Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici

Da Colman Domingo a Jodie Foster, passando per Todd Haynes e Andrew Scott, vediamo chi potrebbe strappare l'ambita candidatura!

ascolta:
0:00
-
0:00
Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - oscar lgbt 2024 - Gay.it
6 min. di lettura

La 96esima edizione degli Academy Awards si terrà il 10 marzo 2024, con Jimmy Kimmel presentatore. Il 21 dicembre verranno annunciate le shortlists, mentre il 23 gennaio saranno svelate le candidature ufficiali. Dal 22 al 27 febbraio i membri Academy saranno chiamati ad esprimere il loro voto.

Ebbene gli Oscar del 2024 potrebbero scrivere un pezzo di storia, grazie a non poche candidature LGBTQIA+.  Basti pensare che l’ultimo attore dichiaratamente gay ad essere nominato è stato Ian McKellen, nel 2002.

Abbiamo provato a stilare alcune ipotesi.

Miglior attrice protagonista: Trace Lysette in ‘Monica’

Monica
Monica (2022)

Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia del 2022 Monica di Andrea Pallaoro è uscito nei cinema d’America lo scorso maggio. Il film ha come protagonista la luminosa Trace Lysette negli abiti di una donna trans che torna a casa per prendersi cura della madre malata, che l’aveva cacciata di casa proprio perché donna trans. Se venisse nominata, Trace Lysette farebbe la storia in quando prima attrice trans a riuscire nell’impresa.

Miglior attore protagonista: Colman Domingo in ‘Rustin’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - RSTN 20220808 29938 R f - Gay.it
Rustin. (L to R) Aml Ameen as Martin Luther King and Colman Domingo as Bayard Rustin in Rustin. Cr. Parrish Lewis/Netflix © 2022

Provare a ripetere il miracolo di Milk, che portò Sean Penn al suo 2° trionfo Academy. Colman Domingo ha abbracciato la prova recitativa della vita interpretando Bayard Rustin, tra i più grandi e meno conosciuti attivisti al mondo che ha sfidato l’autorità senza mai vergognarsi di chi fosse, delle sue convinzioni o dei suoi desideri. E non si è mai arreso. Organizzatore della cruciale marcia a Washington del 1963, Rustin ha fatto la storia e in cambio la storia si è dimenticata di lui.

Miglior attore protagonista: Andrew Scott in ‘Estranei – All of Us Strangers’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - 056 S 01960 - Gay.it
Andrew Scott in ALL OF US STRANGERS. Photo by Chris Harris. Courtesy of Searchlight Pictures. © 2023 Searchlight Pictures All Rights Reserved.

È una storia di fantasmi, di parole mai dette, di abbracci mai dati, di confessioni mai espresse, di addii mai elaborati, di richieste d’aiuto mai esplicitate o colte, di coming out mai fatti, quella trainata da quattro attori in stato di grazia. Andrew Scott non è mai stato tanto bravo, dopo decenni d’attesa al cospetto del ruolo di una vita, indossato straordinariamente. Il suo Adam, così problematico e misterioso, così gentile e malinconico, silenzioso e spaventato, ha mille sfaccettature che Scott riesce perfettamente a rendere credibili. Haigh gli ha costruito l’intero film addosso, senza mai mollarlo un attimo, concentrandosi sui lineamenti, sui piccoli particolari, sulle sfumature di un personaggio complesso e al testo stesso affascinante.

Miglior attore non protagonista: Colman Domingo in ‘Il Colore Viola’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - Colman Domingo - Gay.it

Non solo Rustin. Colman Domingo potrebbe fare doppietta di nomination grazie alla versione musical di Il Colore Viola, dove interpreta il violento Mister. Il film diretto da Blitz Bazawule, in cui la storia lesbica tra le due donne protagoniste verrà finalmente alla luce adattando fedelmente il romanzo originale, racconta la straordinaria storia di amicizia e fratellanza di tre donne che condividono un legame indissolubile.

Miglior attrice non protagonista: Jodie Foster in ‘Nyad’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - NYAD - Gay.it
NYAD. (L-R) Annette Bening as Diana Nyad and Jodie Foster as Bonnie Stoll in NYAD. Cr. Kimberley French/Netflix ©2023

Nel bel biopic Netflix di Diana Nyad, interpretata da una grandiosa Annette Bening, troviamo anche Jodie Foster nei panni della migliore amica di Nyad, Bonnie Stoll. Foster è splendida nell’interpretare un’istruttrice di nuoto di 60 anni, dando così vita ad uno dei personaggi lesbici più apprezzati degli ultimi tempi. Vinte due statuette, Jodie Foster punta al tris.

Miglior regista: Todd Haynes per ‘May December’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - May December - Gay.it

20 anni fa candidato agli Oscar per la sceneggiatura di Lontano dal Paradiso, Todd Haynes punta finalmente al bis grazie a ‘May December’, interpretato da Julianne Moore, Natalie Portman e Charles Melton. In uscita in Italia a maggio, May December ruota attorno ad una una coppia sposata che dopo 20 anni di nozze vacilla sotto la pressione dei media, quando un’attrice arriva per fare ricerche per un film sul loro passato…

Miglior regista e miglior film: George Costello Wolfe con ‘Rustin’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - Colman Domingo è Bayard Rustin nella prima immagine ufficiale del biopic - Gay.it

Già regista di Ma Rainey’s Black Bottom e da sempre gay dichiarato, George C. Wolfe è sbarcato su Netflix con il biopic dedicato all’attivista Bayard Rustin, raccontando al mondo il suo contributo all’organizzazione della grande marcia su Washington del 1963.

Miglior sceneggiatura originale: Dustin Lance Black per ‘Rustin’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - RSTN 20211007 00843 R f - Gay.it
Rustin. (L to R) Michael Potts as Cleve Robinson, Aml Ameen as Martin Luther King, Chris Rock as NAACP Exec. Dir. Roy Wilkins and Glynn Turman as A Philip Randolph in Rustin. Cr. David Lee/Netflix © 2022

Già premio Oscar grazie allo script di Milk, Dustin Lance Black, marito di Tom Daley, guarda ora alla sua seconda candidatura dopo 15 anni con Rustin, in cui ha raccontato la storia di un altro straordinario attivista LGBTQIA+ d’America, ai più sconosciuto.

Miglior sceneggiatura originale: Emma Seligman per ‘Bottoms’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - bottoms bottoms 0147635 R rgb - Gay.it

Al suo secondo film dopo Shiva Baby, Emma Seligman ha sbancato i cinema d’America grazie a Bottoms, pazza commedia queer arrivata in Italia direttamente su Prime Video. Protagoniste due ragazze impopolari dell’ultimo anno delle superiori che fondano un club di lotta per impressionare e conquistare le cheerleader. E il loro assurdo piano funziona! Film scritto da Seligman insieme a Rachel Sennott.

Miglior film d’animazione: ‘Nimona’

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - Nimona e il bacio gay nel lungometraggio animato Netflix che ha fatto impazzire tuttə - Gay.it

Nimona di Nick Bruno e Troy Quane è uno dei migliori film dell’anno. È difficile realizzare un titolo con un messaggio così potente e urgente come quello di Nimona e renderlo tanto creativo e originale. Quando Ballister Cuoreardito (Riz Ahmed), cavaliere di un futuristico mondo medievale, è incolpato ingiustamente per un crimine che non ha commesso, l’unica persona che può aiutarlo a provare la sua innocenza è Nimona (Chloë Grace Moretz), adolescente dispettosa amante del caos e una delle creature mutaforma che lo stesso guerriero è stato addestrato a distruggere. Ma con l’intero regno contro di lui, Nimona è la migliore (o forse l’unica) alleata su cui Ballister può contare. E mentre i ruoli tra eroi, cattivi e mostri iniziano a confondersi, i due protagonisti sono determinati a portare scompiglio: Ballister per dimostrare la propria innocenza una volta per tutte e Nimona per… portare solo scompiglio.

Miglior canzone originale: Camp Isn’t Home da ‘Theater Camp’

Theatre Camp è stato uno dei successi dell’estate americana, con questa canzone del musical nel musical che meritebbe di essere riconosciuta dall’Academy. Canzone che bilancia perfettamente umorismo e sentimenti, “Camp Isn’t Home” è cantata da Noah Galvin, Luke Islam, Madisen Lora, Alexander Bello, Molly Gordon, Jack Sobolewski, Donovan Colan, Kyndra Sanchez, Bailee Bonick e Quinn Titcomb.

Miglior cortometraggio d’animazione: ‘Pete’

Impossibile non innamorarsi di questo cortometraggio su unə ragazzə non conforme al genere che vuole solo giocare a baseball ed essere se stessə.

Miglior corto: ‘Le Variabili Indipendenti

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - cover Le Variabili Dipendenti - Gay.it

Lorenzo Tardella è l’italiano che potrebbe strappare una candidatura agli Oscar per il miglior corto con Le Variabili Dipendenti, come avvenuto nel 2023 ad Alice Rohrwacher e al suo corto Le Pupille. Quando finisce l’infanzia? E cosa significa veramente l’intimità? Queste le domande che si è posto Tardella, con protagonisti Pietro e Tommaso, giovanissimi che sono alle porte dell’adolescenza. Si conoscono nel palchetto di un teatro, mentre le note di Vivaldi risuonano intorno a loro. Si scrutano, si guardano, si sorridono, e scatta un primo bacio. O è forse altro? Quello stesso pomeriggio, circondati dal silenzio delle pareti di casa, cercheranno di scoprirlo…

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24

Hai già letto
queste storie?

Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
I film LGBTQIA+ della settimana 29 aprile/5 maggio tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 29 aprile/5 maggio tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 29.4.24
Paul Mescal per Sunday Times UK (PHOTOGRAPH BY PIP)

Paul Mescal dice sì agli attori etero in ruoli gay (ad una condizione)

Culture - Redazione Milano 16.1.24
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
"Eravamo come fratelli", Lukas Gage si è reso conto di essere gay dopo essere andato a letto con il suo vicino - Lukas Gage - Gay.it

“Eravamo come fratelli”, Lukas Gage si è reso conto di essere gay dopo essere andato a letto con il suo vicino

Culture - Redazione 10.5.24
Filippo Timi: “I miei genitori erano omofobi e razzisti, senza farlo apposta. L’omosessualità resta un tabù” - Filippo Timi 1 - Gay.it

Filippo Timi: “I miei genitori erano omofobi e razzisti, senza farlo apposta. L’omosessualità resta un tabù”

Culture - Redazione 15.1.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Ricky Martin, Fedez, Zorzi, Efron e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Ricky Martin, Fedez, Zorzi, Efron e altri

Culture - Redazione 7.5.24
Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d'Italia - Pedro Almodovar Rossy de Palma e Veronica Forque sul set di Kika – Foto di Jean Marie Leroy © El Deseo - Gay.it

Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d’Italia

Culture - Redazione 10.5.24