USA: IL WESTERN GAY NELLE SALE

Esce nelle sale americane ‘Brokeback Mountain’, la storia d’amore tra due cowboy che ha vinto a Venezia. In Italia uscirà il 20 gennaio. Trailer, gallerie di foto e intervista al regista.

Ha trionfato al Festival di Venezia, dove ha vinto il Leone d’oro; è dato come favorito nella corsa agli Oscar; ha suscitato reazioni caldissime nelle preview. Ora Brokeback Mountain, il nuovo film di Ang Lee sulla storia d’amore omosessuale tra due cowboy, è pronto per affrontare il guidizio del grande pubblico nelle sale americane, dove uscirà il prossimo 9 dicembre (in Italia dovremo aspettare il 20 gennaio 2006).

L’insolito western, interpretato con sensibilità e dolcezza da Jake Gyllenhaal e Heath Ledger, è stato proiettato di recente anche a Telluride (in Colorado) durante il festival cinematografico locale ottenendo ampi consensi: «Non c’era un solo occhio asciutto nella sala», ha commentato uno degli spettatori. Meno entusiastica la reazione in Wyoming, dove il film è ambientato, uno Stato dove mettere in dubbio la virilità dei cowboys è ancora tabù e dove nessuno ha dimenticato il massacro di Matthew Shepard, un giovane studente universitario torturato e ucciso solo per il fatto di essere gay.

In realtà è difficile non commuoversi vedendo il triste finale di ‘Brokeback Mountain’ e pensando alla romantica passione ultraventennale tra due ragazzi del Wyoming che si conoscono nel 1963 facendo per un’estate i mandriani di migliaia di pecore. Difficile anche perché non si tratta di un film melenso né sdolcinato nonostante l’alta dose di sentimentalismo messo in campo e alla fine ci si crede davvero a questa unione d’anime gentili tra Ennis Del Mar, biondo e introverso (un ottimo Heath Hedger che recita splendidamente a denti stretti biascicando le parole) e Jack Twist, bruno maldestro e sfrontato (Jake Gyllenhaal, credibile e molto maschile contraltare luminoso della coppia). Unione che resiste ai tradimenti di Jack con maschi in Messico e ai rispettivi matrimoni etero con prole – l’attrice Michelle Williams anche nella vita è moglie di Hedger e ha appena avuto da lui la prima figlia, Matilda (nel film fa con lui due bimbe ma poi divorzia) – e a una lunga pausa quadriennale che non inficia affatto la travolgente passione.

Ti suggeriamo anche  "LOVE RIOT!", arriva il 33esimo Festival MIX Milano

E’ lo stesso Ang Lee, già premio Oscar per ‘La Tigre e il Dragone’, ad ammettere la sua particolare vicinanza a questo film.

Che cosa l’ha colpita del romanzo breve di Anne Proulx per decidere di farne un film?

Ang Lee – Soprattutto la fine della storia. Qualcosa mi ha turbato profondamente, sono rimasto con un groppo in gola. L’amore è qualcosa di indefinibile, di sfuggente, non ha un vocabolario, un linguaggio per esprimerlo. Il mistero, i segreti di questa vicenda mi hanno appassionato.

Il fatto che trattasse di un amore omosessuale ha contribuito a renderla più interessante?

In realtà credo di aver fatto un dramma per famiglie, non vado a fondo in ciò che riguarda la sessualità, è una storia d’amore romantico.

Il personaggio di Ennis è comunque complesso, sembra che si innamori di Jack non in quanto maschio, pare più etero che omo…

Avevo subito chiara in testa una cosa: non volevo che fosse esplicitamente gay. Se Ennis è omosessuale o no è un mistero. Era difficile immaginarlo. Quando da piccolo vede insieme al padre il cadavere del gay rimane molto turbato e considera una punizione la morte dei genitori. Ma non è importante l’orientamento sessuale, si tratta semplicemente di amore.

Come mai ha scelto Heath Ledger e Jake Gyllenhaal per il ruolo dei protagonisti?

Ti suggeriamo anche  Lily James e Alicia Vikander spose per il 'sequel' di 4 matrimoni e un funerale - video

Sono ottimi attori, cercano parti interessanti, complesse e sono aperti alla sfida. Sono subito entrati nel progetto. Avevano l’aspetto giusto e sapevo che non si sarebbero posti problemi nel girare questo film.

È stato difficile girare le scene d’amore e di sesso?

No, sono attori professionisti, hanno subito chiesto particolari tecnici delle scene da girare. Nella lunga preparazione dei personaggi ci siamo preoccupati di più della struttura psicologica, non c’è molto sesso fisico nel film. Era più importante come dovevano rapportarsi tra di loro che non per esempio come toccarsi.

Che impatto crede che possa avere sul pubblico tradizionale una storia di cowboy gay?

Non lo so, io amo molto questa storia, vorrei che arrivasse ovunque ma non mi sembra che possa offendere nessuno.

Che cosa pensa del matrimonio gay e della possibilità di adozione da parte degli omosessuali?

Penso che se due persone sono innamorate desiderose di impegnarsi reciprocamente devono essere protette socialmente e legalmente. Le relazioni gay non hanno sufficiente riconoscimenti e protezione. E’ una buona cosa. Per molte persone non è conveniente semplicemente perché non sono omosessuali. E’ il processo di civilizzazione, è giusto farlo. Sono favorevole anche alle adozioni gay.

Come è stato gestire l’aspetto dei personaggi che nel film invecchiano vent’anni?

Ti suggeriamo anche  La Favorita di Yorgos Lanthimos, quando l'amore saffico sbarca a corte - il trailer italiano

Abbiamo evitato make-up pesante per farli apparire meno giovani, è sempre rischioso. Siamo ricorsi a piccoli ritocchi come rughe intorno agli occhi o creme per far apparire più vecchia la pelle.

Lei ha realizzato un altro film gay, ‘Il banchetto di nozze’ (vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino, n.d.r.)…

Sì, quello era una commedia ma credo che questo, essendo un film drammatico, avrà un impatto più profondo nel pubblico…

Lei è un autore eclettico, fa film molto diversi tra di loro, da ‘Hulk’ a ‘Ragione e sentimento’… come mai?

L’importante è avere una storia interessante, essendo orientale e vivendo a New York è inevitabile confrontarsi con progetti molto diversi. Per fortuna riesco a fare i film che desidero realizzare.

Lei è sposato?

Sì, mia moglie è una scienziata, ho due figli di diciotto e ventuno anni.

Quale cinema le piace?

Adoro il cinema italiano neorealista, credo che la scena finale di ‘Ladri di biciclette’ di De Sica sia una delle più belle della storia del cinema. Anche Bergman per me è un modello.

A che cosa sta lavorando adesso?

Ad alcuni soggetti, alcuni in cinese e altri in inglese ma per ora nulla di concreto.

Dove tiene il premio Oscar?

Nel mio studio.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Cinema.

di R. Schinardi e G.M. Corbelli