Aosta Pride 2024: il 12 ottobre

Dopo la prima storica parata in città del 2022, Aosta Pride torna per le vie del centro, per un importante momento di memoria e rivendicazione

ascolta:
0:00
-
0:00
aosta pride 2024, 12 ottobre
3 min. di lettura

L’Aosta Pride, in programma per il 12 ottobre 2024, si appresta a colorare nuovamente le strade della città, a due anni dal suo primo storico evento in Valle d’Aosta. Questa manifestazione, che segue la traccia della storica parata del 2022 e la Pride Week del 2023, continua a essere un appuntamento fondamentale per la comunità LGBTQIA+ e le persone alleate nella regione.

Ti invitiamo a seguire le pagine social di Aosta Pride per aggiornamenti su luogo di ritrovo, arrivo ed altre informazioni essenziali relative alla parata:

  1. Facebook Abruzzo Pride
  2. Instagram Abruzzo Pride

Aosta Pride 2024. In programma una serie di eventi già dalla fine di settembre

Sotto la guida confermata di Giulio Gasperini (Presidente) e Alice Sartore (Vicepresidente), il Comitato Aosta Pride, che opera attraverso l’associazione Arcigay Valle d’Aosta – Queer Vda, mira a portare avanti l’impegno intrapreso negli ultimi anni. Quest’anno, il programma inizierà già dalla fine di settembre, con una serie di eventi culturali e di intrattenimento che animeranno la città, culminando nella grande parata del 12 ottobre. La squadra include membri dedicati a tematiche specifiche come migrazione, gioventù, questioni legali, cultura, salute, e altro ancora, con l’obiettivo di consolidare il lavoro svolto, in particolare nelle scuole e nelle istituzioni regionali, per promuovere la sensibilizzazione e il dialogo su un ampio ventaglio di identità di genere e orientamenti sessuali.

Crescita dell’associazione e supporto della comunità

Queer Vda ha visto una significativa crescita, con oltre 150 membri registrati, incluse persone alleate della comunità queer. La partecipazione attiva e il supporto di queste persone sono stati fondamentali per il successo delle iniziative dell’associazione, che non si limitano solo al Pride ma includono anche progetti culturali, sportivi, e ricreativi.

L’Aosta Pride non è solo un evento di un giorno all’anno, ma una piattaforma, un luogo costantemente presente dove affrontare questioni importanti come la visibilità della comunità LGBTQIA+, i diritti civili e sociali, l’accesso alla sanità sensibile alle esigenze transgender, e le discriminazioni sul posto di lavoro. L’associazione pone un’enfasi particolare sulle questioni di inclusione scolastica, rappresentanza politica, e il supporto alle famiglie LGBTQIA+.

Visione dell’Aosta Pride e tematiche centrali

Il Pride di Aosta si impegna a promuovere una cultura di inclusione, combattendo contro l’autocensura e l’invisibilità. Inoltre, si concentra sul riconoscimento delle minoranze sessuali e di genere, sottolineando l’importanza dell’intersezionalità e dell’unione tra le diverse lotte per la libertà e i diritti umani. Le tematiche trattate includono anche la necessità di una sanità più inclusiva, la lotta contro le discriminazioni lavorative, il supporto alla popolazione LGBTQIA+ anziana, e la difesa del diritto all’interruzione volontaria della gravidanza.

L’Aosta Pride 2024 rappresenta un passo importante nella lotta per la visibilità della comunità LGBTQIA+ in Valle d’Aosta e oltre. Con una leadership rinnovata e un focus chiaro sulle questioni chiave, l’evento si pone come un punto di riferimento nella battaglia per i diritti e l’inclusione, sottolineando l’importanza di un impegno collettivo. 

L’importanza di partecipare ai Pride locali

La partecipazione ai Pride locali, come l’Aosta Pride, riveste un’importanza cruciale, spesso diversa da quella dei Pride nelle grandi metropoli. Questi eventi hanno un impatto significativo sulla comunità locale e sull’intero movimento per i diritti LGBTQIA+.

  1. Promozione della visibilità di comunità piccole: i Pride locali portano visibilità alle questioni LGBTQIA+ in aree dove spesso c’è meno rappresentazione e consapevolezza. Questo aiuta a contrastare l’isolamento che molte persone queer possono sperimentare in città e paesi di dimensioni nettamente inferiori rispetto alle grandi metropoli italiane.
  2. Rafforzamento del tessuto comunitario: gli eventi Pride locali rafforzano la comunità LGBTQIA+ e i loro alleati a livello regionale, creando un senso di appartenenza e sostegno che può essere più difficile da realizzare nelle grandi città.
  3. Sensibilizzazione e cambiamento locale: i Pride locali svolgono un ruolo essenziale nell’educare la popolazione locale sulle questioni LGBTQIA+, promuovendo un cambiamento sociale e politico a livello locale che può avere un impatto diretto sulla vita quotidiana delle persone.
  4. 4. Accessibilità e partecipazione personale: gli eventi locali sono spesso più accessibili per le persone che vivono in quelle aree, permettendo una partecipazione più ampia e personale. Questo è particolarmente importante per coloro che potrebbero non avere la possibilità o i mezzi per viaggiare verso le grandi città.
  5. 5. Celebrare la diversità regionale: i Pride locali offrono l’opportunità di celebrare la diversità unica di ogni regione, incorporando elementi culturali locali e mostrando come la comunità LGBTQIA+ sia parte integrante del tessuto sociale di ogni area.
  6. Creare un impatto diretto: le attività e le campagne di sensibilizzazione condotte durante i Pride locali possono avere un impatto diretto e tangibile sulla legislazione locale e sulle politiche, influenzando direttamente le vite delle persone LGBTQIA+ nella regione.
  7. Supporto alle organizzazioni locali: partecipare ai Pride locali significa anche supportare le organizzazioni LGBTQIA+ della regione, che lavorano a stretto contatto con la comunità locale per fornire servizi, supporto e advocacy.

aosta pride 2024

Scopri altre date di Pride 2024 in Italia 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24

Leggere fa bene

ragusa pride 2024, il 29 giugno

Ragusa Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 22.1.24
palermo pride

Palermo Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 20.2.24
Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno - abruzzopride pescara - Gay.it

Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno

News - Redazione 14.12.23
Sanremo Pride 2024: il 6 aprile  - sanremopride - Gay.it

Sanremo Pride 2024: il 6 aprile 

News - Redazione 12.1.24
alessandria pride 2024, il 25 maggio

Alessandria Pride 2024: il 25 maggio

News - Redazione 12.2.24
umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24
giorgia-meloni-contestata-aosta

Arcigay Aosta contesta Giorgia Meloni in visita nel capoluogo valdostano: “Contro l’invisibilizzazione della nostra comunità”

News - Francesca Di Feo 1.2.24
molise pride, 13 luglio 2024

Molise Pride 2024: ad Isernia il 13 luglio

News - Redazione 10.2.24