Charlie Sheen è stato accusato di aver violentato un attore di tredici anni

di

L'attore di Platoon e Scary Movie avrebbe abusato il giovane sul set di Lucas nel 1986, quando aveva 19 anni.

Charlie Sheen
7572 0

Nuova denuncia ad Hollywood sulle violenze sessuali nel cinema: l’indiziato stavolta è l’attore Charlie Sheen.

Sulla vita privata di Charlie Sheen potrebbe abbattersi una nuova tempesta ora che è stato accusato di aver avuto un rapporto sessuale con il collega Corey Haim, all’epoca tredicenne, dopo averlo circuito e avergli fatto fumare marijuana.

Il membro più turbolento della famiglia Sheen, anche il padre Martin è attore e il fratello Emilio è regista, è stato accusato dall’ex attore Dominick Brascia, un amico della vittima, ora defunta: “Haim mi ha raccontato di aver fatto sesso con Sheen sul set di Lucas. Hanno fumato erba e hanno avuto un rapporto completo”.

Secondo Brascia Haim sarebbe poi stato allontanato da Sheen, con cui avrebbe però avuto un secondo rapporto consensuale anni dopo, quand’era maggiorenne. Sheen che ha già dei precedenti con la giustizia per violenza domestica ed è stato più volte indagato per minacce, ha negato tutto attraverso la sua portavoce.

Charlie Sheen
Charlie Sheen e Corey Haim ai tempi di Lucas, nel 1986.

Tuttavia una seconda parziale conferma della violenza si trova nelle memorie di Corey Feldman, un amico di Corey Haim, scritte nel 2013: “Durante le riprese di Lucas nel 1986, Haim mi ha rivelato che un adulto sul set aveva cercato di convincerlo che fosse perfettamente normale per un attore e un collega più giovane avere dei rapporti sessuali, che fosse “la regola””.

“Quindi – continua Feldman – si sono appartati in un’area tra i truck della produzione durante una pausa pranzo e Haim, innocente e ambizioso, ha accettato di essere sodomizzato”.

La polizia di Los Angeles ha dichiarato che le indagini sono in corso e che non è stato ancora effettuato alcun arresto.

Leggi   Il fratello di Kevin Spacey: "Nostro padre nazista, abusava di me"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...