Riccione, aggressione omofoba ai danni di un universitario: prima gli insulti, poi le botte

Dopo il bacio con un amico sono arrivati gli insulti. Poi, l'aggressione.

ascolta:
0:00
-
0:00
aggressione-omofoba-riccione
3 min. di lettura

Ennesima aggressione omofoba – la seconda documentata in poco più di un mese subita da un giovane universitario a Riccione: Filippo Marcuccio è stato brutalmente picchiato, nella notte tra venerdì e sabato scorso, da due clienti del locale in cui si trovava per festeggiare il suo compleanno, dopo aver baciato un amico.

L’aggressione

L’aggressione è stata subito denunciata dal giovane come un attacco a sfondo omofobo. Filippo ha raccontato di aver ricevuto commenti pesanti e di essere stato insultato con il termine “finocchio” prima di essere colpito.

«Ho iniziato a sentire dei commenti omofobi abbastanza pesanti – descrive il giovane – e quindi sono andato a chiedere spiegazioni, a dire “scusate, ci conosciamo tutti. Perché dovete fare così? Qual è il vostro problema?”. Poi mi sono sentito chiamare “finocchio”, prendere dalla spalla e picchiare da due ragazzi»

Come riferisce la stampa locale, i due aggressori si sono scagliati ferocemente contro il ragazzo, causandogli la frattura del naso e 25 giorni di prognosi.

Filippo ha scelto di denunciare

L’episodio dimostra ancora una volta che l’omofobia non è una “libera opinione”, ma una tendenza pericolosa, che si manifesta spesso con comportamenti violenti e discriminatori – come in questo caso.

Tuttavia, i gestori del locale hanno sostenuto una tesi diversa, affermando che l’aggressione non avrebbe avuto nulla a che fare con l’omofobia, ma sarebbe stata invece il culmine di uno scontro fra bande. Filippo, dal canto suo, ha respinto categoricamente questa versione dei fatti.

«Non faccio parte di nessuna banda, né io né il mio amico – spiega -, e poi esco pochissimo, soprattutto per il centro di Rimini»

Il giovane ha deciso di presentare denuncia ai carabinieri, nella speranza che i responsabili dell’aggressione vengano individuati e puniti.

aggressione-omofoba-riccione

Nonostante l’esperienza traumatica, Filippo ha apprezzato la vicinanza manifestata da tante persone. Tuttavia, ha affermato che il mondo in cui viviamo è ancora caratterizzato da comportamenti discriminatori e che episodi come questo, purtroppo, sono destinati a ripetersi. 

«È stata una brutta esperienza che auguro che non accada a nessuno, anche se purtroppo so che non sarà così, perché il mondo in cui viviamo è ancora questo – afferma –. Mi sento fortunato che sia successo a me, che riesco a gestire queste cose con una certa forza e ironia. Qualcun altro si sarebbe buttato molto più giù. Purtroppo – aggiunge – nel 2023 siamo ancora ridotti che due ragazzi non si possono baciare tranquillamente, che rischiano di essere picchiati a sangue».

L’aggressione subita da Filippo rappresenta l’ennesimo campanello d’allarme sulla necessità di combattere l’omofobia e di promuovere una cultura di accoglienza e inclusione a livello sistemico. Anche se, allo stato attuale delle cose, è difficile pensare che questo e molti altri episodi riusciranno a smuovere qualche coscienza.

La risposta di Arcigay Rimini

Nelle scorse ore, Arcigay Rimini ha emesso un comunicato a sostegno della vittima, sottolineando come la componente omofoba dell’aggressione evidenzia una tendenza sempre più preoccupante. 

La ricostruzione dello studente aggredito mette in luce chiaramente la componente omofobica dell’aggressione anche se da altre parti si nega convintamente che questo sia rilevante”, afferma il presidente dell’associazione Marco Tonti “pretendere di escludere l’omofobia su una base di convinzioni di principio è anche questo in qualche modo una manifestazione dell’omofobia, perché cerca di nascondere un fenomeno che è stratificato e presente purtroppo ancora molto ampiamente anche in persone insospettabili, e nega alla vittima il riconoscimento della sua dimensione umana in cui spesso la sua omosessualità è pretesto per scatenare la violenza“.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24

Continua a leggere

100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+ - 100 anni di Disney Pro Vita e Famiglia protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA - Gay.it

100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+

Culture - Redazione 17.10.23
dritto e rovescio

Questi uomini non sono mostri, ma figli del patriarcato: le parole di Elena Cecchettin

News - Riccardo Conte 20.11.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
turchia spot lgbtiq erdogan

Turchia, minacce di morte per lo spot contro l’omobitransfobia, che è stupendo – VIDEO

News - Redazione 29.9.23
Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte - Josh Cavallo - Gay.it

Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte

Corpi - Redazione 20.12.23
giugno 2021

Trento, violenza omofoba. Due giovani aggrediti e minacciati con un coltello

News - Redazione 3.11.23
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23