBT; queste comprendono un team impiegato per individuare eventuali gay e offrire “terapie di counseling” per gli studenti sospettati di essere gay.
Il processo di identificazione non è semplice ma non possiamo lasciare che ci siano studenti che indossano rossetto nel campus universitario“, ha dichiarato il rettore. L’uomo ha lanciato il programma per creare un college dove “regni la civilizzazione, per riportare le persone LGBT alla normalità“.
Ovviamente i gruppi per i diritti umani non trovano per niente accettabile tale politica, basata sull’odio verso una minoranza già molto penalizzata. Human Rights Watch ha denunciato i fatti parlando di “mesi che hanno visto l’incremento di una retorica dell’odio da parte delle organizzazioni politiche e religiose”. Solo dopo questo appello il presidente Joko Widodo ha commentato la questione: “La polizia deve agire (per proteggere la comunità LGBT, ndr). Non ci dovrebbe essere discriminazione nei confronti di nessuno“.
Leggi   Roma, ragazzo non può entrare in discoteca: "Perché sono gay?"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...