La replica di Cristina D’Avena è un fiume di retorica

L'artista risponde all'accusa di simpatizzare con i fascisti. Ma la toppa è peggio del buco?

ascolta:
0:00
-
0:00
Cristina D'Avena
Cristina D'Avena
2 min. di lettura

Nelle ultime ore Cristina D’Avena ha fatto incazzare i social perché canterà ai quarant’anni di Fratelli D’Italia.

La simpatia della cantante per Giorgia Meloni ha generato l’indignazione del suo pubblico, in primis quello LGBTQIA+, tanto da definirla una ‘banderuola’ che pecca di scarsa integrità politica.

In seguito alla bufera, la risposta dell’artista non è tardata ad arrivare: “Da quarant’anni canto in tutti i posti dove sono benvoluta e accolta” scrive in uno statement ufficiale su Instagram. “Nelle piazze dei paesi, nei palazzetti delle città, nei teatri, in televisione, nelle feste LGBTQIA+ e anche alle Feste dell’Unità. Nei Pride e al Vaticano. E sempre e ovunque con tutto l’impegno e la gratitudine possibili.”

Il post è un susseguirsi di luoghi comuni e frasi fatte, dove le canzoni hanno l’obiettivo di portare allegria e spensieratezza “a chiunque, nessuno escluso” e la musica è libera da ideologie: “Non mi schiero e non cambio pelle all’improvviso” ci tiene a precisare D’Avena, specificando che parteciperà solo per cantare e non “militare sotto una bandiera”.

Perché (naturalmente) la musica “unisce, include, e conforta”.

Ho sostenuto, e sempre sosterrò, i diritti civili e l’amore universale che dovrebbe essere alla base della crescita di ogni essere umano” conclude l’artista, lasciando ancora più amaro in bocca di prima.

Può la musica davvero unire quando celebra un partito che chiude porti e cancella i diritti fondamentali delle persone? La musica è universale, ma ballare e cantare spensierate significa ignorare ogni contatto con la realtà circostante? La reazione sui social va da chi conferma D’Avena come opportunista e poco coerente a chi ribadisce che l’artista sta facendo solo il suo lavoro, e questo non definisce né la sua posizione né i propri valori.

Eppure Dua Lipa (tanto per dirne una) si è rifiutata di cantare al Qatar 2022 fin quando non rispetteranno i diritti umani, confermando che anche la musica pop più leggera e gaia può mandare un messaggio forte e chiaro. Partecipare ad un evento organizzato dall’estrema destra non rende automaticamente Cristina D’Avena una fascista che ci vorrebbe tutt* nei forni crematori, ma all’alba del 2023 e in un clima politico così fragile possiamo ancora permetterci la retorica del ‘vogliamoci bene nonostante tutto‘?

A voi la parola.

Leggi anche: Se Laura Pausini si rifiuta di cantare Bella Ciao, dov’è il ruolo dell’arte nella politica?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24

Leggere fa bene

Cuckoo (2024)

Hunter Schafer è la perfetta scream queen nell’horror Cuckoo – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 9.2.24
Taylor Swift Travis Kelce

Cosa ha fatto Taylor Swift per monopolizzare il football e far arrabbiare maschi e repubblicani

Culture - Redazione Milano 5.10.23
meloni orban

“Difendere Dio e famiglia”: Meloni sul palco con Orban a Budapest – VIDEO

News - Francesca Di Feo 14.9.23
Musk ospite di Giorgia Meloni ad Atreju, Crocini: “Lui padre con la GPA ospite di un partito che vuole abolirla” - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Musk ospite di Giorgia Meloni ad Atreju, Crocini: “Lui padre con la GPA ospite di un partito che vuole abolirla”

News - Federico Boni 13.12.23
giorgia meloni usa lgbtq nation

Giorgia Meloni terrorizza i media LGBTQI+ americani

News - Redazione Milano 25.8.23
Nancy Pelosi su Giorgia Meloni: "Ha problemi con i diritti LGBTQIA+ e il rispetto delle minoranze” - nancy pelosi - Gay.it

Nancy Pelosi su Giorgia Meloni: “Ha problemi con i diritti LGBTQIA+ e il rispetto delle minoranze”

News - Redazione 1.9.23
taylor-swift-persona-dell-anno-2023

Taylor Swift è la Persona dell’Anno per Time: un brindisi a un 2023 straordinario

Musica - Francesca Di Feo 7.12.23
meta-linguaggio-odio-lgbt (1)

Meta: Facebook e Instagram indifferenti all’odio verso le persone LGBTIQ+?

News - Francesca Di Feo 2.10.23