Demna Gvasalia: “Eravamo considerati sfigati”, e porta Amanda Lepore a casa Balenciaga

"Perché io ho sofferto molto ogni giorno perché vestivo in quel modo e camminavo in quel modo, e a Parigi venivi insultato se eri così, eri considerato uno sfigato e tutta la mia vita è andata così"

ascolta:
0:00
-
0:00
demna gvasalia amanda lepore balenciaga gigi
demna gvasalia amanda lepore balenciaga gigi
4 min. di lettura

A casa di Demna c’era un giro di amichettə tutto suo, un circoletto di svariate umanità agghindate ciascunə secondo proprio gusto, eppure tuttə avvolte da un’aurea Balenciaga, un po’ da fine del mondo, un po’ da faccio quel che mi pare.

A Parigi è andata in scena ieri la sfilata di Balenciaga nella Cour du Dôme des Invalides, in Place Vauban. Demna Gvasalia, il direttore creativo che negli ultimi dieci anni ha ribaltato il concetto di lusso, interpretando le collezioni di moda dell’industria tessile occidentale come piattaforma di autocritica e protesta per le storture del capitalismo, ha trasformato un palazzo in ristrutturazione in un elegante teatro con velluto rosso per far sfilare la collezione Primavera Estate 2024 del marchio Balenciaga.

In verità, Demna ha fatto diventare la passerella un corridoio d’ingresso di casa sua. Con l’idea che alcune persone, per Demna, sono come “casa”, e sulle persone che per lui sono “casa” il direttore creativo di Balenciaga ha posto l’attenzione. Come detto: una festicciola tra noi.

I look non parlavano solo di abiti, ma dello stesso Demna, delle persone che ama, che lo ispirano e che proiettano chi egli sia. Non solo. Su ogni look, Gvasalia ha dato spazio alla singolare individualità. Un racconto intimo.

Un fiume di coming out di proporzioni immense al primo sguardo, ma che nelle ore successive allo show si è propagato come un reticolo di confidenziali input attraverso i network, ciascuno con la sua bolla destinata a espandersi.

Un’idea di moda dunque che non impone un’omologazione in nome di uno status, ma che esprime la precisa individualità della singola persona. Come tutto questo era coerente? Semplice, Gvasalia ha fatto un casting “di casa”, dunque non corpi idonei alla sua idea di moda, ma persone coerenti al suo spirito di “queer family”, potremmo azzardare.

Protagoniste assolute erano dunque le persone. Poche modelle, qualche celebrity e molte persone comuni, facenti parte del cerchio ristretto di Demna, la sua “casa”. Ha sfilato sua madre Ella (con un cappotto fatto dal recupero di tre vecchi cappotti), ha sfilato il marito di Demna, Loïk Gomez (in arte BFRND, compositore e musicista), ha sfilato la critica di moda, Cathy Horyn (The Cut), e poi Miren Arzalluz, curatrice esperta delle glorie passate e contemporanee del brand Balenciaga, e ancora hanno sfilato Marius, studente di comunicazione, Elena, studentessa di musica, Martina, collega d’ufficio di Demna. C’era Diane Pernet, la signora in nero che se ne va sempre in giro per sfilate sotto una cofana di capelli corvini e che tale e quale è stata accolta da Demna nel suo show: naturalmente con un abito Balenciaga pensato per lei. E ancora Kim Kardashian, Paloma Elsesser, Guinevere Van Seenus, Inge Grognard, Mariacarla Boscono, Malgosia Bela.

C’era Amanda Lepore, anche lei facente parte di quell’idea di “casa”, che per Demna sono le persone, e anche su di lei Demna non ha imposto nulla che non fosse precisamente pensato ad hoc su Amanda Lepore. Celebrity americana transgender, modella, cantante, nata nel 1967, Amanda Lepore è stata una delle grandi pioniere della comunità T nella moda e nell’industria dell’arte e dell’entertainment.

Intervista ad Amanda Lepore di Gay.it (2017) >

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Balenciaga (@balenciaga)

C’era Gigi Spelsberg, attrice, attivista LGBTIQ+ e nuotatrice, che in una recente intervista a GQ aveva spiegato che da bambina faceva nuoto in un club e gareggiava, fino alle difficoltà dell’adolescenza legate all’accettazione del proprio corpo. “Recentemente, sono tornata a nuotare in una piscina con spogliatoi di genere neutro, un cambiamento positivo. Il nuoto mi permette di svuotare la mente e concentrarmi sul respiro. Ho condiviso l’esperienza sui social, incoraggiando altre persone trans a unirsi a me in piscina, superando le loro paure. L’ambiente può essere imbarazzante, ma credo che dovremmo avere spazi sicuri per lo sport. Lo sport è un diritto umano, e voglio condividere il piacere del nuoto con tutti“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Balenciaga (@balenciaga)

In  un passaggio dell’intervista che Gvasalia ha rilasciato al giornale d’attualità dell’industria tessile WWD, Demna racconta un episodio che spiega bene perché egli sia così focalizzato sull’idea del bottom/up, e cioè imporre alla moda i codici stilistici dei look finora considerati “sfigati”, “da poveri” e brutalisti.

“Non sono così affezionato all’idea di lusso, e a tutto ciò che si porta dietro. Non voglio dare alle persone il messaggio di dover apparire ricche o di successo o potenti. La mia moda lavora dal basso verso l’alto, e non dall’alto verso il basso, che per me è un vecchio modo di approcciarsi alla situazione del mondo. Ed è questo che volevo chiedere: qual è l’identità che la moda crea? Perché io ho sofferto molto ogni giorno perché vestivo in quel modo e camminavo in quel modo e a Parigi venivi insultato se eri così, eri considerato uno sfigato e tutta la mia vita è andata così. E questa estate io e Loic (suo marito ndr) abbiamo avuto un’esperienza orribile nel sud della Francia, dove la gente letteralmente cambiava il tavolo del ristorante pur di non sedere a fianco a noi, perché semplicemente avevano paura di noi. Così il giorno dopo siamo andati a comprare dei vestiti simili ai loro per mescolarci. È stata la prova che vestirsi come volevo io, essere Demna con i suoi look, era qualcosa da tollerare, qualcosa di disgustoso. Questo mi ha confermato che l’unica cosa che mi interessa del mio lavoro è di essere fedele a ciò che sono e non provare qualcos’altro, perché non sarei mai a mio agio. È stato un esperimento – diciamo – antropologico, che dimostra la potenza dell’abito”
Demna Gvasalia – intervista a WWD (source IG)

 

in copertina da sinistra: Gigi Spelsberg, Yseult e Amanda Lepore alla sfilata di Balenciaga Primavare Estate 2024 – fonte: Instagram

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale - Kaiser Karl - Gay.it

Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale

Serie Tv - Redazione 12.1.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie - The New Look - Gay.it

The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie

Serie Tv - Redazione 18.1.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Cristóbal Balenciaga, il primo trailer della serie che esploderà l'identità queer dello stilista - Balenciaga - Gay.it

Cristóbal Balenciaga, il primo trailer della serie che esploderà l’identità queer dello stilista

Serie Tv - Redazione 18.12.23