Foto

Aggredito nella notte Andrea, l’attivista italiano che vive a Budapest

Era stato minacciato dai nazionalisti. L'appello su Facebook: "Aiuto, mi hanno aggredito".

Aggredito nella notte Andrea, l'attivista italiano che vive a Budapest - andrea budapest picchiato - Gay.it
< 1 min. di lettura

“Qualcuno mi aiuti! Qualcuno mi ha colpito al naso, il mio viso è completamente a pezzi!”. Con questo appello drammatico Andrea Giuliano ha denunciato questa notte, in tempo reale, l’aggressione di cui è stato vittima. Erano le due e mezza di notte quando l’attivista gay italiano che vive a Budapest di cui vi abbiamo parlato nelle scorse settimane, ha lanciato l’allarme. A quanto racconta lo stesso Andrea in un secondo messaggio pubblicato un’ora fa, un uomo gli si è avvicinato sotto casa e l’ha aggredito senza apparente motivo, colpendolo al naso talmente forte da fratturarglielo.
“Cari amici – ha scritto Andrea in un secondo messaggio qualche ora dopo l’aggressione -, stavo camminando vicino casa, la scorsa notte, quando un uomo mi ha colpito al volto. PER NESSUNA RAGIONE APPARENTE. Sfortunatamente sembra che le videocamere non abbiano ripreso il momento dell’aggressione,ma o ho già sporto denuncia alla polizia. Ora sono in un posto sicuro. Non sanguino più molto e molto probabilmente il mio naso è stato riallineato bene, ma ne saprò di più giovedì. Adesso mi sdraio: chiederò aiuto se necessario”.
Abbiamo tentato di contattare Andrea che, al momento, non risponde, probabilmente perché riposa.
Come ricorderete, Andrea Giuliano è balzato alle cronache per essere stato minacciato di morte da un’associazione ultranazionalista, xenofoba e antisemita. Vi avevamo raccontato il suo lungo calvario fatto di minacce e appostamenti. A niente sono valsi gli appelli delle associazioni LGBT italiane e l’interessamento dell’ambasciata a Budapest, per preservare l’incolumità del ragazzo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
carolus 28.1.19 - 12:55

Non occorre essere nazionalisti o xenofobi per essere colpevoli di aver pestato un gay. Se invece di sbandierare immoralmente la loro diversità nei gay pride si comportassero civilmente, nessuno li toccherebbe.

Avatar
Mario 22.7.15 - 9:58

Siamo su gay.it per cui nessuna ipocrisia, Budapest è la capitale GAY d'Europa. I locali sono ad ogni angolo di strada, i Pride si fanno ogni anno senza problemi, se il signor Giuliano ha avuto minacce è perchè lo scorso anno se le è andate a cercare con il lanternino, mettendo in cattiva luce il resto della comunità. I motociclisti hanno ritirato le denunce nei sui confronti con tanto di stretta di mano, ma lui non pago prosegue nella sua campagna di demonizzazione contro quelli diversi da lui. Non mi stupirei se la presunta aggressione fosse stata programmata da lui stesso per fare riemergere il suo "caso" passato ormai nel dimenticatoio. Io di persone picchiate ne ho viste tante e le sue escoriazioni sembrano quelle date attraverso un cuscino non un pugno dritto al volto, non c'è un taglio, un labbro spaccato, un niente che faccia supporre ad un colpo a mano nuda.

Avatar
leonardo scardigno 21.7.15 - 15:13

Vorrei sapere se nelle mutande avevano la stessa espressione schifata che avevano in faccia

Avatar
pensare... 21.7.15 - 10:29

Ummm... Parlare di agressivita omofobica forse non e giusto, non c'e prova che si trattasse di questo. Ci sono tante persone (sopratutto zingari) agressivamente girando la citta durante la notte, solo per cercare conflitti da sfruttare. Vivo a Budapest anch' io, quindi conosco la citta abbastanza. Poi, dopo quella provocazione fatta l' anno scorso (http://img.444.hu/olasz-pride.jpg se qualcuno non capisce, di che cosa si tratta) non sarei sorpreso se quest' attacco sia veramente contro questo ragazzo. Non omofobia, solo andreafobia. Lui ha fatto invece molto per aumentare l' omofobia in Ungheria, bravo. E, lui, come cittadino italiano, rappresenta anche l' Italia. La mia parte italiana si vergogna. Bravo ancora. Sono curioso, cosa succederebbe se un ungherese metterebbe un cazzo tra colori nazionali sull' immagine d' Italia, tutto questo per esempio a Roma, vestito in quel modo ecclesiastico, e scrivendo intorno l' Italia che "Chi ha emozioni nazionali cazzo in bocca" o simile. Pensare, per favore...

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - Elezioni Europee ecco i 26 candidati italiani - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24