“Niente gay e animali”: scatta la petizione per chiedere a Booking.com di tutelare la comunità LGBT

“A Gillian Tans, Amministratore delegato di Booking.com…”.

“Non accettiamo gay e animali”: ormai il caso ha fatto il giro della rete. La conversazione tra una coppia gay di Napoli e l’omofobo proprietario della casa vacanze in Calabria presso cui la coppia aveva intenzione di trascorrere un breve periodo è diventata di dominio pubblico.

Secondo il proprietario, “la Casa Vacanza Ciufo è un’abitazione privata” e quindi può decidere chi ospitare e chi no. Però la struttura ha pubblicato la sua inserzione su Booking.com e nelle condizioni di servizio del sito è scritto chiaramente che gli alloggi ospitati sulla loro piattaforma di prenotazione non possono discriminare.

Ecco che allora è stata lanciata una petizione per chiedere a Booking.com di non dare spazio all’omofobia.

VAI ALLA PETIZIONE >>> 

A: Gillian Tans, Amministratore delegato di Booking.com

Questa settimana, una coppia gay si è vista rifiutare un alloggio ospitato su Booking.com. La ragione? Il proprietario non accetta gay e animali.

Chiediamo che Booking.com rispetti le proprie condizioni di servizio, che rimuova l’alloggio dal proprio database e che rinnovi pubblicamente il suo impegno contro tutte le discriminazioni.

Ti suggeriamo anche  San Severo, il comune offre ospitalità alla coppia gay discriminata