L’ignoranza di Roccella, il corpo delle donne come causa delle violenze: la risposta di Guglielmo Giannotta

"Penso alla negazione dell'identità femminile, penso allo schwa, all'idea che chiunque possa dichiararsi donna". La ministra conferma l'incapacità di questa destra di studiare per comprendere.

ascolta:
0:00
-
0:00
Guglielmo Giannotta Eugenia Roccella corpo delle donne patriarcato identità di genere stereotipi di genere studi di genere
Guglielmo Giannotta Eugenia Roccella corpo delle donne patriarcato identità di genere stereotipi di genere studi di genere
2 min. di lettura

La ministra delle Famiglia, della Natalità e delle Pari Opportunità Eugenia Rossella è intervenuta ieri,  25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in prima serata su Rai 3, all’interno del programma “Che sarà” di Serena Bortone (qui la puntata su Rai Play). Inquietante è apparsa l’impreparazione di Roccella rispetto agli studi di genere e la difficoltà della ministra a tenere separati l’identità della singola persona dalla percezione che un’altra persona abbia di quella persona e della sua identità di genere. Un dialogo a tratti imbarazzante, nel quale Serena Bortone non ha voluto o potuto incalzare la ministra.

Alla domanda di Bortone se si definisca femminista, Roccella ha risposto convintamente di sì. La ministra si è quindi detta soddisfatta della legge votata all’unanimità dal parlamento, e felice che il governo abbia promosso il numero di aiuto 1522.

Quindi Roccella ha detto testualmente quanto segue:

Il patriarcato è una storia che ci appartiene, è la storia dell’oppressione dell’uomo sulla donna, il patriarcato esiste. Ci sono le vecchie forme di patriarcato che in alcune aree del mondo le donne vivono in prima persona, penso per esempio all’Iran, e che anche noi in parte ancora viviamo, ma penso che ci siano anche nuove forme di patriarcato, che forse vengono analizzate poco. Penso alla negazione dell’identità femminile, penso allo schwa, all’idea che chiunque possa dichiararsi donna (facendo riferimento all’affermazione di genere), perché questo non parte dal punto fondamentale, e cioè che il motivo principale dell’oppressione delle donne è il corpo sessuato, infatti lo stupro, la violenza partono da lì. Le donne sono oppresse perché hanno un corpo di donna. Le pari opportunità che dobbiamo raggiungere partono da questa differenza, la differenza sessuale, il corpo sessuale

Quindi Serena Bortone chiede a Roccella se condivida la frase di Elena Cecchettin “I mostri non sono malati, ma sono figli sani del patriarcato”?

Non sono mostri, io non lo direi in quel modo. Una donna che muore ogni tre giorni comunque evidenzia che c’è un problema” risponde la ministra.

Alle aberranti posizioni di Roccella, che se la prende con i corpi, e non con le identità, ignorando completamente il tema degli stereotipi di genere inculcati dall’oppressione del patriarcato, risponde il presidente di Acet Transgenere Guglielmo Giannotta su Instagram con un efficace video che fa il punto sui macroscopici errori di Roccella.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Guglielmo Giannotta (@guglielmogiannotta)

Roccella ha sostenuto che il motivo dell’oppressione nei confronti delle donne è il corpo sessuato – spiega Giannotta – ma l’aggressore, verosimilmente un uomo, agisce violenza su una donna perché essa si identifica come donna o perché l’aggressore la percepisce come tale? L’aggressore chiede, prima di agire violenza, – prosegue il presidente Acet – ‘scusami, giusto per conferma, tu sei una donna vero?’. No, non lo fa. Non è un tema di identità, è un tema di percezione. Indipendentemente da come ti identifichi, riceverai violenza di genere se l’aggressore ti percepirà come una donna.”

Secondo l’attivista di Acet è interessante notare come la persona che dovrebbe occuparsi delle pari opportunità e delle politiche di genere di tuttə leə cittadinə non è in verità in grado di acquisire un concetto considerato piuttosto basico nel quadro degli degli studi di genere (qui Judith Butler per un rapido ripasso).

Infine Giannotta, ricordando le piazze di ieri 25 Novembre organizzate da Non Una Di Meno, ha sottolineato quanto fosse giusto che, tra i nomi delle vittime ricordati, ci siano stati anche i nomi delle donne trans.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Non Una Di Meno (@nonunadimeno)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, parte la commissione del governo che ne “rivaluterà” l’utilizzo, ma le associazioni LGBTI+ non sono coinvolte

News - Francesca Di Feo 16.5.24
5 libri su erotismo, ambiente, pratica femminista e queerness - Matteo B Bianchi7 - Gay.it

5 libri su erotismo, ambiente, pratica femminista e queerness

Culture - Federico Colombo 5.7.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Prisma 2 Jacopo - Andrea Giammarino - Carriera Alias Gay.it

Prisma 2, Andrea Giammarino è Jacopo, ma anche un po’ sé stesso: la sua storia vera ha ispirato il suo personaggio

Serie Tv - Giuliano Federico 1.6.24
Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24
Angelica Schiatti e Morgan

“Insulti, minacce e revenge porn”: la vicenda tra Angelica e Morgan, Calcutta attacca Warner, terremoto nel mondo della musica

Musica - Emanuele Corbo 10.7.24
Giulia Stabile Amici

Giulia Stabile di Amici insultata per lo spazio tra i denti. La risposta agli hater è da applausi

Corpi - Emanuele Corbo 25.6.24