Onda Pride, in trionfo anche Trieste, Ancona, Messina e Pavia

E non è finita qui, ovviamente, perché sabato 15 giugno altre 6 città abbracceranno il proprio pride.

Un sabato arcobaleno da numeri record. Oltre alle 700.000 persone che hanno invaso la Capitale, dando vita ad uno dei Roma Pride più partecipati di sempre, l’Onda Pride ha visto scendere in strada anche altre quattro città. Trieste, Ancona, Messina e Pavia.

Almeno 10.000 persone hanno sfilato per le strade di Trieste per il Fvg Pride, impreziosito dalla presenza di Elisa, madrina della manifestazione. Secondo gli organizzatori i partecipanti erano 12.000. Circa 3.000, invece, le persone che hanno partecipato al Marche Pride di Ancona. Madrina l’olimpionica Antonella Belluti. Altre 3.000 persone hanno invaso il centro di Messina, per il primo atteso Stretto Pride, con Ottavia Voza, architetto e professoressa dell’Università di Salerno, madrina della parata. Numeri importanti anche a Pavia, con 5.000 partecipanti al 5° Pride cittadino. Mai visti tanti in città. Calcolatrice alla mano, è stato un sabato da 723.000 persone in strada.

E non è finita qui, ovviamente, perché sabato 15 giugno altre 6 città abbracceranno il proprio pride. Avellino, Brescia, Vicenza, Varese, Torino, Genova. L’Onda Pride, continua.

 

 

Ti suggeriamo anche  Coronavirus, cancellato anche lo storico 50esimo Pride di San Francisco
Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni