Condominio antigay di Torino: parla l’uomo accusato di stalking

Nello stabile di Torino regna l'omertà e il negazionismo. E intanto uno dei ragazzi è stato aggredito di nuovo

Condominio antigay di Torino: parla l'uomo accusato di stalking - via paravia torino coppia gay - Gay.it
2 min. di lettura

La vicenda dei due ragazzi perseguitati per più di un anno nella propria casa, all’interno del “condominio degli orrori” di via Paravia nel quartiere San Donato di Torino ha fatto parlare. Continuano ad emergere dettagli scabrosi, come per esempio il fatto che la coppia avesse dovuto installare un’inferriata e una telecamera davanti alla porta o di come ricevesse puntualmente immondizia nella cassetta delle lettere. Ma ora a parlare sono i protagonisti dall’altro della grata: gli inquilini che avrebbero perpetuato i soprusi per tutti quei mesi, e in particolare il maggior indiziato.

condominio_gay_torino

Mandatemi Barbara D’Urso e una psicologa. Sono distrutto. Ho bisogno di qualcuno che voglia ascoltare la mia voce e di qualcuno che possa prendersi cura di me. Questa storia mi sta mandando al’inferno. Sono alla gogna”. Parla così Raimondo Marietta, classe 1953, ex operaio alle acciaierie delle Ferriere. È lui il principale indiziato denunciato per stalking, è lui che avrebbe urlato “Bisogna bloccarli quei due ricchioni. Bloccarli su per le scale, e massacrarli di botte”. È la sua figlia minorenne che era in prima linea, il giorno dell’aggressione, nella piazza vicino al condominio. Eppure l’uomo continua a professarsi innocente: “A me non interessa la sessualità degli altri. Ognuno la vita se la smena come vuole. Ci sono stati dei problemi, beghe condominiali, litigi per gli spazi comuni. Ma non ho niente contro i gay, non devono fare di me un capro espiatorio”. Ma le svastiche incise sulle pareti dell’ascensore rimangono, come anche gli insulti scritti nello stabile.

Preferisco non parlare, ho paura. La polizia è venuta tante volte, state montando un caso per una piccola questione fra condomini”. Così parla una donna sudamericana che abita al terzo piano del palazzo: parla di tutto ma nemmeno una parola di disappunto o di dispiacere per la vicenda “Non li conoscevo”.

coppia_gay

Sotto il portone di casa intanto si moltiplicano i cartelli “vendesi”: sono ben cinque, dopo lo scandalo tutti vogliono andare via. Magari qualcuno ha veramente capito la lezione e vuole cambiare aria, scappare dal fetido odore della discriminazione e dell’arretratezza culturale. Nel frattempo uno dei due ragazzi è stato aggredito di nuovo, sabato scorso, sotto la sua nuova casa: gli è stato puntato un coltello alla gola e gli è stato detto “Ecco la solidarietà del quartiere”. Di un quartiere che non può sopportare la felicità di due uomini che si amano.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Leggere fa bene

star-t-trans-visibility-night-torino (5)

Star.T, le stelle della visibilità trans* illuminano il Cinema Massimo di Torino alla Trans Visibility Night

News - Francesca Di Feo 25.3.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 05 - Gay.it

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce

Cinema - Federico Boni 18.4.24
Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero - Lil Nas X - Gay.it

Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero

Cinema - Redazione 19.3.24
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
asti pride 2024, sabato 6 luglio

Asti Pride 2024: sabato 6 luglio

News - Redazione 17.5.24