Cassazione, dire “sei lesbica” a mò di scherno è discriminazione e giustifica il licenziamento. La sentenza

Ridurre il tutto al semplice "comportamento inurbano non è conforme ai valori presenti nella realtà sociale ed ai principi dell'ordinamento".

ascolta:
0:00
-
0:00
Cassazione, dire "sei lesbica" a mò di scherno è discriminazione e giustifica il licenziamento. La sentenza - cassazione - Gay.it
2 min. di lettura

Utilizzare il termine “lesbica” per irridere qualcuno è discrimonatorio. A deciderlo la Cassazione, che ha dato ragione ad una donna derisa alla fermata dei pullman da un collega autista. Da poco diventata mamma di due gemelli, la donna si sentì dire “Ma perché sei uscita incinta pure tu? Non sei lesbica?”. ” E come sei uscita incinta?”.

La donna presentò un esposto a Tper, azienda che ha subito licenziato in tronco l’uomo per giusta causa e senza il diritto all’indennità, parlando di “comportamento gravemente lesivo dei principi del Codice etico aziendale e delle regole di civile convivenza“. Nel 2020 la Corte d’Appello di Bologna aveva ritenuto eccessiva simile decisione, definendo semplicemente “inurbano” il comportamento dell’autista, tanto da condannare Tper a versare all’autista venti mensilità. Ebbene come riportato oggi da LaRepubblica, la Cassazione ha ora ordinato alla Corte d’Appello di rivedere tale decisione.

A detta della Cassazione ci sarebbe da verificare “la sussistenza della giusta causa di licenziamento alla luce della corretta scala valoriale di riferimento“, poiché è “innegabile portato della evoluzione della società negli ultimi decenni la acquisizione della consapevolezza del rispetto che merita qualunque scelta di orientamento sessuale“, attenendo “ad una sfera intima e assolutamente riservata della persona“.

L’intrusione in tale sfera” con “modalità di scherno“, rimarca la Cassazione, non può essere considerata solo “una condotta inurbana” ma una “discriminazione” da punire con il licenziamento. Ridurre il tutto al semplice “comportamento inurbano non è conforme ai valori presenti nella realtà sociale ed ai principi dell’ordinamento“.

La Suprema corte ha infine ricordato come il Codice delle Pari opportunità tra uomo e donna consideri come “discriminazioni” anche le “molestie“, ovvero “quei comportamenti indesiderati, posti in essere per ragioni connesse al sesso, aventi lo scopo o l’effetto di violare la dignità di una lavoratrice o di un lavoratore e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nicholas Borgogni e Giovanni Tesse, Verissimo

Nicholas Borgogni e Giovanni Tesse: il loro rapporto dopo Amici 23

Culture - Luca Diana 23.4.24
Mahmood Matteo Salvini

Salvini di nuovo contro Mahmood, la Lega si oppone al premio Rosa Camuna

Musica - Mandalina Di Biase 24.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Gianna Nannini: "Carla mi ha salvata, l'unica persona che in tutta la mia vita mi ha sempre sostenuto" - Sei nellanima foto Ralph Palka SNA 491A7764 - Gay.it

Gianna Nannini: “Carla mi ha salvata, l’unica persona che in tutta la mia vita mi ha sempre sostenuto”

Culture - Federico Boni 24.4.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24

Hai già letto
queste storie?

Via all'iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale - Carriera Alias - Gay.it

Via all’iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale

News - Redazione 24.4.24
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay” - Jack Chambers 1 - Gay.it

Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay”

News - Redazione 16.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Nyad, Annette Bening è l'atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer - NYAD - Gay.it

Nyad, Annette Bening è l’atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer

Cinema - Redazione 30.10.23
Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23