Audre Lorde: ricordiamo la grande poetessa e paladina LGBT

Audre Lorde era un'attivista contro le ingiustizie a 360 gradi. Leader del movimento LGBT, paladina delle minoranze, oggi avrebbe compiuto 87 anni.

audre lorde
Ricordiamo l'attivista e poetessa Audre Lorde.
3 min. di lettura

Il 18 febbraio 1934 nasceva la poetessa Audre Lorde, morta nel 1992. Oggi avrebbe 87 anni. Audre Lorde si era auto-definita “nera, lesbica, madre, guerriera, poetessa”. È stata un’icona del pensiero femminista, ma anche un punto di riferimento per la storia LGBT e una parte integrante della cultura lesbica del secolo scorso.

Nata ad Harlem (New York) da una coppia di genitori immigrati originari dei Caraibi, la piccola Audre ha imparato velocemente e leggere e a scrivere, dimostrando tutta la sua abilità e la passione per la letteratura. Tanto da scrivere e far pubblicare la sua prima poesia a 15 anni. Si è laureata all’Hunter College, nel 1959, e due anni dopo ha completato il master alla Columbia University. Nel 1968, esce anche la sua prima raccolta di poesie, The First Cities

L’attivismo a 360 gradi di Audre Lorde

Audre Lorde
Audre Lorde

Al suo lavoro di bibliotecaria a New York (ottenuto dopo la conclusione degli studi) affiancava il suo attivismo. Era uno spirito libero, con un grande senso di giustizia e attenta ai diritti civili della comunità black e LGBT. Ingiustizie razziali e sociali, disuguaglianze di genere e identità femminile erano i temi al centro delle sue opere.

Prima delle rivolte di Stonewall del 1969, prima della nascita dei movimenti di liberazione, Audre Lorde si diceva apertamente lesbica. Nonostante il suo orientamento sessuale, nel 1962 si fidanzò e sposò Edwin Rollins, con il quale ebbe due figli. Dopo il divorzio, iniziò una serie di relazioni omosessuali. La più importante, quella con Frances Clayton, che durò dal 1968 al 1988. Altra storia importante fu con Gloria I. Joseph, scrittrice e accademica femminista nera, che la accompagnò fino alla morte, avvenuta il 17 novembre 1992, per un cancro al seno e successivamente al fegato. 

Il fatto che siamo qui e che io pronunci queste parole è un tentativo di rompere quel silenzio e colmare alcune di quelle differenze tra noi, perché non è la differenza che ci immobilizza, ma il silenzio. E ci sono così tanti silenzi da rompere. Quando parliamo, abbiamo paura che le nostre parole non vengano ascoltate né accolte con favore, ma quando taciamo, abbiamo ancora paura, quindi è meglio parlare.

Presente alla celebre marcia nazionale del 1979 su Washington per i diritti di lesbiche e gay, col tempo è diventata anche una leader del movimento LGBT. Una figura importante nella rivendicazione dei diritti, dell’inclusione dell’uguaglianza per tutte le minoranze.

Le maggiori opere

Tra le opere da ricordare, quella che la vedeva come protagonista, nella sua battaglia contro il cancro. In The Cancer Journal (1980) prima e in Burst of Light (1989) poi, racconta infatti come ha combattuto contro il tumore al seno che poi si estese anche al fegato (visse per oltre 10 anni con questo male, decisa a non fare altri interventi).

Per l’identità di genere e il femminismo, scrisse From a Land Where Other People Live, terza raccolta di poesia del 1973. Con Coal nel 1976, divenne finalmente celebre. Nel 1978 era già molto conosciuta, e pubblicò The Black Unicorn (1978), riguardante la cultura africana.

Fondatrice negli anni ’80 della  casa editrice Kitchen Table: Women of Color Press, nel 1982 si occupò anche dell’apartheid, con l’opera Zami: A New Spelling of My Name.

Audre Lorde
Audre Lorde

La strada della lotta per i diritti civili

Tutto il lavoro della sua vita ha incoraggiato la visibilità delle minoranze, il coraggio di mostrasi per quello che si è ha permesso il confronto per combattere le ingiustizie.

Audre Lorde non si è scusata per essere una donna nera, femminista e lesbica, nonostante la comunità LGBT (tra le altre minoranze) non era certo apprezzata dalla società. Audre è andata oltre ciò che ogni persona rappresenta tramite il proprio aspetto fisico. L’identità personale non è dato solo dall’orientamento sessuale o dal colore della pelle.

Audre Lorde ci ha spinto nella direzione giusta. Ma la strada da fare, per far si che il suo sogno si avveri, è anche molto lunga.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

10 compositori queer che hanno fatto la storia della musica

Da Chopin e Schubert a Tchaikovski fino a Bernstein. 10 compositori queer che sono dei giganti della musica classica

Musica - Redazione 18.3.24
Dennis Altman nel 1972

Dennis Altman, una vita tra attivismo e accademia: intervista

Culture - Alessio Ponzio 8.4.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell'Istruzione per la Giornata della Memoria - omocausto circolare ministero istruzione giornata memoria - Gay.it

Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell’Istruzione per la Giornata della Memoria

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
"L’imperatore romano Eliogabalo era una donna": affermazione e transizione di genere al museo - Le rose di Eliogabalo - Gay.it

“L’imperatore romano Eliogabalo era una donna”: affermazione e transizione di genere al museo

Culture - Redazione 23.11.23
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24