Mamma parla del suicidio della figlia transgender FtM

Joanne Lee racconta la storia di Avi e Skylar, le sue due figlie transgender, e del tragico suicidio della seconda per depressione.

Alla NQAPIA News Conference, Joanne Lee ha voluto sensibilizzare la gente sul tema del suicidio di teenager transgender condividendo la sua, forte e dolorosa, storia.

Le sue figlie Avi e Skylar, biologicamente donne, nel 2014 fanno entrambe coming out come transgender, l’una a distanza di pochi mesi dall’altra e per Joanne Lee è uno shock. Da subito non le accetta e fra di loro si crea un muro d’incomprensione e rigetto.

transgender_quotes

Il tutto arriva ad un tragico epilogo il 28 settembre 2015 quando Skylar, a causa di una forte depressione, si toglie la vita a soli 16 anni.

Per la madre è il giorno più brutto di tutta la sua vita, ovviamente, ma è anche un giorno di “rinascita”, nel quale capisce di non esser stata la madre che avrebbe dovuto. Joanne, spezzata dal dolore, ammette di non aver accettato subito i figli ed è proprio a causa di questo, ma anche per un sentimento di rifiuto, bullismo e depressione, suo figlio si è ucciso.

Adesso l’ho capito, ma non ho fatto in tempo, sono stata troppo lenta“, ammette, e continua:

Per dare un senso alla vita di Skylar ho promesso che avrei aiutato la gente a capire che chi è transgender non compie una scelta, nasce così. Ed è per questo che bisogna far sì che anche loro abbiano stesse opportunità, dignità, rispetto e libertà e posti sani dove crescere. Dobbiamo trovare un punto d’unione, che travalichi religione pelle razza, qualsiasi cosa.

Storie

“Dietro le sardine la lobby gay”, l’attacco di Don Alfredo Maria Morselli

"Lobby gay e movimenti giovanili più o meno ecologisti, manovrati dai poteri forti". L'attacco di un parroco di Bologna alle sardine.

di Federico Boni