Evviva! Le multe ai naturisti sono incostituzionali, stop alle sanzioni da 5 a 10mila euro

Una sentenza della Corte costituzionale ha ritenuto irragionevole l’importo della sanzione. Ci spiega tutto l'Avv. Rotelli.

ascolta:
0:00
-
0:00
naturismo spiagge naturiste naturisti multe incostituzionali
naturismo spiagge naturiste naturisti multe incostituzionali
3 min. di lettura

Se il naturismo per alcuni è una filosofia di vita, per molti altri è semplicemente starsene in spiaggia al mare o al lago completamente nudi a prendere il sole o a fare il bagno.

Spiagge gay italiane da non perdere >

In Italia, però, il naturismo non è regolamentato; manca una legge nazionale e solo sei regioni su venti hanno approvato una propria disciplina (Emilia- Romagna, Abruzzo, Veneto, Piemonte, Lombardia, e Sardegna). Questo comporta che nella situazione attuale, a fronte di ottomila chilometri di coste marine, più quelle dei circa millecinquecento laghi, sia possibile praticare il naturismo su una quindicina di spiagge autorizzate, per un totale di chilometri che probabilmente non arriva a dieci.

Al di fuori di esse, chi pratichi naturismo potrebbe incontrare dei problemi, perché la mancanza di una regolamentazione porta ancora a ritenere questa attività tra quelle contrarie alla pubblica decenza (art. 726 c.p.), nonostante il naturismo abbia una lunga tradizione, centinaia di associazioni che se ne occupano nel mondo, anche a livello internazionale, e un impatto non irrilevante sull’economia e sul turismo, che paesi con la stessa vocazione turistica dell’Italia (la Francia tra i più vicini) hanno valorizzato e reso redditizio.

Come avevo approfondito in questo articolo, fino a pochi anni fa gli atti contrari alla pubblica decenza costituivano un reato blando, ma una legge del 2016 li ha depenalizzati generando un paradosso. Infatti, come illeciti amministrativi sono puniti con l’esorbitante sanzione pecuniaria compresa tra 5 e 10 mila euro, mentre quando erano reato venivano puniti con un’ammenda (da 10 a 206 euro) e il reato si estingueva pagando un’oblazione di 103 euro, oltre a esserci la possibilità abbastanza frequente di essere assolti perché, date le concrete condizioni di luogo e di tempo, il fatto poteva non costituire reato.

Pertanto, coloro che dal 2016 hanno praticato il naturismo in qualunque spiaggia italiana al di fuori di quelle ‘autorizzate’ si sono esposti al rischio di essere multati o sono stati effettivamente multati per molte migliaia di euro.

La buona notizia è che la sentenza 14 aprile 2022, n. 95 della Corte costituzionale ha ritenuto irragionevole l’importo della sanzione amministrativa stabilita dal legislatore nel 2016, essendo del tutto sproporzionato rispetto al limitato disvalore della condotta; inoltre ha ritenuto che una cifra così ingente sia ingiusta se messa a confronto con il minore importo stabilito per altri illeciti amministrativi ben più gravi. Per questo la norma è stata dichiarata parzialmente incostituzionale, riducendo la sanzione amministrativa da 51 a 309 euro, pari a quella per cui si può essere sanzionati se si commettono atti osceni colposi (art. 527, terzo comma, cod. pen.).

Quindi, a seguito della sentenza della Corte costituzionale, i naturisti in Italia corrono ora il rischio di essere multati per 51 euro a fronte dei precedenti 5 mila. In attesa della regolamentazione da parte dei legislatori nazionale e regionale, la riduzione di cento volte della sanzione consente di uscire dalla percezione che il passaggio dal reato all’illecito amministrativo avesse determinato, per il naturismo, una nuova situazione di repressione affidata alle forze dell’ordine, per mezzo di una sanzione capace di mandare sul lastrico gran parte degli italiani.

A margine, va aggiunto che la sentenza vale per tutti gli atti che sono considerati contrari alla pubblica decenza e non solo per il naturismo di cui si è occupato questo articolo. Inoltre, la dichiarazione di incostituzionalità produce un effetto positivo per tutti coloro che sono stati multati e non hanno ancora pagato, purché non siano scaduti i termini per farlo, o che hanno fatto ricorso. Per le vicende già concluse, invece, non c’è possibilità di recuperare le maggiori somme pagate.

Antonio Rotelli
Avvocato giurista e attivista LGBTQIA+

 

“Gualtieri ha sbagliato, doveva trascrivere l’atto di nascita”, intervista all’avv. Rotelli sul caso delle due madri

Foto di form PxHere andPxHere

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Shannen Doherty Addio

Addio Shannen Doherty, sempre al fianco dei fragili, in bilico tra forza e vulnerabilità

Serie Tv - Mandalina Di Biase 15.7.24
L'Eras Tour di Taylor Swift è una bellissima illusione: non la capite? - taylor - Gay.it

L’Eras Tour di Taylor Swift è una bellissima illusione: non la capite?

Musica - Riccardo Conte 15.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Chi è Danny Ramirez, che interpreterà l'amante di Joaquin Phoenix nel nuovo film queer di Todd Haynes - Danny Ramirez - Gay.it

Chi è Danny Ramirez, che interpreterà l’amante di Joaquin Phoenix nel nuovo film queer di Todd Haynes

Cinema - Redazione 15.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24

Hai già letto
queste storie?

spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Famiglie Arcobaleno, Corte d'Appello di Venezia "congela" i ricorsi di Padova: "Si pronunci la Corte Costituzionale" - Famiglie Arcobaleno - Gay.it

Famiglie Arcobaleno, Corte d’Appello di Venezia “congela” i ricorsi di Padova: “Si pronunci la Corte Costituzionale”

News - Redazione 11.7.24
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per la difesa dei diritti - PROTOCOLLO DINTESA CGIL CON LE ASSOCIAZIOINI LGBTQIA 0 - Gay.it

CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la difesa dei diritti

News - Redazione 26.6.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24