Ma quanto è gender quel pazzo criminale di “Bronson”

Esce in sala dopo tre anni il miglior film della rivelazione danese Nicolas Winding Refn sul galeotto più violento d'Inghilterra, Michael Peterson. Tra provocazioni gender e un'estetica filoqueer.

Ma quanto è gender quel pazzo criminale di "Bronson" - bronsonBASE - Gay.it
3 min. di lettura

Ma quanto è gender quel pazzo criminale di "Bronson" - bronsonF1 - Gay.it

Lo hanno già soprannominato il "Tarantino europeo" ed è uno dei registi emergenti di maggior talento sulla scena contemporanea. Nicolas Winding Refn, quarantenne danese, allievo di Von Trier da cui, almeno stilisticamente, ha subito preso le distanze collocandosi agli antipodi del Dogma, è stato scoperto in Italia due anni fa grazie a una retrospettiva completa al Torino Film Festival e lanciato internazionalmente a Cannes dal premio come miglior regia per la sua ultima fatica, "Drive", col fascinoso Ryan Gosling .
Autore di un cinema iperviolento, grottesco, fiammeggiante, dalla messa in scena sofisticata, più vicino al Kubrick di "Arancia Meccanica" e "Full Metal Jacket" che a Tarantino – non flirta mai col pop – Winding Refn (leggasi ‘Rifen’) presenta vari elementi queer nelle sue storie criminali estreme caratterizzate da un cameratismo ostentato che spesso esclude il sesso femminile, con un compiacimento estetico per il corpo maschile nudo piuttosto omo-friendly.

Ma quanto è gender quel pazzo criminale di "Bronson" - bronsonF2 - Gay.it

Tra le scene gay cult ricordiamo l’inatteso bacio tra i due amici al pub nel superpulp "Pusher", primo capitolo di una fortunata trilogia scorsesiana su un gruppo di spacciatori vendicativi, davvero di straordinaria intensità.
L’occasione per recuperare il miglior titolo del regista danese è la tardiva uscita nelle sale italiane di "Bronson", biopic sui generis del più celebre criminale d’Inghilterra, tale Michael Peterson detto appunto ‘Bronson’ perché il suo eroe è proprio il celebre Charles, leggendario ‘giustiziere della notte’, e la sua più grande passione il pugilato (o meglio, fare a pugni tout court). Incarcerato dall’età di 22 anni – oggi ne ha 58 – Bronson ha cambiato più di 120 prigioni per le continue aggressioni ai secondini, al punto da guadagnarsi l’appellativo di ‘galeotto più violento d’Inghilterra’.

Ma quanto è gender quel pazzo criminale di "Bronson" - bronsonF3 - Gay.it

Nelle mani di un talento visionario come Winding Refn, l’allucinata vicenda di Bronson diventa una lucida rappresentazione del fascino oscuro della violenza, anche grazie al carisma magnetico del sublime interprete Tom Hardy, in grado di rendere al meglio la follia narcisistica che alberga in Bronson, trasformandolo sullo schermo in uno dei ‘cattivi’ cinematografici più affascinanti degli ultimi anni: un provocatore survoltato che gioca col concetto di gender – brechtianamente si presenta allo spettatore truccato per metà da uomo e per metà da donna su un palco fittizio dove parla con voce maschile e femminile come un joker schizoide, al punto da diventare amico di un gay segaligno che lo istruisce su come realizzare il suo grande sogno, ovvero diventare una celebrità a tutti i costi (ma all’omosessuale che gli spiega cos’è realmente l’arte fa fare una fine atroce trasformandolo in statua morente, anziché vivente, alla Gilbert & George).

Ma quanto è gender quel pazzo criminale di "Bronson" - bronsonF4 - Gay.it

Raramente si sono visti sul grande schermo scazzottamenti tra maschi nudi e nerboruti così eroticamente intriganti, quasi degli ansiogeni balletti virili trattati alla stregua di sanguinanti coreografie del male (magnifico il pezzo "The Electrician" dei Walker Brothers in colonna sonora), e c’è di che sentirsi in colpa visto l’eccesso di violenza. Eppure quello di Winding Refn è davvero grande cinema.
Da scoprire.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24

Hai già letto
queste storie?

Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar compie 25 anni - tutto su mia madre - Gay.it

Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar compie 25 anni

Cinema - Federico Boni 26.3.24
damiano gavino nudo andrea di luigi nuovo olimpo cover

Nuovo Olimpo, nudo integrale di Damiano Gavino e Andrea Di Luigi, a Ozpetek avevano detto “saranno c…. tuoi”

Cinema - Redazione Milano 1.11.23
"Estranei" - All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro - 003 001 S 02013 - Gay.it

“Estranei” – All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro

Cinema - Federico Boni 29.2.24
Michele Bravi attore in Finalmente l'Alba: "Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo" - Michele Bravi Finalmente lalba - Gay.it

Michele Bravi attore in Finalmente l’Alba: “Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo”

Cinema - Redazione 22.2.24
David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera - Milena Vukotic Credits ph. Fiorenzo Niccoli - Gay.it

David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera

Cinema - Redazione 10.4.24
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
FEMME (UTOPIA)

Femme è il thriller queer in drag di cui abbiamo bisogno, il trailer – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 16.2.24
Sei nell’anima, il trailer del biopic su Gianna Nannini (che racconterà anche il suo amore per le donne) - Sei nellanima foto Ralph Palka SNA 491A4283 - Gay.it

Sei nell’anima, il trailer del biopic su Gianna Nannini (che racconterà anche il suo amore per le donne)

Cinema - Redazione 19.4.24