Cina, così la repressione LGBTIQ+ procede lenta e inesorabile

Tracciamenti digitali, censura a contenuti queer, persecuzione delle identità di genere non binarie, chiusura di centri LGBTQI+.

ascolta:
0:00
-
0:00
cina lgbt
cina lgbt
4 min. di lettura

Nell’Occidente, si celebra San Valentino, mentre in Cina, c’è la festa di Qixi, che cade il settimo giorno del settimo mese lunare, di solito ad agosto. In questa occasione, le coppie cinesi festeggiano l’amore attraverso appuntamenti romantici e scambi di regali. Tuttavia, in concomitanza di questa festività, quest’anno molte organizzazioni che difendono i diritti delle persone LGBTIQ+ hanno denunciato la chiusura permanente dei loro account su WeChat. Lo scorso Maggio avevamo dato notizia della chiusura dell’LGBTQI+ Center di Pechino.

Alcune di queste organizzazioni, come il Beijing Lala Salon, operavano come organizzazioni non governative fin dagli anni Duemila, fornendo servizi sociali per lesbiche e altre minoranze sessuali.

Il regista Danny Cheng Wan-Cheung, regista cinematografico inserito a pieno titolo nella corrente del cinema LGBTQIA+ asiatico, si era confidato con Gay.it, ammettendo la propria disperazione rispetto all’incapacità della Cina di ricevere critiche dall’esterno, soprattutto su temi legati ai diritti civili.

Alessandra Colarizi, direttrice editoriale di China Files, in un articolo su Gariwo, fa un ricco punto degli ultimi sviluppi.

cina lgbt centro pechino

Sebbene l’omosessualità sia stata depenalizzata in Cina da oltre vent’anni, la sua accettazione rimane problematica, specialmente al di fuori delle grandi città. Internet, nonostante sia rigidamente regolamentato, è stato a lungo un canale per l’espressione senza dover nascondere la diversità sessuale. Tuttavia, nel 2017, le autorità cinesi hanno iniziato a vietare i contenuti LGBT+ online, equiparando l’omosessualità agli abusi sessuali sotto l’etichetta delle “relazioni sessuali anormali“. Nel 2021, molti account social legati ai gruppi studenteschi LGBT+ sono stati disabilitati: ve ne avevamo parlato qui.

Leggi: Cina shock, università chiede di stilare lista studenti gay

La stretta del governo dell’agosto scorso rappresenta un significativo passo avanti in questa direzione. Coinvolge non solo organizzazioni con decenni di esperienza come l’LGBTQI+ Center di Pechino, ma anche gruppi per la difesa dei diritti delle persone transgender, una categoria emersa solo nel 2016. Nel 2021 avevamo raccontato su Gay.it quella che avevamo definito una vera e propria crociata della Cina contro i giovani effemminati.

Scoprite "Better Togheter": viaggio di un fotografo queer attraverso la Cina
Ruolan, 34 anni, lesbica, Chongqing –  foto tratte da: Il viaggio di un fotografo queer in Cina

Questo cambiamento è avvenuto quando il Cyber Administration (CAC), l’organismo di regolamentazione di Internet, ha cominciato a collegare la categoria “LGBT+” all’importazione presunta di costumi occidentali, visti come destabilizzanti e in contrasto con i valori tradizionali promossi dall’amministrazione Xi Jinping. È interessante notare che, oltre ai gruppi omosessuali, WeChat ha bannato anche alcune attiviste femministe, accusate di ostacolare i matrimoni e contribuire al preoccupante calo demografico secondo la narrazione ufficiale.

cina-protesta-dei-fogli-bianchi(2)

Cina: la protesta dei fogli bianchi 

Tuttavia, secondo alcuni attivisti, la recente campagna del governo si distingue anche per l’uso di nuove modalità di controllo, un’eredità della gestione della pandemia. Anche se il tracciamento e le app di controllo sullo stato di salute dei cittadini sono state eliminate, la mania per la sorveglianza di massa è rimasta. Le proteste contro i lockdown nel novembre 2022 hanno contribuito a intensificare le preoccupazioni del governo e hanno portato l’attenzione alle potenziali minacce online. La polizia ha effettuato controlli casuali sugli smartphone dei passanti in alcune località, e un programmatore nello Hebei è stato multato per l’uso di una VPN.

Nel periodo tra il 10 marzo e il 27 maggio, la CAC ha chiuso 67.000 account social nell’ambito di una campagna di “rettifica” contro la disinformazione e i comportamenti illegali. Nel frattempo, LGBTQI+ Center di Pechino, ha cessato tutte le attività dopo quindici anni. È diventato così sempre più difficile contattare la rete di volontari sparsi per il paese, e anche il semplice atto di pubblicare la bandiera arcobaleno o il logo dell’organizzazione su WeChat attira l’attenzione della polizia. Per eludere i controlli, è necessario adottare strategie creative, come inviare articoli il venerdì sera e cancellarli la domenica per sfruttare il calo dell’attenzione dei censori durante il fine settimana.

Scoprite "Better Togheter": viaggio di un fotografo queer attraverso la Cina
Zaizi & Eva, 34 anni, lesbiche, Sichuan – foto tratte da: Il viaggio di un fotografo queer in Cina

Sopravvivere nell’era di Xi non è impossibile, ma richiede compromessi. Molte organizzazioni LGBT+ nascondono la loro vera missione dietro attività meno sensibili, addirittura approvate dalle autorità locali, come la lotta all’AIDS. L’artista Qiumao, fotografo che spinge sulla dirompenza dell’erotismo queer, aveva raccontato a Gay.it come l’arte sia un buon modo per provare a raggirare la soffocante repressione del governo cinese.

Altre realtà spostano il loro impegno per i diritti LGBT+ all’estero. Ad esempio, lo Shanghai Pride, sospeso nel 2020, ha promosso l’Asian Pride di Amsterdam quest’anno e ha invitato la sua comunità su Facebook a partecipare a webinar sul tema.

Alcune app di incontri, come Blued, che offre servizi di prevenzione dell’HIV e educazione sessuale in linea con le iniziative della sanità pubblica, sono state risparmiate dalla censura cinese. Tuttavia, anche Blued sta pianificando il suo futuro all’estero, in particolare nel Sud-Est asiatico. Al contrario, il servizio per la procreazione assistita BluedBaby è stato chiuso a seguito di uno scandalo che ha coinvolto l’attrice Zheng Shuang nel 2021.

Nonostante il crescente controllo, è ancora possibile trovare spazi di espressione residui sulla rete cinese. Ad agosto, secondo Freedom House, sebbene la polizia abbia smantellato la maggior parte degli eventi per il Pride organizzati in presenza in diverse città cinesi, un post su Weibo collegato alla ricorrenza ha ottenuto 1,4 milioni di visualizzazioni.

Scoprite "Better Togheter": viaggio di un fotografo queer attraverso la Cina
Qing Zi, ragazzo trans di 26 anni – foto tratte da: Il viaggio di un fotografo queer in Cina

 

foto di copertina: fonte Wikipedia

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24

Hai già letto
queste storie?

brunei-pena-di-morte-omosessualita

Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

News - Francesca Di Feo 30.1.24
Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all'ONU - Sarah Achieng Opendi - Gay.it

Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all’ONU

News - Redazione 7.3.24
messico-violenza-persone-trans

Messico, è un massacro: quattro gli omicidi di persone trans documentati dall’inizio dell’anno

News - Francesca Di Feo 18.1.24
elezioni-taiwan-lgbtqia

Taiwan, il candidato progressista, pro-LGBTQIA+ e indipendentista Lai Ching-te eletto a guida del paese: le implicazioni

News - Francesca Di Feo 15.1.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24