L’ignoranza di Roccella, il corpo delle donne come causa delle violenze: la risposta di Guglielmo Giannotta

"Penso alla negazione dell'identità femminile, penso allo schwa, all'idea che chiunque possa dichiararsi donna". La ministra conferma l'incapacità di questa destra di studiare per comprendere.

ascolta:
0:00
-
0:00
Guglielmo Giannotta Eugenia Roccella corpo delle donne patriarcato identità di genere stereotipi di genere studi di genere
Guglielmo Giannotta Eugenia Roccella corpo delle donne patriarcato identità di genere stereotipi di genere studi di genere
2 min. di lettura

La ministra delle Famiglia, della Natalità e delle Pari Opportunità Eugenia Rossella è intervenuta ieri,  25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in prima serata su Rai 3, all’interno del programma “Che sarà” di Serena Bortone (qui la puntata su Rai Play). Inquietante è apparsa l’impreparazione di Roccella rispetto agli studi di genere e la difficoltà della ministra a tenere separati l’identità della singola persona dalla percezione che un’altra persona abbia di quella persona e della sua identità di genere. Un dialogo a tratti imbarazzante, nel quale Serena Bortone non ha voluto o potuto incalzare la ministra.

Alla domanda di Bortone se si definisca femminista, Roccella ha risposto convintamente di sì. La ministra si è quindi detta soddisfatta della legge votata all’unanimità dal parlamento, e felice che il governo abbia promosso il numero di aiuto 1522.

Quindi Roccella ha detto testualmente quanto segue:

Il patriarcato è una storia che ci appartiene, è la storia dell’oppressione dell’uomo sulla donna, il patriarcato esiste. Ci sono le vecchie forme di patriarcato che in alcune aree del mondo le donne vivono in prima persona, penso per esempio all’Iran, e che anche noi in parte ancora viviamo, ma penso che ci siano anche nuove forme di patriarcato, che forse vengono analizzate poco. Penso alla negazione dell’identità femminile, penso allo schwa, all’idea che chiunque possa dichiararsi donna (facendo riferimento all’affermazione di genere), perché questo non parte dal punto fondamentale, e cioè che il motivo principale dell’oppressione delle donne è il corpo sessuato, infatti lo stupro, la violenza partono da lì. Le donne sono oppresse perché hanno un corpo di donna. Le pari opportunità che dobbiamo raggiungere partono da questa differenza, la differenza sessuale, il corpo sessuale

Quindi Serena Bortone chiede a Roccella se condivida la frase di Elena Cecchettin “I mostri non sono malati, ma sono figli sani del patriarcato”?

Non sono mostri, io non lo direi in quel modo. Una donna che muore ogni tre giorni comunque evidenzia che c’è un problema” risponde la ministra.

Alle aberranti posizioni di Roccella, che se la prende con i corpi, e non con le identità, ignorando completamente il tema degli stereotipi di genere inculcati dall’oppressione del patriarcato, risponde il presidente di Acet Transgenere Guglielmo Giannotta su Instagram con un efficace video che fa il punto sui macroscopici errori di Roccella.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Guglielmo Giannotta (@guglielmogiannotta)

Roccella ha sostenuto che il motivo dell’oppressione nei confronti delle donne è il corpo sessuato – spiega Giannotta – ma l’aggressore, verosimilmente un uomo, agisce violenza su una donna perché essa si identifica come donna o perché l’aggressore la percepisce come tale? L’aggressore chiede, prima di agire violenza, – prosegue il presidente Acet – ‘scusami, giusto per conferma, tu sei una donna vero?’. No, non lo fa. Non è un tema di identità, è un tema di percezione. Indipendentemente da come ti identifichi, riceverai violenza di genere se l’aggressore ti percepirà come una donna.”

Secondo l’attivista di Acet è interessante notare come la persona che dovrebbe occuparsi delle pari opportunità e delle politiche di genere di tuttə leə cittadinə non è in verità in grado di acquisire un concetto considerato piuttosto basico nel quadro degli degli studi di genere (qui Judith Butler per un rapido ripasso).

Infine Giannotta, ricordando le piazze di ieri 25 Novembre organizzate da Non Una Di Meno, ha sottolineato quanto fosse giusto che, tra i nomi delle vittime ricordati, ci siano stati anche i nomi delle donne trans.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Non Una Di Meno (@nonunadimeno)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24

Leggere fa bene

BigMama Sanremo 2024 La rabbia non ti basta

BigMama a Sanremo 2024: “Mi gridavano ‘cicciona’, ora guardate quanto sono fi*a”

Musica - Emanuele Corbo 12.1.24
roccella-teoria-del-gender

Roccella e le retoriche di una ‘vecchia femminista’: “La teoria del gender è il nuovo patriarcato”

News - Francesca Di Feo 7.12.23
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23
Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane - Sessp 27 - Gay.it

Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane

News - Federico Colombo 7.2.24
performativita-omosessuale-donne-etero

Performatività omosessuale: perché due donne etero dovrebbero baciarsi?

News - Francesca Di Feo 30.11.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
libri mascolinita tossica patriarcato

Abbasso il macho: 5 libri per riscrivere la maschilità

Culture - Federico Colombo 29.11.23