Chi è Helena Dalli, la nuova commissaria Ue all’Uguaglianza

A favore delle minoranze, alla Commissione Ue arriva un'altra nomina importante: la socialista maltese Helena Dalli.

Chi è Helena Dalli, la nuova commissaria Ue all'Uguaglianza - helena dalli - Gay.it
2 min. di lettura

Ursula Gertrud von der Leyen nei giorni scorsi ha annunciato i 27 nomi dei commissari Ue, che saranno chiamati a guidare la Commissione Europea, della quale la stessa Der Leyen è presidente. Agli Affari Economici è andato il nostro Paolo Gentiloni, mentre spicca un nome che porta grandi speranze per tutte le minoranze: la nuova commissaria all’Uguaglianza sarà la maltese Helena Dalli.

Classe 1962, sposata e con due figli. Ha praticamente dedicato la sua vita ai diritti. 

La carriera di Helena Dalli

Partiamo dalla sua carriera in Europa: è stata prima ministro per il Dialogo sociale e le libertà civili (dal 2013 al 2017). Poi, dal 2018 al 2019, ha ricoperto il ruolo di ministro per l’Unione europea e l’uguaglianza. Ora, un nuovo passo in avanti, all’interno della Commissione Europea, assieme alle altre 13 donne e 14 uomini, nelle rispettive nomine.

Ma anche a Malta è conosciuta per le sue battaglie. Ad esempio, quella a favore delle unioni civili, la cui legge è stata approvata nel 2014. Oppure quelle per prevenire tutte le forme di discriminazione. Grande attenzione anche per le persone transgender e intersessuali, oltre al suo impegno nei confronti dell’identità di genere, compreso il riconoscimento del proprio genere auto-determinato, senza quindi operazioni e accertamenti medici. Tutte battaglie vinte con successo. Sempre grazie a lei, Malta può vantare di essere il primo Paese europeo ad aver bandito le terapie riparative (dal 2016). Il suo impegno è stato molto significativo per l’intero Paese, che è diventato il migliore in termini di accoglienza. 

Chi è Helena Dalli, la nuova commissaria Ue all'Uguaglianza - dalli - Gay.it

Altro passo in avanti nel 2017, con l’approvazione del matrimonio egualitario. Oltre ai diritti LGBT, Helena Dalli ha pensato anche alle donne, eliminando qualsiasi forma di discriminazione per le donne che desiderano rimanere incinta, introducendo un fondo per il congedo di maternità. In questo modo, il datore di lavoro non avrà motivo di scegliere un altro candidato e la donna, dopo il parto, avrà sicuro il suo posto di lavoro.

Insomma, una nomina azzeccata, quella fatta da Ursula Von Der Leyen. Sicuramente in linea con il passato di Helena Dalli, sempre pronta a battersi a favore delle minoranze. Del resto, nel 2017 è stata la prima donna maltese a vincere  l’European Diversity Award, proprio per il suo lavoro a favore dei diritti umani e l’uguaglianza a livello locale e internazionale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24

Hai già letto
queste storie?

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
TikTok Commissione Europea indagine

TikTok ci riduce a conigli intrappolati nella tana, manipola la salute mentale di minori e giovani, e crea dipendenza: l’Unione Europea apre indagine

Culture - Mandalina Di Biase 21.2.24
TRNASgender Next Generation EU

Affermazione di genere, semplificare i percorsi e superare la legge 164 del 1982: cos’è il progetto T.R.A.N.S. – INTERVISTA

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
idahot-forum-diritti-lgbtqia

L’Unione Europea è dalla nostra parte, ecco l’IDAHOT+ forum per il 17 Maggio

News - Francesca Di Feo 13.5.24
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
polonia-riconoscimento-coppie-omosessuali-cedu

Polonia, negare il riconoscimento alle coppie omosessuali viola la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo

News - Francesca Di Feo 14.12.23