L’amore gay è una “Dolce Pace” in esposizione a Treviso

Una serie di ritratti "casalinghi" di coppie omosex residenti nella città veneta mentre si gustano un gelato come nel flash mob non autorizzato a giugno. L'autrice è la fotografa catalana Laia Abril.

L'amore gay è una "Dolce Pace" in esposizione a Treviso - dolcepaceBASE - Gay.it
3 min. di lettura

L'amore gay è una "Dolce Pace" in esposizione a Treviso - dolcepaceF1 - Gay.it

L’amore gay? Due cuori e un po’ di panna (gelata). Questo il messaggio della mostra fotografica Dolce Pace allestita presso lo spazio espositivo XYZ nel centro di Treviso e visitabile fino al sette agosto. Una serie di ritratti "casalinghi" di coppie omosessuali residenti nella città veneta mentre si gustano un gelato, realizzati da Laia Abril (in foto), fotografa documentarista catalana venticinquenne che lavora per Fabrica, già autrice di un fortunato reportage sulla comunità lesbica giovanile di Brooklyn, Femme Love. Affiancata alla mostra ci sarà anche un’installazione interattiva con foto di persone che hanno aderito all’iniziativa da ogni parte del mondo attraverso i social network.

Il progetto di Dolce Pace nasce da un’idea del giovane curatore argentino Salvador Perez, ispirata a un flash mob organizzato il 9 maggio 2009 davanti alla gelateria Dolce Freddo gestita da un bellunese nel quartiere Schöneberg di Berlino. Davanti alle sue vetrine una cinquantina di coppie omosessuali si baciarono al grido di: "Baciamoci fino a che non arriva il padrone!". La protesta collettiva era dovuta al fatto che due giorni prima una coppia di donne che avevano appena comprato un gelato furono cacciate per essersi baciate all’interno del locale.

L'amore gay è una "Dolce Pace" in esposizione a Treviso - dolcepaceF2 - Gay.it

Il 28 giugno scorso è stato anche organizzato un incontro in piazza Duomo a Treviso, in cui si invitavano i partecipanti a mangiare un gelato insieme per dire no all’omofobia e ogni forma d’intolleranza. Ma l’amministrazione locale non concesse la piazza per l’evento (ricordiamo i proclami antigay del vicesindaco leghista Gentilini) e alcuni esponenti di Forza Nuova minacciarono ripercussioni violente se avesse avuto luogo. Il flash mob si tenne lo stesso, nonostante il dispiego di transenne, e alcune coppie etero e gay si scambiarono innocui baci senza alcuna conseguenza.

Così, il vernissage di Dolce Pace, tenutosi nel tardo pomeriggio di venerdì scorso, è stato precauzionalmente presidiato dalla Digos per evitare eventuali atti di vandalismo. «Prendere un gelato è un gesto pacifico, quotidiano – spiegano gli organizzatori – un fatto concreto in grado di unire e di attenuare i conflitti. Lo possono fare tutti e lo si può gustare in diversi modi: da soli, insieme ad un amico, al nostro compagno/a o alla nostra famiglia. Mangiare un gelato, assaporarne la sua dolcezza, sentirne la cremosità, significa vivere un momento di piacere, di godimento. Tutti gli individui del mondo, dal freddo gelido di Mosca al caldo torrido di Brasilia, associano l’azione di prendere un gelato a un sentimento di distensione, rilassamento, tranquillità o di allegria e divertimento se il gelato viene preso in compagnia».

L'amore gay è una "Dolce Pace" in esposizione a Treviso - dolcepaceF3 - Gay.it

L’obiettivo dell’esposizione è «restituire alla comunità un senso di compattezza – continuano gli organizzatori – dando risalto a quegli aspetti di quotidianità e ‘normalità’ che accomunano la vita di tutti, omosessuali ed eterosessuali. Ma anche fare crescere intorno a questa proposta un cambiamento culturale, sociale e politico, quindi promuovere il rispetto verso le minoranze sessuali. La mostra non nasce con l’intento di essere un’orgogliosa ostentazione dell’amore omosessuale: la forza comunicativa nell’arte, relazionata ai fatti di più viva attualità, rappresenta un mezzo sensibile attraverso il quale dissolvere i pregiudizi negativi che ostacolano le relazioni delle minoranze col resto della comunità».

La mostra Dolce Pace è aperta dal martedì alla domenica, dalle 17 alle 20, presso lo Spazio XYZ in via Inferiore 31 a Treviso (www.spazioxyz.org).

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24