CINZIA LEONE MADRINA DEI GAY

Al via il Pride Milano 2002: dal 7 giugno partirà una serie di eventi che culmineranno con il corteo del 22. L’attrice si è detta "fiera" di essere madrina, mente piovono adesioni eccellenti.

MILANO – Sarà Cinzia Leone la madrina del Pride Milano 2002. L’annuncio è stato dato oggi dal Coordinamento Arcobaleno, espressione delle principali realtà associazionistiche del mondo gay lesbico e transessuale milanese, e organizzatore della manifestazione, che aprirà i battenti domani, venerdì 7 giugno, alle 22.30 con una festa presso la discoteca Nuova Idea, in via De Castillia 30 e terminerà il 22 giugno con il corteo che partirà alle 16 da P.ta Venezia e si snoderà per le vie del centro cittadino.

Nell’arco delle due settimane centrali del mese si susseguiranno quindi diverse iniziative culturali, sociali e politiche a tematica Gay, Lesbica e/o Transessuale, tra cui un incontro con la comunità GLBT ed un altro con esponenti politici di vari partiti. Da segnalare anche che, in occasione del Pride Milano 2002, e in collaborazione con Boy+Boy (collana di manga a tema omoerotico editi da Echo Communication), il JOY, Gruppo gaylesbico dell’Università degli Studi di Milano, ha deciso di dare vita ad una festa completamente dedicata al mondo dei fumetti e dei cartoni animati nipponici, nonché alla presentazione del terzo numero della collana Boy+Boy, intitolato "Strade": il Manga&Cartoon Party avrà luogo venerdi’ 14 giugno dalle ore 23 in avanti presso la discoteca Heaven di Via Fiori Chiari 17/A a Milano.

Ti suggeriamo anche  Novara, in duemila in piazza per il primo Pride della città

"Finalmente ci siamo!" – ha dichiarato Lorenza Accorsi, portavoce del Coordinamento Arcobaleno – "Siamo pronti a farci sentire. Il Gay Pride tutto ed in particolare il corteo finale, è un importante momento in cui la gente si rende conto che siamo tanti, che siamo persone come tutte le altre, che non ci vergognamo e che anzi siamo orgogliosi di essere semplicemente noi stessi".

"Non viviamo certo in un periodo a noi favorevole" – ha proseguito Marco Mazzei, l’altro portavoce del Coordinamento – "Nella legislatura passata, il centrosinistra non ha accolto le nostre richieste. Ora l’attuale maggioranza di centrodestra ci è quasi tutta apertamente contro. Il Gay Pride vuole essere un momento per dire a tutta la classe politica che non ci lasceremo abbattere dalla loro insensibilità."

Per quanto riguarda la partecipazione di Cinzia Leone, la popolare attrice romana sarà presente "in viva voce" alla festa inaugurale del 7 giugno.

Durante la serata interverrà mediante un collegamento telefonico da Roma, per fare arrivare il suo caloroso saluto e il suo incoraggiamento a tutto il pubblico presente. Per un fastidioso problema al menisco non potrà infatti presenziare direttamente alla festa come invece avrebbe voluto. "Sono estremamente contenta di essere stata contattata dal Comitato Organizzatore per diventare madrina del Gay Pride di Milano – ha commentato Cinzia Leone – Mi riempie di orgoglio sapere di poter dare così una mano a tanti amici affinchè qualcosa possa finalmente cambiare in questo Paese: essere gay, lesbiche o transessuali non è e non deve essere più motivo di discriminazione".

"Siamo onorati che Cinzia Leone abbia deciso di accettare il nostro invito – ha proseguito Paolo Ferigo, del Comitato Organizzatore. – Come Paola e Chiara lo scorso anno, Cinzia ha mostrato invece un entusiamo ed un calore davvero unico e siamo sicuri che la sua carica e la sua verve ci saranno d’aiuto e sostegno per tutto il Pride".

Ti suggeriamo anche  India, in centinaia al pride dove l'omosessualità è ancora illegale

Alla maniestazione milanese ha aderito larga parte del mondo dell’informazione milanese: ai singoli giornalisti che hanno aderito a titolo personale, si sono aggiunti la Federazione Nazionale della Stampa Italiana, sindacato unico della categoria, l’Associazione Lombarda dei Giornalisti e il Comitato di redazione delle testate Mondadori.

Il Coordinamento Arcobaleno è costituito dalla maggior parte delle associazioni e dei gruppi gay, lesbici e transessuali operanti nell’area di Milano, allo scopo di confrontarsi e dialogare, per condividere esperienze, elaborare strategie di lotta e maturare decisioni comuni circa le azioni rivendicative, tra cui il Pride Milano 2001 e il Pride Milano 2002. Il sito web del Pride Milano 2002 è raggiungibile all’indirizzo www.pridemilano.org

Aderiscono al Coordinamento le seguenti associazioni: Arcigay / C.I.G. Centro di Iniziativa Gay, Milano Arcilesbica / Circolo Zami, Milano Arcitrans / La Fenice, Milano CDM / Collettivi Donne Milanesi, Milano CODS / Diritti e Libertà Autonomia Tematica DS, Milano GayLib / Omosessuali liberaldemocratici, Milano G.L.O. / Rifondazione Comunista, Milano Gruppo del Guado / Cristiani Omosessuali, Milano Gruppo Soggettività Lesbica / Università delle donne, Milano JOY / Gruppo L/G/B/T dell’Università degli Studi, Milano Linea Lesbica Amica / 0263118654, Milano