Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: “Non ci può essere Ken senza Barbie”

Sia Gerwig che Robbie hanno ottenuto una candidatura per lo script e la produzione, ma non come regista e attrice protagonista. Ed è esplosa la polemica da parte di Gosling e Ferrera, non protagonisti nominati.

ascolta:
0:00
-
0:00
Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: "Non ci può essere Ken senza Barbie" - Barbie Margot Robbie - Gay.it
2 min. di lettura

Si può definire “deluso” un film che ha ottenuto otto nomination agli Oscar? Difficile, ma certo è che Barbie è stato forse il titolo che ha rastrellato meno nomination rispetto alle previsioni della vigilia, nella giornata di ieri. A pesare sono soprattutto due candidature mancate che molti davano per scontate. Quella di Greta Gerwig come miglior regista e di Margot Robbie come miglior attrice protagonista. Va detto cha sia Gerwig che Robbie hanno comunque ottenuto una candidatura. La prima per la sceneggiatura non originale, la seconda in quanto produttrice della pellicola, nominata a miglior film.

Il paradosso vuole che l’Academy abbia voluto premiare i due non protagonisti, ovvero America Ferrera e Ryan Gosling. Quest’ultimo ha pubblicamente criticato i votanti, ribadendo come Barbie esista solo e soltanto grazie a Margot e Greta.

“Sono estremamente onorato di essere stato nominato dai miei colleghi tra artisti così importanti in un anno con così tanti grandi film. E non avrei mai pensato che sarei arrivato a dirlo, ma sono davvero onorato e orgoglioso che questo sia successo perché ho interpretato una bambola di plastica di nome Ken. Ma non c’è Ken senza Barbie, e non c’è film di Barie senza Greta Gerwig e Margot Robbie, le due persone che sono state maggiormente responsabili di questo film celebrato in tutto il mondo e che è passato alla storia. Senza il loro talento, il loro coraggio e il loro genio non sarebbe stato possibile fare il film per il quale stiamo ricevendo questi riconoscimenti. Dire che sono deluso dalla loro mancata nomination nelle rispettive categorie sarebbe un eufemismo. Contro ogni aspettativa, e con nient’altro che un paio di bambole prive di anima, di vestiti e fortunatamente di genitali, ci hanno fatto ridere, ci hanno fatto piangere, sono entrate nella cultura e nella storia. Il loro lavoro dovrebbe essere riconosciuto assieme agli altri candidati. Detto questo, sono davvero felice per America Ferrera e gli altri incredibili artisti che hanno contribuito a fare questo incredibile film”.

Parole nette rilanciate da Ferrera, intervistata da Variety: “Greta ha fatto praticamente tutto quello che un regista dovrebbe fare per meritarselo. Creare questo mondo, rendere qualcosa che aveva poco valore per la maggior parte delle persone e renderlo un fenomeno globale. È una delusione non vederla in quella lista. E quello che Margot ha ottenuto come attrice è davvero incredibile“.

Barbie è stato il film “fenomeno” del 2023, con 1,445,638,421 dollari incassati in tutto il mondo e un sequel tutt’altro che scontato. Le otto candidature agli Oscar che lo riguardano (qui tutte le altre) sono per il miglior film, sceneggiatura non originale, attore e attrice non protagonista, scenografie, costumi e migliori canzoni, con “I’m Just Ken” a sfidare “What Was I Made For?” di Billie Eilish.

Gerwig, che era stata nominata come miglior regista nel 2018 per Lady Bird, è diventata comunque la prima donna regista ad aver diretto tre titoli nominati come miglior film, ovvero Lady Bird, Piccole Donne e per l’appunto Barbie. Margot Robbie era stata invece nominata come miglior attrice nel 2018, con Tonya. Entrame non hanno ancora rilasciato commenti sulle nomination di ieri.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24

Leggere fa bene

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Sidney Sweeney sarà la leggendaria pugile dichiaratamente queer Christy Martin al cinema - Sidney Sweeney sara la pugile dichiaratamente queer Christy Martin al cinema - Gay.it

Sidney Sweeney sarà la leggendaria pugile dichiaratamente queer Christy Martin al cinema

Cinema - Redazione 9.5.24
I film LGBTQIA+ della settimana 18 marzo/24 marzo tra tv generalista e streaming - film queer 1 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 18 marzo/24 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 18.3.24
Oprah Winfrey si emoziona nel ricordare suo fratello morto di aids: "Interiorizzava la vergogna di essere gay" (VIDEO) - Oprah Winfrey - Gay.it

Oprah Winfrey si emoziona nel ricordare suo fratello morto di aids: “Interiorizzava la vergogna di essere gay” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 18.3.24
Ferzan Ozpetek, 16 attrici per il suo nuovo film. Da Ambra a Mara Venier, passando per Vukotic e Sandrelli - Ferzan Ozpetek e Mara Venier - Gay.it

Ferzan Ozpetek, 16 attrici per il suo nuovo film. Da Ambra a Mara Venier, passando per Vukotic e Sandrelli

Cinema - Redazione 3.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 6/12maggio tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 6/12maggio tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 6.5.24