Metà dei medici in Europa pensa ancora che essere gay sia una malattia

Un dato sconcertante da un rapporto dell'Agenzia Europea dei Diritti Fondamentali

Metà dei medici in Europa pensa ancora che essere gay sia una malattia - Medici omofobi 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Un nuovo rapporto rivela che metà dei medici in Europa pensa ancora che essere gay sia una malattia! Ebbene sì, un sondaggio dell’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA), che ha intervistato medici professionisti in ben 19 Stati membri, ha scoperto che ben il 50% degli stessi trattano ancora l’omosessualità come una malattia.

La relazione finale dello studio chiede subito l’adozione di misure per fermare tale discriminazione, che in paesi come la Bulgaria, Ungheria, Italia, Lettonia, Polonia, Romania, Rep. Slovacca vede più della metà dei medici coinvolti. Altro dato riscontrato: molti operatori sanitari intervistati ignorano i problemi che colpiscono la comunità LGBTQI.

Metà dei medici in Europa pensa ancora che essere gay sia una malattia - Omosessualita%CC%80 malattia - Gay.it

Riteniamo che queste malattie siano generate dal fatto che queste persone abbiano avuto traumi durante l’infanzia e che, per questo, cerchino un modo diverso di vivere rispetto alle altre persone” racconta un infermiere rumeno.

Quando una persona omosessuale si rivolge per la prima volta a un reparto medico, viene quasi certamente considerata dai dipendenti, come un’ “appestata”” prosegue Michael O’Flaherty, direttore del FRA, sottolineando come il rapporto evidenzi che la negligenza dei vari servizi sanitari è stata di non aver mai formato professionalmente, #ahinoi, il personale in merito, e aggiunge:

Le persone LGBT hanno lo stesso diritto all’istruzione, all’assistenza sanitaria e ad essere trattati allo stesso modo di tutte le altre persone. Anche loro hanno il diritto a vivere la loro vita con dignità, senza paure né discriminazioni

Metà dei medici in Europa pensa ancora che essere gay sia una malattia - Polizia europa - Gay.it

Per quanto riguarda la transessualità, il rapporto ha analizzato che le persone transessuali, in particolare, hanno sofferto e soffrono a causa di una totale mancanza di consapevolezza relativa alla loro condizione, per non parlare dei loro diritti. Inoltre, sembrerebbe che un gran numero di crimini contro la comunità LGBT frequentemente non venga registrato correttamente da agenti di polizia, comportando una sottostima del problema.

Lo scorso anno la stessa ricerca aveva dimostrato come la  discriminazione fosse ancora presente anche negli ospedali del Regno Unito, dove il 28%, dei medici ha dichiarato di non sentirsi in grado di rispondere alle specifiche esigenze sanitarie di pazienti trans, mentre il 15% aveva detto la stessa cosa per lesbiche, gay e bisessuali.

A tal proposito, per l’Italia si è già espresso Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay, che si rivolge alla nostra classe dirigente:

Il richiamo non può non interpellare la nostra classe dirigente: la bassa qualità del dibattito parlamentare sulle unioni civili, che al Senato ha toccato vette di odio e disprezzo ormai ricorrenti su questi temi, rientra a pieno nel ritratto tracciato dall’Agenzia europea. Queste opinioni negative sono l’ostacolo che incontrano tutte le azioni volte a contrastare discriminazioni e crimini d’odio. In altre parole, quei pregiudizi quando prendono corpo in figure apicali o dirigenziali vanificano gli sforzi di chi si batte per una società accogliente per tutte e tutti.

Dati gli sconvolgenti risultati del FRA, la relazione finale sottolinea la necessità che l’UE e i suoi Stati membri agiscano quanto prima per consentire ai funzionari pubblici di fare il loro dovere, fornendo un servizio di alta qualità che aiuti a porre fine alla sofferenza di molte persone con esperienze LGBTQI.

C’è urgente bisogno, ovunque, di #educarealledifferenze!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Leggere fa bene

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
vannacci-ultime-dichiarazioni

Vannacci e il tour paranoico tra omosessuali e graffitari, ecco gli ultimi deliri dell’esponente dell’esercito italiano

News - Redazione Milano 15.9.23
fedez-torna-a-casa

Fedez torna a casa, l’intervento d’urgenza, la salute mentale e X-Factor: forza Federico!

Musica - Redazione Milano 7.10.23
uganda uomo arrestato

Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

News - Federico Boni 1.12.23
"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
hiv italia dati ISS 2023

Hiv ecco i nuovi dati Italia: nuove diagnosi, troppo tardive, e ancora troppi morti di AIDS

Corpi - Francesca Di Feo 21.11.23
biella madre picchia figlio gay

Biella, madre picchiava figlio di 17 anni con il mattarello perché gay: rinviata a giudizio

News - Redazione Milano 10.10.23