Gay Bride Expo: questo weekend la prima fiera italiana dedicata al matrimonio gay!

Una tre giorni resa ancora più speciale dall’approvazione delle unioni civili: tantissimi gli eventi e gli espositori, dai wedding planner alle agenzie di viaggi LGBT friendly.

Finalmente l’attesa è finita. È questo il weekend di Gay Bride Expo, il primissimo salone espositivo italiano dedicato interamente al matrimonio tra persone dello stesso, giunto ormai alla sua seconda edizione. Il 14, 15 e 16 ottobre presso il padiglione 19 di BolognaFiere festeggeremo tutti insieme l’approvazione delle unioni civili con una tre giorni dedicata al same sex wedding, in ogni sua forma e declinazione.

Avevamo anticipato alcuni mesi fa la presenza di Vladimir Luxuria come madrina (LEGGI >>): ora il programma definitivo è stato reso noto e presenta moltissimi eventi interessanti. Tra gli ospiti, oltre a Luxuria, le cantanti Antonella Lo Coco e Roberta Giallo, la chef Spisni della “Prova del Cuoco” (che insegnerà in un workshop originale e divertente l’arte della sfoglia agli attivisti Arcigay) e l’ironia di Giorgia Battocchio. E tantissimi gli espositori: dai wedding planner ai ristoranti che offrono servizi “friendly” su misura, passando per agenzie di viaggi e boutique che producono bomboniere.

Ma non solo: ci saranno gli attori di 16lab che con le loro incursioni tra gli stand “insceneranno” unioni civili e l’esperienza di Roseli Riva, wedding planner diplomata al Gay Wedding Institute di New York, che ci parlerà di quanto sia speciale il suo percorso di studi, unico del suo genere, e di come si diventa “same sex wedding planner”. Spazio anche all’arte: l’artista Alexander Marco Salazar presenta la sua mostra “It Gets Better” che esamina passato, presente e futuro della comunità omosessuale in Italia. E anche al confronto: molti i talk e i dibattiti, tra cui una tavola rotonda tra wedding planner e coppie, che si confronteranno su aspettative ed esigenze del matrimonio. Last but not least la moda sposi: ci saranno varie sfilate e in passerella scenderanno abiti per matrimonio lui-lui o lei-lei.

Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo