Omicidio Naomi Cabral: arrestato il principale sospettato, un uomo di 35 anni con precedenti per lesioni

Svolta nelle indagini per l'omicidio di Naomi Cabral.

ascolta:
0:00
-
0:00
omicidio-naomi-cabral-arrestato-cliente
3 min. di lettura

Il ritrovamento del corpo di Naomi Cabral, donna transgender argentina di 47 anni deceduta nella stanza che affittava da pochi mesi, aveva sconvolto il paese di Marina di Tor San Lorenzo lo scorso 5 ottobre: si trattava di omicidio.

Era stata un’amica a trovare il corpo senza vita di Naomi: la donna non rispondeva al telefono da ore, cosa che aveva allarmato anche i dipendenti dell’albergo in cui affittava una stanza.

Oggi potrebbe arrivare la svolta decisiva alle indagini per omicidio, con l’arresto di un sospettato, un 35enne il cui nome non è ancora stato reso noto e residente ad Ardea.

La dinamica dell’omicidio era stata descritta nei dettagli dagli inquirenti. Naomi giaceva nuda sul letto della propria stanza con lievi, seppur riscontrabili segni di colluttazione: prima di tutto, il volto livido, e altri indizi che hanno portato le autorità a non escludere la morte violenta, confermata in seguito dall’autopsia.

La causa della morte è stata strangolamento e soffocamento, secondo gli investigatori dovuti a un gioco erotico finito male – teoria però ancora non confermata dagli inquirenti. Ad oggi, l’accusa rimane di omicidio volontario.

Naomi era una sex worker argentina residente in Italia da diversi anni, e pare che ad assassinarla sia stato proprio un suo cliente, un operaio di 35 anni con precedenti per lesioni e per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

Per l’uomo è stata ordinata la custodia cautelare in carcere, emessa dal tribunale di Velletri proprio ieri sera, e che è stata eseguita dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati e della Compagnia di Anzio.

Quella dell’omicidio di Naomi Cabral è stata un’indagine complessa e delicata, perché Naomi non aveva particolari legami con il territorio, ed i suoi unici e sparsi contatti erano quelli con i clienti che incontrava in una stanza appositamente affittata per incontri a pagamento.

Ad oggi, è in svolgimento l’interrogatorio sul principale sospettato: non è chiaro se si trattasse di un cliente abituale o saltuario, ma comunque il profilo è quello di un uomo violento e poco raccomandabile, ed è confermato il suo incontro con Naomi la sera dell’omicidio.

Grazie a un’analisi degli ultimi contatti telefonici di Naomi, è stato infatti rilevato che il sospetto è stato l’ultimo cliente della vittima quella sera: gli elementi di colpevolezza collaterali sono stati sufficienti ad arrestare e detenere l’uomo nella casa circondariale di Velletri per la durata dell’indagine.

In particolare, gli investigatori per risalire all’ultimo uomo che aveva avuto contatti con la vittima si sono concentrati sui suoi ultimi contatti telefonici e sulle persone che l’avevano incontrata poche ore prima del tragico epilogo.

Le indagini hanno consentito di raccogliere sufficienti e gravi elementi di colpevolezza a carico dell’uomo 35enne che è stato arrestato e condotto presso la casa circondariale di Velletri.

Non si fermano le violenze sulle sex worker in Italia

Quello di Naomi non è sicuramente un caso isolato: le violenze sulle lavoratrici del sesso – spesso costrette a svolgere le loro attività a causa del fenomeno della tratta degli esseri umani – sono rampanti in un paese che ancora oggi non ha il coraggio di regolamentare questo lavoro e offrire più tutela a chi lo pratica.

Il 17 dicembre sarà la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Sex Workers: in Italia e in Francia, la media degli omicidi delle lavoratrici del sesso è di 7 all’anno, numero che aumenta se si parla di violenze fisiche, sessuali e verbali, di cui molte non vengono denunciate e quindi non appaiono nei registri statistici.

Una situazione da cui esistono poche vie di fuga, specialmente per le straniere costrette alla clandestinità e alla violenza da un approccio che tende a criminalizzare la vittima, senza indagare sulle ragioni per le quali essa è costretta a una vita di espedienti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24

Leggere fa bene

Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
Triptorelina - immagine di repertorio

Adolescente trans costretto alla mastectomia perché la triptorelina arriva in ritardo

News - Francesca Di Feo 14.2.24
foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
pronomi comunuità lgbtqia+ chiamami con il mio pronome

“Chiamami con il mio pronome”, perché i pronomi sono importanti per le persone LGBTIQA+?

Guide - Redazione Milano 16.11.23
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
Credit: Steve Russell

Cosa è cambiato per lə bambinə trans* nel Regno Unito

News - Redazione Milano 22.12.23
tdor-2023-torino

TDOR Torino 2023: “Marciamo per noi stessə, per chi non può farlo e per chi non c’è più”

News - Francesca Di Feo 13.11.23