Perché l’UE dice che la Chiesa deve fino a 11 miliardi di euro a noi cittadinə italianə

Riccardo Magi di + Europa ha spiegato con chiarezza come è stato accumulato il debito.

ascolta:
0:00
-
0:00
chiesa 11 miliardi imu ici
chiesa 11 miliardi imu ici
3 min. di lettura

L’Unione Europea lo scorso 3 Marzo ha richiesto al Governo italiano di recuperare immediatamente e completamente e con interessi le tasse ICI e IMU non pagate tra il 2006 e il 2011 da numerosi enti, in gran parte ecclesiastici, che avevano beneficiato di esenzioni considerate “illegittime”.

Non desta sorpresa il silenzio del Governo Meloni e della sua maggioranza (che hanno appena rifilato una stangata allə Italiane proprio sugli immobili > Corriere.it), ma quello dei due principali partiti di opposizione, Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle, inchiodati ai timori opportunistici di entrare in collisione con il potere temporale della Chiesa di Roma e con quella CEI capace di spostare milioni di voti cattolici.

La notizia ha infatti gettato nel panico proprio la Conferenza Episcopale Italiana (CEI). Il segretario generale della CEI, Giuseppe Baturi, ha inviato recentemente una lettera di preoccupazione a tutte le diocesi che annuncia il macroscopico debito fiscale accumulato con lo Stato italiano, dunque con noi tuttə cittadinə della Repubblica, dalla Chiesa di Roma. Somma che potrebbe variare tra i 3,5 e gli 11 miliardi di euro.

Riccardo Magi, deputato di +Europa, è intervenuto per spiegare la situazione durante un’intervista su Radio24 (qui l’audio).

“Il governo nella legge di bilancio non è riuscito a trovare i fondi per garantire i servizi per i cittadini e investire in istruzione, sanità e ricerca – scrivono sui social Magi e +Europa – mentre l’Europa ci indica dove si possono prendere le risorse: miliardi e miliardi di ICI arretrata che possono essere usati per investire nelle giovani generazioni, nella scuola e nella ricerca scientifica”

Secondo l’Unione Europea la macroscopica somma dovuta deriva dalla non legittima legislazione sull’ICI, successivamente trasformata in IMU, che ha sempre previsto esenzioni per enti, non solo religiosi, che si occupano di attività di assistenza e accoglienza, a condizione che tali attività fossero al di fuori dei circuiti commerciali. Ma come spiega il deputato di +Europa, il problema principale è che queste strutture sono di proprietà di innumerevoli enti, ordini e congregazioni religiose, ciascuno con personalità giuridiche distinte, rendendo estremamente complicato il controllo e il recupero delle somme dovute.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da +Europa (@piueuropa)

Negli anni la Chiesa si è opposta, adducendo la motivazione che le sue strutture sono funzionali a servizi di carità verso le persone bisognose. Ma la verità è che moltissime strutture della Chiesa sono destinate ad attività commerciali e generano profitto.

Ad esempio, ci sono numerosi alberghi a Roma di proprietà di enti religiosi (IlFattoQuotidiano) che operano nel settore ricettivo, concorrendo direttamente con strutture private come alberghi e bed & breakfast. Tuttavia, a causa della loro natura ecclesiastica, non hanno mai versato ICI e IMU.

Curiosamente il Governo Meloni sta inasprendo le tasse per chi produce reddito mediante affitti temporanei (Airbnb eccetera), ma non ha mostrato alcuna attenzione per il recupero dei soldi che secondo l’UE la Chiesa Cattolica deve allo Stato italiano. È importante perseguitare le famiglie omogenitoriali e rendere reato universale la gestazione per altri, ma non è importante recuperare 11 miliardi dovuti dalla Chiesa alle casse dell’erario. E quindi a tuttə noi cittadinə.

Durante l’intervento a Radio24, Magi ha denunciato la presenza persistente di una “zona grigia” nelle normative italiane, con tentativi di opacizzare ulteriormente la situazione da parte di alcuni governi passati, i governi Berlusconi 2006-2011 in primis, quando fu fatta la norma che favoriva la Chiesa. Nonostante alcune modifiche legislative, la questione rimaneva irrisolta, e solo dopo l’intervento della Commissione Europea, che ha classificato queste esenzioni fiscali come “aiuti di Stato“, il governo Monti (2011 – 2013) ha apportato alcune modifiche al regolamento. Tuttavia, la zona grigia rimaneva, e tra il 2014 e il 2015, si è scoperto che il 40% delle strutture ricettive pubblicizzate sui siti ufficiali del Comune di Roma non aveva mai versato l’Imu, mentre il 20% lo pagava solo a tratti.

Secondo l’ingiunzione dell’Unione Europea, il recupero delle tasse non versate deve avvenire in modo tempestivo, altrimenti potrebbe scattare una procedura di infrazione. Ciò che si è consumato è una vera e propria violazione delle normative europee sugli aiuti di Stato (La Stampa). Pertanto, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha richiesto un effettivo recupero dei fondi, anche se ciò potrebbe rivelarsi una sfida complessa.

Magi ha concluso affermando che si tratta di una questione di giustizia ed equità, poiché molte di queste strutture continuano a eludere le normative, applicando prezzi di mercato nonostante le esenzioni previste. Ha sottolineato l’importanza di recuperare queste risorse, soprattutto in un momento in cui è difficile garantire servizi pubblici e sono stati tagliati i finanziamenti per settori come la disabilità. Magi ha invitato i cittadini italiani e lo Stato a cercare il sostegno della Commissione Europea per recuperare questi fondi, quanto mai necessari in un delicatissimo momento finanziario per l’Italia.

 

Copertina: editing di una foto Instagra da Vaticannews

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24

Continua a leggere

Carpi, bufera tra cattolici per un quadro che ritrae un uomo chinato sulle parti intime di Gesù - gratia plena opera di andrea saltini esposta a carpi 1961856 - Gay.it

Carpi, bufera tra cattolici per un quadro che ritrae un uomo chinato sulle parti intime di Gesù

News - Redazione 6.3.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco, il Vaticano chiarisce: “Non voleva offendere o esprimersi in termini omofobi. In Chiesa spazio per tutti”

News - Redazione 28.5.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco come Giorgia Meloni: “Teorie gender pericolosissime, GPA da proibire a livello universale”

News - Redazione 8.1.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24