CIAO PAOLO

Migliaia di fiaccole accese la notte scorsa in Campidoglio in memoria di Paolo Seganti, l'omosessuale trucidato a Roma. Gay, istituzioni, Veltroni, almeno questa volta uniti per dire no.

CIAO PAOLO - fiacco paolo02 - Gay.it
4 min. di lettura

ROMA – Sono tanti, tantissimi, i lumi che tremolanti, in un silenzio irreale, salgono al Campidoglio. I volti di coloro che li reggono suggeriscono commozione ma il pensiero è altrove, lontano; corre, atrocemente rapido, a quel maledetto parco dove si è scatenato l’odio più feroce, l’odio che ha massacrato Paolo Seganti, trentottenne omosessuale romano, morto per la furia omicida di sconosciuti nella notte dell’11 luglio. “Omicidio violento”, “barbara esecuzione”, “Roma non ha saputo ascoltare”, “follia” ha detto la stampa il giorno dopo. Era troppo tardi.

CIAO PAOLO - fiacco paolo01 - Gay.it

E’ il dolore il protagonista della fiaccolata che si è svolta la notte scorsa a Roma in commemorazione di Paolo. Il dolore che riga il volto dei suoi amici, quello che è negli occhi lucidi dei numerosi omosessuali presenti e nella terrea serietà degli esponenti politici; quello che segna gli occhi della madre e del padre di Paolo.
“Perché tanto odio?” è la domanda che incombe, senza risposta, su quelle duemila fiammelle, una per ogni ferita inferta a Paolo, una per ogni ferita inferta a noi.

CIAO PAOLO - fiacco paolo04 - Gay.it

«Sono in media 7 o 8 all’anno – spiega Andrea Pini, autore del testo Omocidi – gli omicidi di omosessuali a Roma. L’impegno delle Questure è un fatto acquisito ma manca assolutamente un lavoro di prevenzione. E’ necessario impegnarsi a partire dalle scuole. Ma fino a quando i nostri politici si vergogneranno di dire la parola omosessualità e di considerarla un fatto privato…».
La rabbia filtra nei commenti smozzicati della comunità gay spaventata. «Paolo sono io, sei tu, siamo tutti noi perché in quel parco, o mano nella mano per strada poteva essere colpito chiunque» sostiene un ragazzo ricciuto.

CIAO PAOLO - fiacco paolo06 - Gay.it

Sorprendentemente in testa al corteo, a fianco dell’onorevole Franco Grillini, è presente Walter Veltroni, sindaco della città di Roma, molto criticato, fino a ieri, dalla comunità gay perché assente ad ogni manifestazione glbt.
L’omicidio di Paolo Seganti è una ferita aperta per tutta la città di Roma.
«Non siamo più soli». Dal palco Vanni Piccolo, decano del movimento gay, sottolinea la presenza delle istituzioni, e di numerosi gruppi politici, dalla CGIL ai DS, da Forza Italia all’Unione giovani ebrei. La sua è una velata accusa. Nessuno qui ha dimenticato la fiaccolata del non lontano luglio 2001, organizzata dal Mario Mieli in memoria di Francesco Bertorini, un giovanissimo cantante gay ucciso in un parco da un pregiudicato. Allora le istituzioni erano assenti…

CIAO PAOLO - fiacco paolo05 - Gay.it

Piccolo facendosi portavoce della piazza gremita tuona: «Al buio rispondiamo con la luce di decine di fiammelle non per chiedere vendetta, è di moda farlo di questi tempi, chiediamo giustizia».
Sussurra, poi, la voce strozzata dai singhiozzi, un amico di Paolo: «Cosa ha detto la stampa? Paolo è stato trovato in un luogo di “incontri particolari”. Ma chi lo conosceva Paolo? I suoi amici e non la stampa».
E’ duro un esponente dei gruppi credenti di Roma: «Quanto è colpevole la Chiesa? Perché non accetta i nostri amori? Noi siamo solo amore».
In rappresentanza del comune di Roma prende la parola l’assessore Mirella Gramaglia che offre tutto l’impegno dell’istituzione per far fronte alla violenza contro i gay: «Non vogliamo una città di maggioranza e minoranze, vogliamo una città di differenze». Il silenzio commosso della piazza è rotto dagli applausi.

CIAO PAOLO - fiacco paolo03 - Gay.it

Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma associazione che ha organizzato la manifestazione, ribadisce che «il Comune di Roma intitolerà a Paolo il parco nel quale è stato ucciso» e conclude ringraziando i familiari di Paolo presenti in piazza, ma che per la commozione hanno deciso di non parlare.
Mentre le fiaccole incominciano a spegnersi e gli amici di Paolo concludono “Almeno tu nell’universo“, una canzone di Mia Martini che il ragazzo amava, succede l’inspiegabile. La madre di Paolo chiede di prendere parola. L’orgoglio nella voce rotta dal pianto irrompe nella piazza. «Sono una donna bigotta e cattolica. Bigottissima. Ma con coraggio, e sofferenza, ho accettato Paolo e lo amato come non ho mai amato nessuno. Accettare si può, non scegliete la via del dolore».
In silenzio la folla abbandona la piazza; nel cuore il buio del dolore e quella domanda sospesa, “Perché tanto odio?”, che, probabilmente, non ha una risposta.
Il baluginare delle ultime torce, però, illumina chiaramente le promesse e la vicinanza di tutta la città agli omosessuali feriti.
Sono gli ultimi regali di Paolo alla comunità che amava e che lo amava.
foto di Stefano Bolognini
Clicca qui per la galleria di foto della manifestazione
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Movimento Omosessuale.

di Stefano Bolognini

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
isole-tremiti-lettera-misogina-omofoba

Lettera misogina e omofoba recapitata alla candidata sindaca per le Isole Tremiti: “Non vogliamo un sindaco lesbica”

News - Francesca Di Feo 30.5.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
roma gay

Guida 2024 ai migliori locali gay di Roma

Viaggi - Redazione 1.3.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24