BARROSO: NO ALLA DISCRIMINAZIONE

Il presidente designato oggi all'Europarlamento che domani voterà la fiducia alla sua Commissione: "Nessun rimpasto, ma garantisco i diritti di tutti". Voto contrario dalla GAD.

BARROSO: NO ALLA DISCRIMINAZIONE - durao barroso2 - Gay.it
3 min. di lettura

STRASBURGO – Nessun rimpasto nella composizione della Commissione, ma anche una promessa solenne di impegnarsi nella lotta senza esclusione di colpi alla discriminazione. Queste, in sostanza, le posizioni espresse da Jose Manuel Durao Barroso, presidente designato della Commissione Europea, che in mattinata ha ‘arringato’ il Parlamento di Strasburgo, a ventiquattr’ore dal voto dell’Eurocamera.
“Lotteremo contro ogni discriminazione”
A proposito di Buttiglione, Barroso si è detto convinto che “creda nella Carta dei diritti e nei Trattati Ue”, sottolineando che “non accetterebbe mai nella sua Commissione persone non compatibili con i Trattati dell’Unione europea”. “Lo sfortunato incidente” creatosi intorno a Buttiglione in seguito alle dichiarazioni su donne ed omosessuali alla Commissione per le libertà pubbliche “ha sottolineato – ha notato Barroso – come sia importante per noi un’azione decisiva per la non discriminazione”. Barroso ha aggiunto che “non si può nutrire alcun dubbio sul fatto che le politiche sulla non discriminazione siano per noi fondamentali”. Il presidente in pectore dell’Esecutivo Ue spende diversi minuti sul tema, e annuncia che intende costituire e presiedere un Gruppo di Commissari ad hoc, mettere a punto una direttiva quadro e lanciare un piano d’azione contro antisemitismo, razzismo e xenofobia. “Tutte queste iniziative – ha affermato – verranno preparate sotto la mia autorità, e sono pronto a presentarvele personalmente quando sarà tempo. Fatemi essere molto chiaro: garantirò personalmente il pieno controllo delle nostre azioni nella lotta alla discriminazione e nella promozione dei diritti fondamentali”.

BARROSO: NO ALLA DISCRIMINAZIONE - barroso buttiglione01 - Gay.it

Un equilibrio delicato
Barroso ha poi messo in guardia gli eurodeputati contro il rischio di una crisi in caso di rifiuto della sua squadra. “Sono qui per lavorare con voi in uno spirito di compromesso, chiedo da parte vostra lo stesso spirito per il bene dell’Europa – ha insistito Barroso – Penso che la migliore soluzione è quella che vi ho proposto”, ha aggiunto giustificando il suo rifiuto ad assegnare a Buttiglione altro incarico con la necessità di trovare una “posizione di equilibrio”. “L’Unione Europea è un equilibrio difficile. Anche i governi hanno il diritto di rappresentare gli stati e la Commissione, una volta investita, deve rappresentare l’interesse generale europeo”.
Commissione a rischio bocciatura?
Nonostante le garanzie presentate dal Presidente designato, questa Commissione rischierebbe una bocciatura domani nel voto dell’Europarlamento. Se ne dice convinto, ad esempio, Francis Wurtz, capogruppo del Gue (Comunisti europei), che durante una conferenza stampa ha affermato: “Esiste la seria possibilità che l’investitura delal Commissione europea venga rifiutata”. Parlando delle dichiarazioni di Buttiglione, il leader del Gue le ha definito “inadeguate, inaccettabili e anacronistiche”. L’eurodeputato Giusto Catania, intervenendo in conferenza stampa con Wurtz a Strasburgo ha detto che “qualora la Commissione venisse sconfitta non si aprirebbe alcuna crisi istituzionale”. Catania ha anche spiegato che per quanto riguarda il caso Buttiglione dire che “si è agitata una campagna anticattolica è una bugia”. Buttiglione “dovrebbe essere – ha aggiunto Catania – il potere istituzionale che garantisce i diritti fondamentali. Le cose dette dal commissario designato sono in antitesi con questi diritti”.
Europarlamentari italiani: GAD per il no, Polo per il sì
Comincia così la conta dei voti. Ad oggi, sembra che gli eurodeputati italiani del centrosinistra negheranno domani la fiducia alla Commissione europea di Josè Manuel Durao Barroso. In luglio l’Ulivo si era diviso in occasione del voto su Barroso, questa volta la GAD si presenta compatta. Sul fronte opposto, popolari e destre mantengono intatto il loro sostegno all’ex premier portoghese e alla sua squadra.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
And Just Like That 3, ecco quando andrà in onda. Confermato l'addio a Che Diaz - And Just Like That 2 Che Diaz avrà molto più spazio nella nuova stagione - Gay.it

And Just Like That 3, ecco quando andrà in onda. Confermato l’addio a Che Diaz

Serie Tv - Redazione 28.2.24
Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura) - Gloria bacio gay - Gay.it

Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura)

Culture - Federico Boni 28.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Hai già letto
queste storie?

gpa-corte-europea-sentenza

Italia condannata: ha perseguitato Sonia, nata da coppia etero grazie alla GPA

News - Francesca Di Feo 31.8.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
ursula-von-der-layen

L’inquietante silenzio di Von Der Leyen sui temi LGBTQIA+ nell’ultimo State of the Union prima delle Europee 2024

News - Francesca Di Feo 13.9.23