Leo Varadkar, proteste dei No Vax e insulti omofobi davanti l’abitazione del vice premier irlandese

Un'intimidazione "oltraggiosa e vergognosa, omofoba e bigotta", hanno tuonato altri politici.

Leo Varadkar, proteste dei No Vax e insulti omofobi davanti l'abitazione del vice premier irlandese - Scaled Image 1 19 - Gay.it
2 min. di lettura

42enne vice premier d’Irlanda, dichiaratamente gay e da sei anni sposo di Matthew Barrett, Leo Varadkar è stato vittima di omofobia. Domenica scorsa una folla di no-vax si è ritrovata davanti l’abitazione del leader del Fine Gael, a Dublino, per circa un’ora. Tra gli insulti urlati hanno fatto rumore alcuni cori omofobi, presto criticati dagli altri politici d’Irlanda. Mary Lou McDonald, presidente del Sinn Féin, ha definito “oltraggiosa e vergognosa l’intimidazione omofobica e bigotta” andata in scena davanti la casa di Varadkar, chiedendo alla giustizia di fare il suo corso.

Il ministro dell’Istruzione nonché collega di partito Varadker, Simon Harris, ha definito la protesta “disgustosa e ripugnante“. Una sceneggiata che “non ha posto in una democrazia”, a tal punto da dover “essere condannata da tutti e chiamata per quello che è“. La revisione annuale 2021 dell’International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association Europe (ILGA) sui diritti LGBTQ afferma che l’omotransfobia in Irlanda è un “problema in corso”, così come nel Regno Unito. Attualmente, l’Irlanda non dispone di alcuna legislazione specifica per affrontare i crimini d’odio. Lo scorso aprile la ministra della Giustizia Helen McEntee aveva annunciato che una nuova legge avrebbe presto affrontato l’omotransfobia: “Questi crimini sono motivati ​​dal pregiudizio. Fanno temere alle vittime per il loro futuro, i loro amici e le loro famiglie. Portano a una società divisa, dove intere comunità possono sentirsi insicure e arrabbiate“, disse un tempo. “Dobbiamo essere duri e mostrare alle vittime che riconosceremo il vero danno di questi crimini. E i colpevoli sapranno che siamo determinati a eliminare pregiudizi e odio”.

Leo Varadkar si è dimesso da premier il 21 febbraio del 2020, causa incapacità dei tre partiti irlandesi di formare un nuovo governo, vista la mancanza di una maggioranza assoluta figlia delle ultime elezioni. Il suo partito, Fibe Gael, è arrivato terzo con 31 seggi, dietro Mary Lou McDonald di Sinn Fein e Micheál Martin di Fianni Fail, diventato Taoiseach proprio al posto di Varadkar. Successivamente quest’ultimo è stato nominato vicepremier nonché Ministro del Lavoro come parte di governo di coalizione composta da Fianna Fáil, Fine Gael e il Partito dei Verdi. Secondo quanto concordato un anno fa, Leo tornerà premier tra un anno, fino alla fine della legislatura.

Il matrimonio egualitario è legale in Irlanda grazie allo storico referendum del 2015, con le prime nozze diventate realtà il 17 novembre 2015. I sì al matrimonio stravinsero con il 62,1% dei voti, contro il 37,9% dei no.

Leo Varadkar, proteste dei No Vax e insulti omofobi davanti l'abitazione del vice premier irlandese - Leo Varadkar 2 - Gay.it

Leo Varadkar, proteste dei No Vax e insulti omofobi davanti l'abitazione del vice premier irlandese - Leo Varadkar - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

Hai già letto
queste storie?

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: "3 anni di inferno" - Michele Albiani - Gay.it

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: “3 anni di inferno”

News - Redazione 21.3.24
Valentina Gomez, la candidata repubblicana che sui social brucia "libri LGBTQIA+" con un lanciafiamme (VIDEO) - Valentina Gomez - Gay.it

Valentina Gomez, la candidata repubblicana che sui social brucia “libri LGBTQIA+” con un lanciafiamme (VIDEO)

News - Redazione 28.3.24
Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti - Ron DeSantis 2 - Gay.it

Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti

News - Federico Boni 26.10.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” - VIDEO - Roberto Vannacci - Gay.it

Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” – VIDEO

News - Redazione 16.1.24
giorgia-meloni-uomo-dell-anno (2)

Giorgia Meloni “Uomo dell’Anno” per Libero: se il potere è concepibile solo al maschile

News - Francesca Di Feo 29.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24