Che cos’è e perché è importante l’Unar che nel 2017 Meloni voleva chiudere?

È a rischio l'operatività dell''ufficio che contrasta le discriminazioni.

ascolta:
0:00
-
0:00
unar meloni
unar ufficio anti discriminazioni governo meloni simone alliva
2 min. di lettura

Lavora da anni contro tutte le discriminazioni, incluse per orientamento sessuale e identità di genere. Ma ora che Giorgia Meloni siede alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, a rischio è la sua operatività. Nel 2017, infatti, Meloni chiese l’immediata chiusura tramite un’interrogazione parlamentare. Che fine farà adesso con Fratelli d’Italia al potere?

Che cos’è Unar?
L’Unar (www.unar.it), ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (sede in Largo Chigi, 19 – Roma), nasce nel 2003, quando il governo decide di recepire una Direttiva europea proprio sull’istituzione di un ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica.

Negli ultimi anni l’attività dell’Ufficio si è estesa anche all’ambito delle discriminazioni di rom e sinti e delle discriminazioni di genere, identità di genere o di orientamento sessuale, grazie a un provvedimento del 2010 dell’allora ministra Mara Carfagna.

Un osservatorio fondamentale su un fenomeno come quello dell’omotransfobia che in Italia soffre di un’importante under-reporting (non esiste reato, non esiste una statistica per le forze dell’ordine). Tutto è affidato alle denunce dell’associazioni, al coraggio dei singoli e al lavoro dell’Unar ,che ogni anno gestisce più di mille contatti, tratta centinaia di istruttorie.

Nel 2010 il Call center, attivo dal 2005, è stato trasformato in Contact center, provvisto non solo di un numero verde gratuito (800 90 10 10), ma di una piattaforma informatica che consente a testimoni o vittime di fare una segnalazione anche on line o con una mail. Ha al suo attivo un osservatorio media e web, pronto a segnalare le dichiarazioni lesive ai danni dei cittadini che viaggiano su quotidiani, blog e tv.

Organizza tutti gli anni, tramite bandi, una settimana contro la violenza e una contro il razzismo nelle scuole, e costituisce, di concerto con enti locali e associazioni «antenne» sparse quasi per tutto il Paese, iniziative per affinare sensibilità e competenze nell’ambito delle discriminazioni. Ha all’attivo un tavolo con le associazioni trans per monitorare la difficilissima situazione dell’accesso al lavoro o del mantenimento del posto.

Nel 2018 si costituisce il tavolo di consultazione permanente per la promozione dei diritti e la tutela delle persone LGBT. Con la partecipazione di una cinquantina di associazioni, coordinato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità, Vincenzo Spadafora, alla presenza del capo del Dipartimento per le Pari Opportunità Alessandra Ponari e del direttore dell’Unar Luigi Manconi.

Tra gli obiettivi vi era quello di redigere il primo piano d’azione a tutela delle persone LGBT. Insomma la cosiddetta Strategia Nazionale LGBTQ+ dell’UNAR, contenente gli impegni a sostegno della comunità arcobaleno è un progetto triennale finanziata con fondi europei che già esistono, a scadenza breve (un anno).

Adesso la Strategia dovrebbe essere finanziata con fondi che l’UNAR ha chiesto alla Commissione Europea ben prima del governo Draghi ma con il governo Conte 2.

Bisogna usare il condizionale. La strategia si presenta, carte alla mano, come un atto amministrativo firmato dal neo-presidente dell’UNAR Mattia Peradotto.

L’Unar fa capo al dipartimento per le Pari Opportunità, sempre secondo il decreto che lo istituisce. Con il nuovo Governo, la neo ministra Eugenia Roccella seguirà il dettato di un decreto direttoriale? E Meloni, in qualità di Presidente del Consiglio, finirà per smantellare l’UNAR con il rischio di depotenziare la lotta ai pregiudizi e ostacolare l’Italia nel suo già difficile percorso verso la convivenza civile?

Cosa fa l’Unar >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24

Continua a leggere

napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
intersex intersessualita

Persone intersex, le informazioni sull’intersessualità nella sezione dell’ISS (finanziato da Unar)

Corpi - Redazione Milano 26.10.23
Guglielmo Giannotta Eugenia Roccella corpo delle donne patriarcato identità di genere stereotipi di genere studi di genere

L’ignoranza di Roccella, il corpo delle donne come causa delle violenze: la risposta di Guglielmo Giannotta

News - Redazione Milano 27.11.23
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all'autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo - La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA COVER - Gay.it

“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all’autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo

Culture - Federico Boni 7.12.23
Chiara Francini voce del podcast Refuge: "Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia" - INTERVISTA - chiara francini 2 - Gay.it

Chiara Francini voce del podcast Refuge: “Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia” – INTERVISTA

News - Federico Boni 10.11.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23