FIZZ SHOW: È GAY IN RADIO

Due ospiti fissi da Gay.it per il nuovo programma di Alessandro Fizzotti su decine di emittenti private in tutta Italia. Ce ne parla il conduttore: "Dei gay non si può fare a meno!"

FIZZ SHOW: È GAY IN RADIO - logofizzshow1 - Gay.it
3 min. di lettura

PISA – Ancora onde gay nel mondo dell’emittenza radiofonica. Nasce un nuovo programma che ha molti debiti con il mondo dell’omosessualità. Si chiama Fizz Show, è ideato e condotto da Alessandro Fizzotti e ha come ospiti fissi due nomi noti di Gay.it: il caporedattore Giulio Maria Corbelli e il critico cinematografico Roberto Schinardi.
Il Fizz Show è un grande contenitore in cui è possibile trovare davvero di tutto: dalla rubrica frociarola alle ricette di cucina, dal consiglio del sessuologo al collegamento con Città del Vaticano (niente paura, è tutto finto…). Insomma Alessandro Fizzotti ne ha fatto la sua creatura prediletta, in cui poter affrontare mille argomenti con un unico imperativo: leggerezza e coinvolgimento. Da ascoltare sulla propria locale preferita: il Fizz Show, infatti, è trasmesso da decine di emittenti in tutta la penisola (per individuare la frequenza città per città, basta visitare il sito www.fizzshow.com) e anche su internet ogni lunedì e mercoledì alle 21, cliccando qui.

FIZZ SHOW: È GAY IN RADIO - logofizzshow - Gay.it

«Sono enormemente sorpreso dal riscontro che mi sta dando il Fizz Show – dice Alessandro a Gay.it – Abbiamo già raggiunto moltissime regioni, e soprattutto il sud. E già cominciano ad arrivare i primi feedback, tutti molto positivi. Certo l’obiettivo è quello di arrivare al nazionale, ma se continuiamo così, ce la faremo».
Come è strutturato il Fizz Show? Immaginate un salotto radiofonico al quale in ogni puntata, della durata di quasi due ore, si alternano una decina di ospiti per affrontare gli argomenti più disparati. Molti di questi sono ospiti fissi, come Giulio Maria Corbelli che interviene con la sua rubrica “Occhio finocchio” per parlare di gay e lesbiche o Roberto Schinardi che cura le recensioni cinematografiche. Ci sono poi un sessuologo, Antonio Artegiani, la direttrice di Vogue Gioiello e Vogue Pelle Marina Bigi per parlare di shopping, la copywriter Giovanna Bassetti che analizza il mondo della pubblicità e le ricette di Marina Malvezzi di mangiarebene.com.
Oltre a questi, nuove voci si uniscono di puntata in puntata per parlare delle notizie del giorno o di tematiche di interesse generale. Ma sicuramente ciò che più sorprende è la presenza gay all’interno della trasmissione. «Mi è sembrato naturale scegliere di creare una rubrica “finocchia” – dice Ale – In fin dei conti è il tema del momento, si parla di gay dappertutto. In questo momento è addirittura impossibile non avere a che fare con i gay. Noi però vorremmo cercare di far capire l’omosessualità superando i tanti travisamenti che spesso vengono perpetrati dai media. Ancora oggi purtroppo la maggior parte dei gay non è tranquilla con se stessa, ha difficoltà a considerare la propria omosessualità senza difficoltà».

FIZZ SHOW: È GAY IN RADIO - alessandro fizzotti - Gay.it

Ma chi è Alessandro Fizzotti? Trent’anni, origini piemontesi ma trapiantato a Milano, Ale è capitato alla radio per caso. «Facevo l’arbitro di calcio e una volta mi hanno chiesto una intervista radiofonica. Il direttore è rimasto così colpito dalla mia voce che mi ha proposto di condurre un programma e così ho cominciato. Poi ho lavorato anche nel campo della pubblicità facendo spot per la Play Station 2 e altre marche, una volta addirittura per una ditta di sanitari!». Ora il Fizzotti ha aperto una sua agenzia di pubblicità ma non ha abbandonato la vecchia passione per la radio: «La cosa bella è che la radio arriva subito, non ha bisogno di condimenti come le immagini, bastano due voci per fare arrivare l’emozione».
Uno dei risultati più importanti che ha raggiunto il Fizz Show è di parlare di omosessualità al sud: «La maggior parte delle radio che trasmettono il programma sono del meridione e questo è molto importante; siamo riusciti a portare questi temi in maniera brillante anche in posti in cui in genere sono vissuti con angoscia».
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Salotto culturale.

di Alessandro Federici

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24
Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell - Hari Nef Candy Darling - Gay.it

Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell

Cinema - Federico Boni 27.3.24
The Last Year of Darkness, il doc che racconta una Cina di giovani orgogliosamente queer - The Last Year Of Darkness - Gay.it

The Last Year of Darkness, il doc che racconta una Cina di giovani orgogliosamente queer

Cinema - Redazione 4.12.23
A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi - Carlotta Cosmai a norma 2 - Gay.it

A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi

Cinema - Federico Boni 21.11.23
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
Antonio Vivaldi e la sua rivoluzionaria orchestra tutta al femminile diventano film - Antonio Vivaldi - Gay.it

Antonio Vivaldi e la sua rivoluzionaria orchestra tutta al femminile diventano film

Cinema - Redazione 15.3.24
Il Mio Posto è Qui, intervista ai registi: "Emancipazione femminile e orgoglio queer, la Rai non ha voluto il nostro film" - il mio posto e qui - Gay.it

Il Mio Posto è Qui, intervista ai registi: “Emancipazione femminile e orgoglio queer, la Rai non ha voluto il nostro film”

Cinema - Federico Boni 23.4.24