Caso Stephen Port, serial killer di Grindr: la negligenza della polizia ha contribuito alle morti

Arrestato nel 2015, dopo aver ucciso quattro giovani ragazzi gay. Senza le omissioni della polizia, le sue vittime avrebbero potuto salvarsi.

Caso Stephen Port, serial killer di Grindr: la negligenza della polizia ha contribuito alle morti - 120819185 stephen port mugshot - Gay.it
3 min. di lettura

Stephen Port è conosciuto nel Regno Unito alla stregua di un serial killer. Tra il 2014 e il 2015, quando è poi stato finalmente arrestato, si è reso autore delle morti di quattro giovani ragazzi – tutti tra i 21 e i 25 anni. Conosciuti online, in particolare sull’app di dating gay Grindr, Port li attirava nella sua casa, dove somministrava loro una dose letale di GHB (la droga dello strupro), li violentava e li lasciava poi morire. I loro nomi: Anthony Walgate, Gabriel Kovari, Daniel Withworth e Jack Taylor.

Il processo, durato anni, ha portato alla luce diversi aspetti inquietanti sulla vicenda dopo aver condannato l’uomo al carcere a vita. L’ultima sentenza, che risale al 10 novembre, ha decretato come i fallimenti nelle indagini da parte della polizia abbiano “probabilmente” contribuito alle morti quando, vi fosse stata una ricerca più approfondita, alcune delle sue vittime potrebbero essere ancora vive. Port ha tentato infatti di depistare le immagini in molti modi e, nonostante tutti i cadaveri delle prime tre vittime siano stati ritrovati nello stesso posto, nel cimitero di Barking, è stato solo dopo la quarta vittima che le morti sono iniziate a sembrare sospette agli investigatori che hanno ricollegato i casi per le loro somiglianze.

Caso Stephen Port Gay.it
Anthony Walgate, Gabriel Kovari, Daniel Withworth e Jack Taylor: le vittime di Stephen Port

Alle domande del giudice se le mancanze delle indagini abbiamo “probabilmente” contribuito alle morti causate da Port, la risposta della giuria è stata “Sì”.

Non che sia una vittoria per le famiglie delle vittime che, a differenza di quello che spera la corte – cioè che abbiano trovato delle risposte ad alcune delle loro domande -, hanno dovuto ascoltare la giuria giustificare in qualche modo le mancanze. «Siamo d’accordo sul fatto che gli ufficiali di tutti i gradi all’interno del dipartimento siano stati sottoposti a un pesante carico di lavoro che ha portato a certi errori nelle indagini. [..] Abbiamo concordato che nessuno legato al caso ha avuto il tempo sufficiente per esaminare l’indagine in profondità, il che ha permesso un completo fallimento della supervisione dell’indagine», si è ascoltato nell’aula del tribunale.

Sono queste affermazioni che hanno spinto Peter Tatchell, attivista per i diritti umani, ad accusare la polizia di omofobia istituzionale, chiedendo che i poliziotti coinvolti nel caso siano sottoposti ad azioni disciplinari.

«Le prove fornite all’inchiesta di Stephen Port hanno rivelato che la polizia è stata incompetente, negligente, non professionale e omofobica. Ogni persona gay che ha espresso preoccupazione per le morti è stata ignorata, licenziata e trattata con disprezzo, persino il partner di una delle vittime. Questa è omofobia istituzionale. Gli agenti coinvolti devono affrontare azioni disciplinari»

Che il comportamento della polizia siano quantomeno discutibile è fuori discussione e ha fatto nascere una serie di proteste nella comunità LGBTQ+ britannica, che non si sente protetta da chi dovrebbe far rispettare la legge. Non ci sono prove per accertare che le morti siano state volontariamente sorvolate solo perché riguardavano persone gay, ma la spia del dubbio si è ormai accesa. Troppe incongruenze e omissioni che, in un dipartimento di polizia, non dovrebbero per nessun motivo accadere. La vicenda di Stephen Port, a distanza di quasi sette anni, non si è ancora chiusa e molti, ora, chiedono giustizia anche nei confronti di chi, a quelle morti, non ha creduto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24

Continua a leggere

Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
salerno scritta omofoba

Salerno, il Comune copre la scritta omofoba: “Le differenze sono ricchezza”

News - Redazione Milano 30.8.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
studenti musulmani LGBTIQ

200 studenti musulmani lasciano la scuola per protesta contro personaggi LGBTQI+ sui libri

News - Francesca Di Feo 17.10.23
torino-casarcobaleno-aggressione

Torino, tre minorenni fanno irruzione nella sede di CasArcobaleno urlando insulti omobitransfobici durante una proiezione cinematografica

News - Francesca Di Feo 9.10.23