Video

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Dovesse vincere sarebbe il primo regista dichiaratamente trans di sempre a far sua la statuetta. Per ora è in shortlist!

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

Archiviati i Golden Globe, la stagione dei premi cinematografici ha ufficialmente preso forma con Hollywood in attesa degli Oscar 2024, la cui serata di premiazione è datata 10 marzo. Il calendario è infatti fittissimo. Oggi, 10 gennaio, saranno svelate le candidature ai DGA Awards e ai SAG Awards, il 14 verranno assegnati i Critics Choice Awards e il 15 gennaio gli Emmy Awards, il 18 gennaio i Bafta riveleranno le proprie nomination e il 23 gennaio toccherà proprio all’Academy annunciare le candidature ufficiali del 2024.

Tra queste potrebbe essercene una storica. Se il cortometraggio An Avocado Pit entrasse infatti nella cinquina definitiva della categoria Miglior cortometraggio Live Action dopo essere già entrata nella shortlist insieme a Strange Way of Life di Pedro Almodovar, Ary Zara diventerebbe il secondo regista dichiaratamente trans di sempre a riuscire nell’impresa. Prima dell’eventualità Zara solo Yance Ford è riuscito a strappare una candidatura agli Oscar nel 2018 come co-regista del documentario Strong Island.  Ford non riuscì a diventare il primo regista trans di sempre a far sua la statuetta, andata poi a Icarus di Bryan Fogel, conquistando comunque uno storico Emmy. Se Ary Zara venisse non solo candidato ma dovesse anche vincere l’Oscar 2024, sarebbe il primo regista trans di sempre a riuscirci.

An Avocado Pit, prodotto da Elliot Page, è un corto di 15 minuti che segue Larissa, una donna trans interpretata da Gaya Medeiros, e Cláudio, un uomo cisgender interpretato da Ivo Canelas, con le loro strade che si incrociano per una notte a Lisbona.

An Avocado Pit ha già raccolto numerosi riconoscimenti nel circuito dei festival, compresa una nomination per il miglior cortometraggio ai prestigiosi Sophia Awards portoghesi. “Siamo capaci di amare. Siamo in grado di divertirci. Siamo in grado di provare la vera felicità. Ed è importante per noi tuttə capire che anche questo è uno strato dell’esperienza trans”, ha detto Zara ad Advocate.

Gaya Medeiros si è augurata che il messaggio del film possa risuonare in tutto il mondo e al cospetto di qualsiasi tipo di pubblico, indipendentemente dal sesso.

“È sempre una questione esistenziale: chi vuoi incontrare, con chi vuoi avere una relazione e che tipo di persona vuoi avere vicino a te”, ha precisato, sottolineando come “[non] riguarda il corpo, ma riguarda i pensieri su chi sei”. Ad oggi è possibile noleggiare An Avacado Pit su Vimeo.

Tra i corti queer in corsa per gli Oscar c’era anche “Le variabili dipendenti” del nostro Lorenzo Tardella, che purtroppo non è riuscito a rientrare in shortlist, senza dimenticare le tante altre speranze LGBTQIA+ tra film, registi, attori e attrici, in quest’ultimo caso capitanate da Trace Lysette.

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - An Avocado Pit - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

Leggere fa bene

Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans

Un gruppo di donne trans schiavizzava altre ragazze trans: 11 arresti

News - Francesca Di Feo 28.3.24
kay attivista lgbtqia india transgender

Delhi, autobus gratuiti per la comunità trans. “Ma senza documenti come identificheranno gli uomini trans?”

News - Federico Boni 9.2.24
Annette Bening in difesa della comunità trans: "Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso" - VIDEO - Annette Bening - Gay.it

Annette Bening in difesa della comunità trans: “Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso” – VIDEO

Culture - Redazione 16.1.24
Credit: Steve Russell

Cosa è cambiato per lə bambinə trans* nel Regno Unito

News - Redazione Milano 22.12.23
Blade Runner 2099, Hunter Schafer sarà la protagonista della serie tv - Hunter Schafer - Gay.it

Blade Runner 2099, Hunter Schafer sarà la protagonista della serie tv

Serie Tv - Redazione 7.6.24
Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24
studio-persone-transgender-gender-non-conforming

Le terapie di affermazione di genere migliorano la qualità della vita del 98% delle persone transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 27.2.24
MARK SELIGER, VANITY FAIR

Tutte pazzə per Emma Stone: perché piace così tanto?

Cinema - Riccardo Conte 11.3.24