L’ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore

"Non conosco personalmente nessun artista cinese che si presenti ufficialmente come LGBTQ" ci racconta Pierre Alivon, curatore di "Arte-Des"

ascolta:
0:00
-
0:00
Arte-Des pechino lgbt art
Arte-Des pechino lgbt art
6 min. di lettura

Arte-Des si trovava al terzo piano del noto bar gay Destination in Chaoyang District, ed è stata una delle poche gallerie di Pechino dedicate all’esposizione di opere di artisti LGBTQ. Una delle pochissime a ospitare progetti che affrontano temi legati alla sessualità, all’identità e ai tabù percepiti nel clima fortemente conservatore della Cina.

Il club Destination è molto conosciuto dalla comunità gay di tutta la Cina ed è l’unico locale notturno gay di Pechino. Pierre Alivon artista e gallerista francese è stato parte integrante della costruzione della reputazione di Art-Des, si è occupato di trasformare Destination in uno spazio multiculturale su più piani: club, sport e danza, ristorante, bar, galleria d’arte, area salute e prevenzione.

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 19 - Gay.it
Pierre Alivon in his artistic studio

La galleria è stata attiva per circa tre anni, per promuovere la diversità e i giovani talenti LGBT, ma purtroppo la pandemia di Covid ha messo fine allo spazio espositivo.
Pierre Alivon vive da otto anni in Cina, dove lavora occupandosi principalmente di progetti artistici ed eventi che organizza per provare a creare un collegamento tra i valori umanistici e la cultura cinese.

L’abbiamo incontrato per voi.

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 12 - Gay.it
Destination club – openning

Come è nata Art Des e per quanto tempo hai lavorato per la galleria?

Il club Destination è molto conosciuto dalla comunità gay di tutta la Cina ed è l’unico locale notturno gay di Pechino. Ho incontrato il suo fondatore nel 2015, mi ha spiegato il suo progetto di trasformare Destination in uno spazio multiculturale su più piani: club, sport e danza, ristorante, bar, galleria d’arte, area salute e prevenzione. Mi ha raccontato la sua idea di farmi curare la galleria e di darmi “carta bianca”. Ho colto questa opportunità per promuovere la diversità, i giovani talenti LGBT e una migliore comprensione reciproca attraverso mostre incrociate tra artisti cinesi e stranieri. Ho organizzato molti eventi culturali in collaborazione con le ambasciate, come la mostra “Dia de los Muertos” con l’Ambasciata del Messico. Sono particolarmente orgoglioso di due mostre che hanno riscosso un grande successo: “Love is Love” e “Fraternity”, di cui ha parlato il New York Times nell’edizione del 21 gennaio 2021. La galleria è stata attiva per circa tre anni, ma purtroppo la pandemia di Covid ha messo fine all’avventura.

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 17 - Gay.it
Club destination

Arte LGBTQ in Cina, come avete proceduto per entrare in contatto con i talenti LGBT e gestire la possibile censura?

Per prima cosa mi sono affidato alla rete di Destination per incontrare gli artisti che mi hanno presentato le loro opere. Ho poi assunto uno studente assistente presso la CAFA, la Scuola di Belle Arti di Pechino, per facilitare la ricerca e lo scambio in lingua cinese, dato che la maggior parte degli artisti che ho incontrato non parlava una parola di inglese. Ho anche incontrato artisti LGBT attraverso un progetto quinquennale di oltre 400 ritratti in due serie di fotografie intitolate “Opera of Silence” e “Beijing Light”. Grazie a questo progetto, ho capito meglio come la famiglia sia un punto centrale per i cinesi.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 02 1 - Gay.it
@Gao Jianxiang

Ogni giorno i cinesi mettono in campo molto coraggio e forza per mantenere la stabilità familiare. Nel curare le mostre in galleria, ho dovuto affrontare principalmente due difficoltà: convincere alcuni artisti ad accettare di partecipare alle mostre di Art- Des, perché non volevano presentarsi come LGBT, o moderare alcuni artisti che volevano esporre opere molto esplicite. In generale, volevo esporre opere di artisti LGBT che potessero essere apprezzate da qualsiasi pubblico, non caricature o opere provocatorie. In questo senso, non mi sono posto il problema della possibile censura. Non ho avuto pressioni in questo senso, ma la mia sensibilità è che non ho mai voluto fare una mostra di arte del pene, ma piuttosto di corpi muscolosi e sensualità maschile. Tuttavia la pornografia è chiaramente vietata in Cina.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 15 1 - Gay.it
Queen Beaverhausen

 

Quali sono le maggiori difficoltà per gli artisti LGBTQ in Cina?

Mentre l’espressione artistica è incoraggiata dalle istituzioni cinesi, attraverso molte università d’arte o aree urbane sovvenzionate per gli artisti, non esiste un programma specifico a sostegno della popolazione LGBT. Credo che la società sia ancora piuttosto conservatrice, ma finché l’armonia viene rispettata, non ci sono problemi in Cina, dato che l’omosessualità è legale. Quindi in Cina non vedrete una campagna pubblicitaria di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili rivolta alla comunità gay, come invece avviene in Europa. Un artista LGBT non avrà difficoltà a sviluppare la sua arte, non incontrerà ostacoli particolari, ma non sono sicuro che possa dichiararsi apertamente come artista LGBT.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 06 1 - Gay.it
Extract from the artistic series «Beijing Light »

Devo dire che sarebbe abbastanza accettato nelle grandi città, dove le espressioni artistiche multiculturali, comprese quelle LGBT, sono più frequenti. Gli artisti LGBT esprimono la loro arte con un doppio significato soggetto all’interpretazione di ciascuno. La comunità LGBT riconoscerebbe i riferimenti multiculturali e la sottigliezza dell’artista. Gli spettatori cinesi delle mostre non hanno tutti i riferimenti per capire o immaginare ciò che l’artista LGBT vuole esprimere.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 20 - Gay.it

Qual è il legame tra il mondo dell’arte LGBTQ e la cultura cinese?

Gli artisti LGBTQ in Cina integrano pienamente la cultura cinese nelle loro creazioni, come ho potuto constatare ad Art-Des durante il processo di selezione delle opere. Alcuni artisti sono totalmente impegnati nella creazione di opere d’arte legate alla Cina, senza alcun riferimento alla cultura occidentale. Il messaggio degli artisti è l’armonia, il rispetto e la tolleranza, che sono alla base del buddismo, del taoismo e del confucianesimo. Anche la natura è un legame culturale molto importante, poiché i cinesi sono molto legati alla natura.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 13 - Gay.it
Destination club – openning

Chi sono gli artisti LGBTQ cinesi più famosi e che impatto hanno nella comunità?

Non conosco personalmente nessun artista cinese che si presenti ufficialmente come LGBTQ. La sua domanda è interessante, gli artisti che conosco esistono grazie al loro talento artistico, non necessariamente per la loro identità LGBT perché non la dichiarano, è solo un percorso che indica la direzione.

Esistono ancora censure nell’arte LGBTQ?

Che io sappia, non c’è censura nel lavoro artistico LGBTQ. Tuttavia, la pornografia è chiaramente vietata. Ci sono molte applicazioni cinesi popolari come “The Little Red Book” che mostrano immagini di coppie LGBT, il che dimostra che le persone LGBT non sono censurate.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 05 - Gay.it
Chinese blog

A quale artista cinese è particolarmente affezionato?

Vi presenterò due artisti che mi piacciono molto e che ammiro per le loro opere: Gao Jianxiang 高建翔 e 林金福 Jeff Lin.
Gao Jianxiang, scultore e pittore, ha realizzato una serie di sculture che mostrano i sentimenti universali dell’amore tra individui. Queste sculture sono chiare ed esplicite nella loro rappresentazione e forza. Le opere di Gao Jianxiang sono molto spirituali e piene di movimento, con una certa varietà di forme e strutture. Ciò che distingue le sue sculture sono le tecniche uniche e le riprese interessanti.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 01 1 - Gay.it
Pierre Alivon and the artist Gao Jianxiang

Jeff Lin è un pittore che realizza ritratti di nudi in dipinti a olio. Le opere di Jeff Lin sono piene di romanticismo. Immergendosi nell’immaginazione di Jeff Lin, lo spettatore viene immediatamente trascinato in un mondo di pura esperienza, pieno di emozioni profonde. Ha un eccellente senso dei colori e della composizione e i suoi dipinti sono pieni di texture.
Gao Jianxiang e Jeff Lin sono artisti di grande talento che meritano un riconoscimento. Le loro opere mostrano una certa purezza di sentimenti.

 

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 03 - Gay.it
Pierre Alivon and the artist Jeff Lin

http://www.memoriesoftheworld.fr/

https://www.instagram.com/pierre_alivon/

L'ultima galleria per talenti LGBTQ a Pechino: intervista al curatore - 04 1 - Gay.it
@Jeff Lin

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

Continua a leggere

Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente - SAFFFO 2024 - Gay.it

Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente

Culture - Redazione 15.5.24
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24