Fare coming out a 12 anni, aiutato dal proprio idolo

di

E' successo negli Stati Uniti ad un giovanissimo giocatore di lacrosse ed ad aiutarlo è arrivato...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
11661 0

E’ stato trasmesso da ESPN, un canale tv statunitense di sport, un documentario che racconta la toccante storia di Braeden Lange che un giorno nel febbraio 2015 subì insulti omofobi dai suoi compagni di squadra (lui gioca a lacrosse, uno sport molto in voga simile all’hockey) e prese il coraggio a due mani per spiegare: “Non c’è niente di sbagliato essere gay perché sono gay“. Lo stupore non fu solo dello spogliatoio, ma anche dei genitori di Braeden a cui il ragazzo di 12 anni non aveva ancora fatto il suo coming out.

Braeden trovò subito il pieno sostegno della sua famiglia, ma purtroppo non a scuola. “Voleva addormentarsi e non svegliarsi”, dichiara il padre. Ma poi gli venne un’idea: perchè non contattare quel famoso giocatore di lacrosse, Andrew Goldstein, che nel 2005 fece coming out? E così il padre di Braeden gli scrisse una lunga lettera e lui risposte, commosso. Da quel carteggio nacque una bella amicizia tra Andrew e Braeden, ma anche qualcosa di più. Ai due venne infatti in mente di far nascere un torneo: gli dettero un bel nome, Courage Game, e lo fecero per davvero, nel maggio 2015, a Philadelphia.

Leggi   Come fare coming out con i genitori e amici?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...