Addio a Mirella Izzo, icona del movimento trans italiano

Mirella, che si è sempre autodefinita «pansessuale» e «lesbica», è morta all'età di 64 anni.

ascolta:
0:00
-
0:00
Addio a Mirella Izzo, icona del movimento trans italiano - Addio a Mirella Izzo icona del movimento trans italiano - Gay.it
3 min. di lettura

All’età di 64 anni il movimento LGBTQIA+ d’Italia piange la morte di Mirella Izzo, attivista nonché tra le principali icone del panorama trans nazionale. Fondatrice di Crisalide AzioneTrans ONLUS, da lei presieduta dal 1999 al 2006, Mirella, che si è sempre autodefinita «pansessuale» e «lesbica», iniziò il percorso di transizione nel 1998, dopo aver divorziato dall’ex moglie. Immediati problemi sia in famiglia che sul luogo di lavoro. All’epoca Izzo era dipendente delle Poste, e subì mobbing per circa 3 anni.

Mirella ha sempre rivendicato di essere stata la prima a portare in Italia il sostantivo “transfobia”, nel 2005, con l’obiettivo di introdurre un termine che sottolineasse caratteristiche, analogie e differenze rispetto al più diffuso “omofobia”.

Fu sempre lei, nel 2000, a proporre la detassazione delle pratiche legali per la rettifica anagrafica e sessuale. La proposta fu accolta dal deputato Maura Cossutta, che intraprese l’iter legislativo per farla diventare legge, successivamente approvata alla fine dell’anno tramite decreto presidenziale.

 

Nel 2007 Mirella ha pubblicato “Translesbismo: Istruzioni per l’uso – Il primo libro italiano dedicato alla realtà delle transgender lesbiche“. Un testo volto a far confrontare, per la prima volta, lesbiche e translesbiche. “Negli ultimi anni le translesbiche sono passate dal ruolo di reiette a fonte di riflessione e ispirazione per il movimento internazionale lesbico e femminista. Tacere, di questa realtà, relegherebbe l’Italia nella provincia del mondo. Il confronto, infatti, è aperto da anni in Europa ed USA e molti testi sono stati pubblicati sul translesbismo e sull’apporto transfemminista al movimento femminista. C’è bisogno di informazione“, scriveva Izzo. “Translesbismo” parte dai bisogni elementari. Un testo teorico ma con fini di utilità pratica per lo sviluppo della reciproca conoscenza. “Perché è un fatto che trans e lesbiche entrino sempre più spesso in contatto e conoscersi meglio significa disfarsi dei pregiudizi e allargare il senso di una identità“.

Nel 2012 Mirella ha pubblicato “Oltre le gabbie dei Generi. Il Manifesto pangender“, edito da EGA-Edizioni Gruppo Abele. “Questo non è un libro per trans“, precisava Izzo. “Nonostante il titolo, è un libro che ragiona sulla condizione delle persone trans ma può risultare sorprendente anche per le persone “normali””.

La tesi dell’autrice era esplicita: l’identità delle persone è data dal sesso biologico ma anche, in misura altrettanto significativa, dalla identità di genere e dal conseguente ruolo (o stereotipo) imposti dal contesto socio-culturale. Si tratta di un intreccio non riassumibile nella sola identità separata maschile e femminile, che rimanda necessariamente a molte possibili identità, riunite nel termine “pangender”. Un intreccio che meritava un apposito manifesto.

Monica J. Romano, consigliera comunale di Milano, ha voluto ricordare Mirella Izzo, con le lacrime agli occhi.

Attivista importantissima per il movimento transgender degli anni ’90 e 2000, teorica di grande intelligenza, spessore e acume, scrittrice, fondatrice di Crisalide Azione Trans. Abbiamo militato insieme dal 2003 al 2007“, ha ricordato Monica. “Come ho scritto in diversi miei libri, se Deborah Lambillotte mi ha insegnato il valore e la forza dell’essere comunità, Mirella mi ha insegnato a far politica, prima indimenticabile maestra. Ci siamo amate, stimate, detestate, odiate e anche scontrate ferocemente. Negli ultimi anni ci eravamo riappacificate e avevamo ripreso a dialogare. Sono contenta che sia successo. Sorridevamo dei nostri scontri passati e parlavamo tanto di come il movimento era cambiato rispetto a quello che noi avevamo vissuto e animato. Mirella, mi hai dato tantissimo, nel bene e anche nel male. Ma non posso non riconoscere che, se non avessi avuto la fortuna di conoscerti, la mia vita sarebbe stata peggiore. Grazie per tutto ciò che abbiamo condiviso insieme. Lo racconterò più che posso alle nuove generazioni transgender“.

Oggi se ne è andata Mirella Izzo, una grande guerriera che ha dato e si è data per diritti, dignità e libertà”, ha commentato sui social Porpora Marcasciano. “Una parte importante del mondo trans che si stacca“.

“La nostra comunità piange la scomparsa di Mirella Izzo”, ha aggiunto Arcigay. “Pioniera e teorica, attivista appassionata, Mirella ha sempre testimoniato con grande energia e generosità la complessità delle identità e degli orientamenti, lavorando alla costruzione di uno spazio politico e di una presa di parola translesbica, oggi ancora più preziosi. Per molt* di noi Mirella è stato un faro, una guida, un modello. Il suo contributo al nostro movimento e alla nostra storia è stato tangibile e vitale. Mirella era una ricchezza e oggi, senza di lei, siamo più pover* Un abbraccio commosso a tutte le persone che le hanno voluto bene”.

Addio a Mirella Izzo, icona del movimento trans italiano - Addio a Mirella Izzo icona del movimento trans italiano 3 - Gay.itAddio a Mirella Izzo, icona del movimento trans italiano - Addio a Mirella Izzo icona del movimento trans italiano 2 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Simone Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24

Leggere fa bene

Isobel Jeffrey si è sottoposta ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere a 80 anni - Isobel Jeffrey - Gay.it

Isobel Jeffrey si è sottoposta ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere a 80 anni

News - Redazione 24.11.23
Un posto al sole rai governo meloni destra Michele Saviani

Rai, così anche “Un posto al sole” scivola nell’ombra a destra

Serie Tv - Francesca Di Feo 11.10.23
Dylan Mulvaney Blue Christmas

Il Blue Christmas transgender di Dylan Mulvaney è una bomba

Musica - Mandalina Di Biase 18.12.23
molise-donna-trans-sentenza

Affermazione di genere sui documenti senza chirurgia, seconda storica sentenza in Molise

News - Francesca Di Feo 6.10.23
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane - Sessp 27 - Gay.it

Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane

News - Federico Colombo 7.2.24
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23