Thailandia: troppi gay tra i monaci buddisti

di

Un importante monaco buddista thailandese ha invocato selezioni piu' severe per i candidati a indossare l' abito, perche' a suo dire troppi omosessuali stanno diventando monaci.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
6347 0

BANGKOK – Un importante monaco buddista thailandese ha invocato selezioni piu’ severe per i candidati a indossare l’ abito, perche’ a suo dire troppi omosessuali stanno diventando monaci.
“Alcuni monaci omosessuali hanno causato problemi nei templi, bisogna impedire che chi e’ sessualmente deviato sia ordinato”, ha dichiarato Phra Payom Kalayano al quotidiano The Nation, aggiungendo che 700 dei 300.000 monaci in Thailandia sarebbero gay.
Il segretario del capo monastico di Bangkok, Phra Khru Pimornsorakhun, ha fatto sapere che monaci e abati stanno consultando le leggi religiose per verificare quali misure prendere. “Per il momento non siamo giunti a nessuna conclusione”, ha detto.
Le norme monastiche non chiudono ai gay la strada verso l’ordinazione. Per prassi, oltre al giuramento di mantenere per tutta la vita il celibato, agli aspiranti monaci viene chiesto semplicemente se sono uomini o no.

Leggi   Omosessualità e religione: cosa dicono il Vecchio e Nuovo Testamento?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...