Mettere l’ansia all’ansia! Fabio Canino ci consiglia di trovarci un bravo dottore – Intervista

Abbiamo intervistato l'attore Fabio Canino per parlare del su prossimo spettacolo: "Un bignami di cose da discutere con l'analista".

ascolta:
0:00
-
0:00
trovatene uno bravo
trovatene uno bravo
3 min. di lettura

Vi chiedete mai cosa penserà lə vostrə psicologə di voi? Andare in terapia è spesso una montagna russa, imprevedibile e liberatoria, che non trova soluzione immediata ai problemi, ma genera nuove domande. Alcune più scomode di altre. Ma se le nostre idiosincrasie ci assalgono, vistə dall’esterno potremmo essere più esilaranti di quanto crediamo.

Ce lo racconta Trovatene uno bravo! spettacolo teatrale diretto da Andrea Bruno Savellli, e con protagonisti l’attore e giudice di Ballando con Le Stelle, Fabio Canino (qui potete leggere la nostra intervista dello scorso Aprile) e Andrea Muzzi, che portano sul palco la storia di Andrea, uomo in crisi di mezza età, che ha perso ogni certezza e sente le lancette del tempo ticchettare. Pietrificato all’idea di invecchiare o guardarsi dentro, si affida alla terapia catapultandoci in una lunga rocambolesca seduta che dà via libera alle nevrosi di entrambi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabio Canino (@fabiocaninoreal)

Uno spettacolo tutto ambientato a Firenze e con un protagonista che Canino definisce scritto su misura per lui, rispecchiando un po’ la sue stesse angosce e piccole follie: “La follia non è sempre negativa” racconta l’attore a Gay.it “A volte essere un po’ folli ci rende anche più attenti a quello che ci succede intorno”.

Una prova attoriale  che in qualche modo ha permesso a Canino anche di esorcizzare quell’ansia che lo accompagna da una vita: “Io metto l’ansia all’ansia” ci racconta “Passando gli anni riesci a convincerci, compattarla, e domarla, ma in qualche modo rimane. Io sono uno di quelli che arriva un’ora prima alla stazione o paga le bollette dieci giorni prima che scadono”. Ma dall’altra parte, quell’ansia diventa motore d’azione che lo aiuta a gestire il proprio lavoro e mantenere il controllo, in quanto “dà un segnale di non perdere tempo”.

Come spiega Canino, entrambi i personaggi, paziente e psicologo, cercano di trovare una strada nuova per le loro vite, e non si sa chi sta analizzando chi: un po’ come succede nella vita di tutti i giorni, raccontarci diventa mezzo per ascoltare l’altro, e viceversa. “Non c’è voluto molto per entrare in sintonia” spiega Canino, che insieme al regista Andrea Bruno Savelli e Andrea Muzzi, stringe un rapporto d’amicizia che va avanti da anni, permettendo empatia e complicità, dentro e fuori il sipario: “La bellezza di questo lavoro è che se tu conosci una persona con cui lavori, hai modo di conoscere meglio anche le sue debolezze e insicurezze. Anche Andrea Muzzi è ansioso come me, mentre il nostro regista all’apparenza è molto tranquillo. Non so se prima delle prove prende lo Xanax, ma la sua calma equilibra le nostre rispettive ansie“.

Pur con ironia, Trovatene uno bravo! ribadisce con orgoglio l’importanza della terapia, archiviando ogni stigma o falso mito sull’andare dallo psicologo: “Io vado in analisi e ne vado molto fiero spiega Canino “In alcuni casi secondo me dovrebbe essere obbligatoria, tipo per quei politici che dicono cazz*te e dovrebbero rendersi conto che non sono Napoleone. Ma soprattutto dopo il Covid molte persone, soprattutto ragazzə più giovani, si sono trovatə solə e persə. Quando le famiglie non sanno come aiutare, occorre un professionista per mettere mano alle frustrazioni dell’animo. Quindi ben venga l’analista”.

All’alba del debutto il prossimo 18 Luglio al Versiliana Festival, Canino e l’intero team sperano che il pubblico percepisca la dolcezza di questi personaggi, che sono un turbine di insicurezze, contraddizioni, e umanità in cui tuttə possono rispecchiarsi: “Dai momenti di rabbia ai momenti in cui credi di avere la verità in tasca e l’altro ti smonta, è un po’ la storia di tuttə noi” dice a Gay.it “È un bignami di cose da discutere con l’analista”. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24

Continua a leggere

salerno transgender

Salerno, ecco l’Ambulatorio di Medicina di Genere per persone transgender e non binarie: intervista

Corpi - Francesca Di Feo 10.11.23
hiv stigma arcigay

Indagine Stigma Stop sulla comunità LGBTIQA+: le identità meno visibili riportano stato di salute e psicologico più bassi

Corpi - Gay.it 14.11.23
cena ozpetek

Come sopravvivere al pranzo con i parenti?

Lifestyle - Riccardo Conte 12.12.23
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
carmen pignataro

Addio Carmen Pignataro, luce del teatro femminista e queer

Culture - Chiara Zanini 23.8.23
fedez-torna-a-casa

Fedez torna a casa, l’intervento d’urgenza, la salute mentale e X-Factor: forza Federico!

Musica - Redazione Milano 7.10.23