Foto

A chi fanno (ancora) paura i baci gay?

L'ultima campagna di Gucci ci ricorda che gli anni Duemila (e gli omofobi) non se ne sono mai andati.

ascolta:
0:00
-
0:00
Gucci Gift Campaign (Courtesy of Gucci)
Gucci Gift Campaign (Courtesy of Gucci)
2 min. di lettura

La più grande croce per una persona che vuole lavorare con le parole è non sopportare più le parole: nei miei sogni proibiti abbiamo tuttə cinque giorni di intervallo prima di partorire un pensiero online. Talvolta quei cinque giorni non sono nemmeno abbastanza, e servono altre 48 ore riabilitative per accedere di nuovo alla sezione commenti. Utopia a parte, non funzioniamo così: c’è un algoritmo da rispettare, la sezione commenti è aperta a chiunque, e nonostante ci abbiano dato il privilegio delle emoji, noi dobbiamo comunque giocarci qualche parola.

Così nel 2024, hai tempo di guardare la nuova campagna di Gucci e commentare: “Hey Gucci, cosa ti è successo?” o semplicemente far sapere a Gucci (in questo caso specifico, ai social media manager) che da oggi tu gli toglierai il follow su Instagram.

Ma nello specifico, cos’è successo a Gucci? Con l’arrivo delle feste il brand ha lanciato la campagna Gucci Gift, curata dal direttore creativo Sabato De Sarno e accompagnata da una serie di “incontri pieni di emozione”: ovvero una carrellata di baci sulla guancia, sulle labbra, tra maschi, femmine, giovani o di mezza età: chi c’è, c’è. Al massimo dovrebbe farci venire voglia di replicare a qualcunə, eppure nella sezione commenti è diventato, anche questo, una valvola di sfogo per le peggiori idiosincrasie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GUCCI (@gucci)

Come hanno ben detto altrə user: se vi sconvolgono queste foto, meglio che non guardiate le campagne pubblicitarie dei primi anni Duemila.

Chissà come reagirebbero i troll a vedere quel famigerato scatto di Mario Testino del 2003, con Carmen Kass che mostrava il pelo pubico che replicava la forma del logo Gucci (con il gentile contributo della stylist CarineRoitfeld).

All’epoca Gucci era considerato il brand più horny in considerazione, e anche altri brand non scherzavano: Josie Maran che si spruzza il latte in faccia con la mammella di una mucca, boccette di profumo tra le tette, tirate di coca sui completini d’intimo, e pure un tenero bacio tra Benedetto XVI e Imam Sheik Ahmed el-Tayeb, e tanto altro. Dopotutto, nemmeno nelle ultime quarantotto ore possiamo sfuggire a Jeremy Allen White con i suoi boxer in primo piano.

Come scrive anche Hannah Bertolino su Dazed, l’ultima campagna di Gucci manda le vibes di quei tempi lì, quando tuttə si strusciavano e spogliavano senza pensarci troppo. È un’ulteriore conferma che gli anni 2000 sono ancora tra noi, e purtroppo anche quel retrogusto d’omofobia Y2K che solo un bacino sulle labbra tra due ragazzi può risvegliare. Un’indignazione che non sorprendeva all’epoca, quando un bacio gay su un cartellone gigante ci sembrava ancora un’allucinazione collettiva, ma che oggi suona come un disco rotto che abbiamo tolto da un pezzo.

Tuttavia, c’è una cosa positiva nella sezione commenti: puoi eliminare o bloccare quelli indesiderati, oppure lasciarli lì, come reminder futuri delle stronzata che hai partorito. In caso di redenzione, quell’intervento inutile resterà lì a ricordarti cosa succede quando affronti il mare aperto. E toccherà conviverci.

Come dice la più grande filosofa contemporanea, Julia Fox:

Oh no, dovrai portatelo dietro sulla fedina penale a vita. Al massimo, mi dispiace per loro, ma non mi metterò a pulire il tuo casino: se stai proiettando e avendo un meltdown sul tuo computer per qualcuno che nemmeno conosci, è un problema tuo. Hai bisogno di un terapeuta.”

Quindi? Quindi sì, c’è ancora bisogno di semplici baci come quelli proposti da Gucci. E no, non siamo sorpresə.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cristian Imparato, Io Canto Family 2024

Cristian Imparato ospite a “Io Canto Family”: com’è cambiato negli anni?

Culture - Luca Diana 11.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
aggressione-marrazzo

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

News - Francesca Di Feo 12.6.24
Prisma 2 Intervista a Ludovico Bessegato qui con Mattia Carrano - Gay.it 02

Prisma 2, intervista al regista Ludovico Bessegato “Non diamo risposte a chi cerca il giudizio”

Serie Tv - Giuliano Federico 8.6.24
La mamma di Elodie si è sposata con Francesco Cramer

Elodie (senza Andrea Iannone) incantevole al matrimonio della mamma. La dedica della cantante nel giorno del “sì”

Musica - Emanuele Corbo 10.6.24
The History of Sound, il film d'amore con Paul Mescal e Josh O'Connor sarà a Venezia? Parla il regista - The History of Sound il film damore con Paul Mescal e Josh OConnor sara a Venezia - Gay.it

The History of Sound, il film d’amore con Paul Mescal e Josh O’Connor sarà a Venezia? Parla il regista

Cinema - Redazione 12.6.24

Continua a leggere

Alessandro Michele - Creative Director Valentino

Valentino, Alessandro Michele direttore creativo dopo l’addio di Pierpaolo Piccioli che andrebbe da Chanel

Lifestyle - Mandalina Di Biase 28.3.24
The New Look, prime immagini della serie con Glenn Close e Ben Mendelsohn nel ruolo di Christian Dior - Apple TV The New Look key art graphic header 16 9 show home.jpg.large 2x - Gay.it

The New Look, prime immagini della serie con Glenn Close e Ben Mendelsohn nel ruolo di Christian Dior

Serie Tv - Redazione 15.12.23
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Non Voltarti – Storie di Quartiere

Non Voltarti: Levi’s celebra la comunità queer di Porta Venezia

Lifestyle - Redazione Milano 31.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Gabriele Esposito, Giuseppe Giofrè e Simone Susinna - Foto: Instagram

18 bollenti mutande indossate per Calvin Klein

Lifestyle - Luca Diana 5.1.24
#LevisPride

Storia di quel Rainbow Rodeos tra cowboys, drag queen e anti-machismo

Culture - Riccardo Conte 7.6.24