Video

“Dobbiamo combattere insieme”: M¥SS KETA risponde alle vostre domande – Intervista video

Gay.it ha raccolto le domande dei ketamini, ecco le risposte della M¥SS.

ascolta:
0:00
-
0:00
6 min. di lettura

È la signora del clubbing milanese, la misteriosa cantante mascherata che non mostra mai il suo volto. Solo pronunciare il suo nome porta alla mente livelli di iconicità alle stelle. M¥SS KETA è diventata un simbolo non solo di Milano, ma anche della musica disco e techno, dei testi irriverenti e dei visual da capogiro.

Ora in tour per il suo nuovo album, Club Topperia, la vedremo oggi 2 Luglio sul palco del Milano Pride, pronta a incendiare il popolo LGBTQIA+ milanese e non solo nel giorno simbolicamente più importante dell’orgoglio queer.

Ma la M¥SS è anche sinonimo di un femminismo (e transfemminismo, come spiega nell’intervista) in cui tuttə si possono riconoscere. I ketamini (così si fanno chiamare lə fan della M¥SS) la amano alla follia, e recentemente MYSS KETA ha anche presentato i Diversity Awards (qui il racconto del nostro direttore).

Quindi, ci siamo chiesti, perché non lasciare che siano proprio i fan a curiosare nell’immaginifica rivolta sonora che è quel mondo matto e queer di M¥SS KETA? È quello che abbiamo fatto! Di seguito l’intervista testuale, in alto la versione video!

INTERVISTA GAY.IT: M¥SS KETA RISPONDE ALLə FAN

Myss Keta intervista Gay.it
Myss Keta risponde alle domande dei fan

 

@saviochristian: Brano a cui sei più legata di Club Topperia?

Devo dire la verità che secondo me Moveset è una canzone particolarmente magica per come è nata. Nel senso che eravamo io e Riva al Plastic, Riva ha avuto questo guizzo di genio con la melodia e poi da lì abbiamo scritto la canzone. Quindi non so se è quella a cui sono più legata, però è quella che, quando la canto e quando la riascolto, mi fa venire in mente delle emozioni personali anche, è una di quelle che mi smuove di più.

 

@sirclock : Quando una collaborazione con Immanuel Casto?

Io e Immanuel per ora ci siamo soltanto sfiorati. Però direi che ci vedremo il 2 luglio sul palco del Pride Milano, quindi chissà cosa nascerà. Vedremo.

Myss Keta intervista Gay.it
Myss Keta nel photoshoot di Club Topperia

 

@_fra_sensimilla: Come si è creato il collettivo di Porta Venezia? Perché loro e perché così?

Motel Forlanini e tutta la gang delle ragazze di Porta Venezia si è creato nel 2013 perché era un momento molto fiorente del clubbing milanese ed era anche un momento speciale per la nightlife queer. Nasceva proprio un movimento underground e aveva trovato in Porta Venezia una comunità abbastanza numerosa e abbastanza variopinta, contente al suo interno persone queer di varia natura. Si è creata questa comunità perché fondamentalmente si andava sempre alle stesse serate. Vedendoci sempre tra di noi e uscendo sempre insieme, diciamo che Porta Venezia era diventato il nostro headquarter. 2013-2015, Porta Venezia veramente è stato speciale e oggi ovviamente vediamo anche i frutti di quell’esplosione.

 

@sonia_serafini_swonji: Ti senti più Daft Punk o Anonimo italiano?

Io più Daft Punk perché li amo. Uno dei miei dischi della vita è Homework dei Daft Punk quindi mi sento un po’ più così. Vorrei essere un po’ più così.

 

@stefy_ven_: C’è un personaggio in cui ti rivedi in qualche modo?

A me è venuta in mente la Fanelli. Mi piace tantissimo il suo spirito, il suo modo di stare al gioco, il suo modo di essere professionale ma essere molto ironica ed avere tantissimi layer di lettura. Un bacio a Emanuela e magari presto ci rivediamo. Magari io, Emanuela e Immanuel Casto, e si inizia così.

 

Myss Keta intervista Gay.it
Myss Keta nel video di Finimondo

 

Andrea: Qual è la cosa più strana che ti è successa con i fan?

Io amo particolarmente il momento del lancio dei reggiseni e delle mutande sul palco, quindi incito anche i miei fan a farlo. Ogni serata ha il suo momento particolare con i fan. Ad esempio ieri suonavo a Vicenza e a un certo punto, non so come, un lancio di reggiseno che ha attivato una serie di lanci sul palco di intimo che ha fatto sì che salissero tre ragazze sulla cassa. È stato un momento un po’ delirante. Ho tanti momenti particolare con i fan.

 

Lucia: La Myss è anche sinonimo di outfit iconici, qual è la tua preferita?

Attualmente ci sono Donatella Versace e Fausto Puglisi soprattutto nel mio cuore. Ovviamente sempre anche la Vivienne Westwood che salutiamo e che secondo me sta seguendo l’intervista.

 

Francesca: Un fashion trend del momento che non sopporti?

Ad esempio il jeans troppo bucato e strappato a me non esalta. Mi sono fermata al momento dei finti strappi, sai quando hai gli strappetti sulla coscia e dico carino ma il fatto che il pantalone sia completamente bucato così… magari per la presa d’aria estiva può essere un’idea, però. Personalmente come fashion trend mi dispiace che stia tornando la vita bassa, ma perché io sono una grandissima amante della vita alta. E il fantasmino: non è un fashion trend, ma deve essere abolito secondo me.

 

Myss Keta intervista Gay.it
Myss Keta ci porta nel suo Club Topperia

 

Arianna: Hai detto che Club Topperia è un album inclusivo. Cosa significa per te inclusione?

Per me inclusione vuol dire ascolto, innanzitutto. Noi possiamo essere persone inclusive e definirci tali, possiamo magari studiare un certo tema o di argomenti, però ci sarà sempre quel momento in cui ti trovi di fronte a qualcosa che ti mette a disagio. Perché è così. L’essere umano è purtroppo un animale sociale e culturale che è cresciuto in una società di questo tipo e ha assunto dentro di sé delle forma mentis. Ad esempio, per me lavorare ai VMA è stato un importantissimo episodio, perché lì ho capito che io stessa devo fare vari passi in avanti e per farli devo domandare, essere curiosa, essere interessata e chiedere. [Inclusione] significa voler domandare, voler conoscere e chiedere, chiedere, chiedere.

 

Tommaso: Momento preferito del trash italiano?

Non so perché, forse perché lo sto cantando tantissimo, mi viene in mente Gerry Scotti quando salta sul tavolo di Striscia e lo buca. Sarò nostalgica ma mi viene in mente il momento di Iva che corre dietro al divanetto, un saluto a Iva Zanicchi. E Presidente raga, Presidente nel cuore.

 

Gianluca: Qual è la tua idea di femminismo?

È un’idea di volontà di ascolto delle esigenze delle cosiddette minoranze. Ovviamente non sono le minoranze numeriche, sono le minoranze in fatto di rappresentazione, i gruppi che sono meno ascoltati perché meno presenti nelle zone di potere. Un’idea in cui le esigenze di questi gruppi sono condivise e sono portare avanti insieme. Fondamentalmente credo che quello che chiediamo noi, femministe di questo periodo, sia appunto la volontà che l’inclusione e il rispetto siano dei valori attraverso cui possiamo vivere la nostra quotidianità. Questo va legalizzato. Sto parlando del DDL Zan, perché è così importante? Perché tu devi mettere un punto dal punto di vista legislativo, perché questo sia effettivamente portato avanti da tutte e tutti.

Myss Keta intervista Gay.it
Il Finimondo di Myss Keta

 

Teo: La tua musica è considerata provocatoria per i testi espliciti. Perché per una donna è ancora un tabù?

Come era rivoluzionaria la Raffaella che cantava che Pedro era il meglio di Santa Fe, continuano a puntare il dito su queste donne che parlano di tematiche sessualmente esplicite. Cioè è strano, è strano che la Myss parla di queste cose. Metti anche altre mie colleghe come la Bigmama, la boyrebecca, parlano così esplicitamente di sesso. Ma secondo me è proprio per uno stereotipo culturale per cui l’uomo non ha degli argomenti tra cui scegliere, può averli tutti. Invece purtroppo ancora oggi la donna ha degli argomenti tra cui scegliere. Se, per scardinare questo concetto per cui ci sono degli argomenti maschili e degli argomenti femminili – che per me è una roba di un’assurdità e di un retrogrado pazzeschi – bisogna andare a provocare, bisogna insistere su queste tematiche, bisogna infastidire, io ci vado, sono in prima linea e continuerò così. Continuiamo a farlo.

 

@gayit: Sei d’accordo sulla battaglia femminista per le donne trans* e fare quindi una comune battaglia transfemminista?

Eh per forza, 100%. Sono assolutamente d’accordo, we are in this together. Secondo me è questo il modo per sfondare veramente il muro, perché le divisioni interne non portano da nessuna parte. Insieme siamo forti ed è insieme che dobbiamo combattere.

 

@gayit: Gli Stati Uniti hanno cancellato il diritto all’aborto. Un commento a caldo?

Per me è veramente The Handmaid’s Tale nella vita vera, spero onestamente che succeda qualcosa per ribaltarla, altrimenti ragazzi c’è veramente da aver paura. Per me è disumana come cosa. Mi devo informare bene però voglio sperare che ci sia la possibilità di un ribaltamento della situazione. Adesso comunque mi informo bene.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24

Hai già letto
queste storie?

umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24
Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24
malta-europride-resoconto

Malta Europride 2023 verso la parata finale: ecco come sono andati i primi giorni di festival

News - Francesca Di Feo 13.9.23
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
liguria pride 2024

Liguria Pride 2024: a Genova l’8 giugno

News - Redazione 23.1.24
Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: "Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi". L'intervista - Rey Sciutto cover - Gay.it

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: “Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi”. L’intervista

Culture - Federico Boni 5.2.24
Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario - VIDEO - Mumbai Pride - Gay.it

Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario – VIDEO

News - Redazione 5.2.24
Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24