Tel Aviv cancella la Pride Parade 2024. Motivazioni di lutto o semplicemente politiche?

Il Sindaco di Tel Aviv ha comunicato che quest'anno non si terrà la Pride Parade, una delle manifestazioni Lgbtq più importanti al mondo

ascolta:
0:00
-
0:00
Tel Avviv Pride 2024 cancellato
Tel Avviv Pride 2024 cancellato
4 min. di lettura

Non è questo il momento per i festeggiamenti”, esordisce così, il sindaco di Tel Aviv, Ron Huldai, per dichiarare che quest’anno la grande parata del Pride di Tel Aviv non si terrà.

Una decisione presa “in coordinamento con le organizzazioni della comunità gay”, fa sapere il primo cittadino della capitale israeliana. Lo comunica via X/Twitter, per poterlo diffondere più facilmente a tutti. Al posto della classica parata, una delle più importanti al mondo, si terrà una manifestazione per Tel Aviv e Giaffa dal nome altisonante: “Pride, hope, freedom”.

Il motivo? “132 sono i nostri figli e le nostre figlie che sono ancora rapiti a Gaza, il cerchio del lutto si allarga ogni giorno e ci troviamo in uno dei periodi più difficili dello Stato di Israele” continua il messaggio su X. Il riferimento è agli ostaggi di Hamas, 128 sono quelli resi prigionieri il 7 ottobre. Gli altri 4, invece, sono prigionieri storici, che oggi Israele chiede di liberare. Una retorica di un paese in guerra, che da mesi ha intrapreso una vera e propria aggressione contro la popolazione palestinese confinata già da anni nella Striscia di Gaza. I colloqui per un cessate il fuoco, tanto richiesti da tempo, non sono stati risolutivi e l’invasione dell’esercito israeliano anche a Rafah, con il controllo del valico, è ormai realtà.

Ron Huldai, l’attuale sindaco di Tel Aviv, è una figura politica associata alla sinistra israeliana. Ha avuto una lunga carriera come sindaco, e guida la città da quasi 25 anni. Politicamente, Huldai è noto per le sue posizioni progressiste e liberali. È il fondatore del partito “The Israelis”, formatosi come scissione dal partito Laburista, con una piattaforma che include il sionismo laburista, il liberalismo sociale, il progressismo, l’egualitarismo e la soluzione dei due stati, posizionandosi nel centro-sinistra dello spettro politico israeliano​
fonti: Wikipedia e Jewish Insider.

L’appoggio alla scelta di Ron Huldai è abbastanza largo, ma qualcuno ha storto il naso. Il motivo è che il governo ha chiesto di rendere tutti i festeggiamenti più sobri, anche quelli delle feste civili, il Purim, che è stato festeggiato a marzo, e il Giorno dell’Indipendenza, che quest’anno cade il 14 maggio.

Tel Aviv cancella la Pride Parade 2024. Motivazioni di lutto o semplicemente politiche? - tel aviv pride gay 00002 - Gay.it
Tel Aviv Pride

La parata che prenderà il posto del Pride sembra solo voler spostare il focus dal riconoscimento dei diritti e della visibilità Lgbtq verso un più sbiadito senso di speranza e libertà. Qualcuno risponde, infatti, che il Pride non è solo festeggiamento, ma anche un manifesto politico che, come direbbe Judith Butler (filosofa e teorica degli studi di genere, ebrea statunitense) mostra i corpi, veri soggetti di un’azione collettiva.

Nonostante il sindaco progressista cerchi di smorzare la situazione, alcuni appartenenti alla comunità lamentano una vicinanza politica con il governo Netanyahu. Una vicinanza che sarebbe opposta alla storia di Ron Hualdi, come detto dal 1998 sindaco di Tel Aviv, apertamente di centro-sinistra, fondatore di quel The Israelis, partito di sinistra che voleva risollevare il fronte progressista, senza tuttavia riuscirci, mentre il paese man mano è scivolato verso l’estrema destra.

Il messaggio su X si conclude, però, così: “Tel Aviv-Giaffa è la casa della comunità gay, lo è stata e lo sarà sempre. Per il nostro grande impegno a favore della comunità, quest’anno abbiamo deciso di deviare parte del budget destinato alla produzione della parata del Pride, a favore delle attività del ‘Pride Center’ di Tel Aviv-Giaffa. Sentiamo il dolore dell’intero Paese e allo stesso tempo non fermiamo per un momento la lotta per l’uguaglianza e la libertà, per tutti e per tutto. Ci vediamo alla Pride Parade nel giugno 2025”.

Se la situazione fosse come la intendono i detrattori di Huldai, ovvero ci fosse l’intenzione di relegare la comunità Lgbtq a uno stato di non-apparizione, Israele si troverebbe a fare i conti con una situazione stagnante, dove la destra e, in particolare, quella più estrema, si troverebbe a vincere la sua guerra alle persone marginalizzate, siano esse palestinesi, o LGBTIAQ+ o entrambe. Oltre a paragonarsi a tutti gli altri paesi del Medio Oriente, dove la comunità Lgbtq viene discriminata e obliata.

Si spera che questo non sia possibile. La Pride Parade di Tel Aviv avrebbe compiuto quest’anno 45 anni e sarebbe durata una settimana, dal 2 al 9 giugno. È il Pride più importante di tutto il Medio Oriente ed è meta di tantissimi turisti Lgbtq, oltre ad essere la vera manifestazione nazionale Lgbtq. Che sia una scusa perché è tempo di guerra o perché davvero si sente la necessità di una maggiore sobrietà, cancellare il Pride di Tel Aviv risulta, in ogni caso, ai nostri occhi, un fatto grave. E una ulteriore sconfitta dei tanto conclamati buoni propositi di fare di Israele un avamposto delle democrazie. La credibilità di Israele è ormai compromessa?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Leggere fa bene

Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24
And Just Like That 3, Sara Ramirez licenziata perché ha criticato Israele ed espresso sostegno ai palestinesi? - and just like that - Gay.it

And Just Like That 3, Sara Ramirez licenziata perché ha criticato Israele ed espresso sostegno ai palestinesi?

Serie Tv - Redazione 19.1.24
marche pride 2024, sabato 22 giugno ad ancona

Marche Pride 2024: sabato 22 giugno ad Ancona

News - Redazione 6.3.24
Varese Pride 2024: sabato 22 giugno - varesepride 22giugno 2024 1 1 - Gay.it

Varese Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 28.2.24
striscia di gaza

Governo Netanyahu e Hamas sono entrambi estremisti: cessate il fuoco sulla Striscia di Gaza

News - Lorenzo Ottanelli 11.3.24
Napoli Pride 2024 il 29 giugno - Napoli Pride - Gay.it

Napoli Pride 2024 il 29 giugno

News - Redazione 21.12.23
belluno pride 2024, sabato 13 luglio

Belluno Pride 2024: sabato 13 luglio

News - Redazione 25.3.24
lazio pride a Frosinone, sabato 22 giugno

Lazio Pride 2024: a Frosinone sabato 22 giugno

News - Redazione 7.3.24