La multa da 500 euro per omobitransfobia è possibile a livello comunale?

A Leinì (TO) la proposta viene bocciata, a Brovello-Carpugnino è stata approvata. La consigliera Leone: "Le comunità locali sono più avanti rispetto a chi ci governa"

ascolta:
0:00
-
0:00
gabriella leone leini omobitransfobia
gabriella leone leini omobitransfobia
3 min. di lettura

Due settimane fa Leinì, piccolo comune in provincia di Torino, era stato al centro dell’attenzione mediatica a seguito della proposta di un regolamento virtuoso per il contrasto all’omobitransfobia avanzata da una delle sue consigliere comunali.

Nonostante l’esito non sia stato quello sperato, questa vicenda potrebbe dimostrare che comuni ed enti locali hanno a disposizione gli strumenti e le competenze necessarie per tamponare il vuoto normativo. In attesa che il legislatore approvi una legge contro l’odio omobitransfobico.

Il caso di Leinì e la proposta di un regolamento locale contro l’omobitransfobia

Gabriella Leone, consigliera di minoranza del Comune di Leinì, aveva presentato all’inizio di Aprile 2023 una mozione al Consiglio Comunale, che proponeva di infliggere sanzioni pecuniarie a coloro che discriminano la comunità LGBT+. Un’iniziativa simile si era fatta strada l’anno scorso grazie alle iniziative del Partito Gay, con la multa di 500 euro per chi insulti o discrimini le persone LGBTQIA+.

La mozione di Leinì si basava su una risoluzione del Parlamento europeo del gennaio 2006, quando l’Unione Europea invitò gli Stati membri a combattere contro l’omofobia e la discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

La mozione di Leinì prevedeva l’istituzione di un regolamento locale che avrebbe monitorato e agito sulla diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, nonché la promozione di atti discriminatori e violenti per motivi di genere, sesso, orientamento sessuale, identità di genere, disabilità, religione o etnia.

Prevista anche l’istituzione di una Giornata contro l’Omobitransfobia (17 Maggio), oltre all’introduzione di una sanzione simbolica di 500 euro. I fondi raccolti sarebbero stati utilizzati per costituire un fondo di prevenzione contro l’omobitransfobia da inserire nel bilancio del Comune.

Tuttavia, la notizia degli ultimi giorni è che la proposta è stata respinta in toto, per presunte problematiche di natura tecnica. Problematiche che però, stando a quanto spiegato dalla stessa Consigliera Leone, non sussistono:

In realtà il consigliere comunale del mio gruppo è ex vice questore di polizia, ed ha spiegato molto bene che non sono i vigili o la polizia municipale a valutare l’entità di un reato, ma si limitano a rilevare e trasmettere all’autorità giudiziaria l’offesa, l’incitamento ad atti violenti e all’intolleranza di tutti i tipi che vanno in qualche modo sanzionati. L’idea di una sanzione pecuniaria è più che altro simbolica, perché il comune agisce solo da tramite per monitorare con più attenzione e segnalare questi reati. Alcuni comuni hanno già attuato un regolamento del genere, infatti ci siamo ispirati a loro. Il problema è che non c’è la volontà politica di attuare un regolamento del genere, ma la possibilità di farlo esiste. La nostra mozione si riferisce infatti, nelle premesse, ai regolamenti sull’incitamento all’odio generale, anche se in Italia non esiste un reato specifico di incitamento all’odio omobitransfobico. Se ci fosse stato il DDL Zan sarebbe stato più semplice”.

Inoltre, anziché dimostrare apertura nei confronti della proposta, tenendo in considerazione almeno alcune delle sue parti, la giunta ha deciso di respingere completamente anche l’dea di istituire una giornata di sensibilizzazione il 17 maggio in occasione della Giornata Mondiale contro l’Omobitransfobia, una misura importante per contrastare questi fenomeni.

La cosa più fastidiosa è quando si gioca a fare Ponzio Pilato, i discorsi del tipo ‘sì, siamo d’accordo ma…’. Perché non si è nemmeno provato a fare un emendamento.  Abbiamo sicuramente intenzione di riformulare e riproporre la mozione in maniera tale da trovare un punto di incontro. Naturalmente non sarà un comune, né dieci a cambiare le sorti della questione – visto anche il governo attuale – però sono dei segnali che arrivano, che possono far vedere che le comunità locali sono più avanti rispetto a chi ci governa”.

Ciò che è certo, è che – insieme al proprio gruppo – Leone ha intenzione di organizzare comunque eventi educativi e di sensibilizzazione a livello locale in previsione del 17 maggio.

Due precedenti importanti

Per verificare come il rigetto della mozione presentata al Comune di Leinì sia quindi di natura più politica che tecnica, abbiamo parlato con Davide Inzaghi, Sindaco di Brovello-Carpugnino. 

In questo piccolo comune di 769 abitanti nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, una mozione simile è stata presentata ed approvata senza alcun problema già ad agosto dell’anno scorso:

Abbiamo scelto di dare voce ad alcune associazioni che ci hanno chiesto espressamente di agire in materia di sensibilizzazione. Il Comune può emettere sanzioni, l’importante è che non vadano in contrasto con i regolamenti nazionali. Possiamo andare più nello specifico, sicuramente”

Il provvedimento adottato dal Comune di Brovello rappresenta il secondo caso solo nella provincia del VCO (Verbania-Cusio-Ossola). In precedenza, nel mese di luglio 2021, il Consiglio comunale di Madonna del Sasso, situato sul lago d’Orta, ha votato una delibera analoga.

Purtroppo però non basta avere la possibilità di agire, ma è necessario dimostrare la volontà di farlo per creare un impatto significativo. Solo attraverso un impegno concreto e costante, infatti, sarà possibile ridurre l’incidenza di questo fenomeno e costruire una società più inclusiva e rispettosa delle diversità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24

Leggere fa bene

Elly Schlein Fabrizio Marrazzo

Cos’è il referendum sul Matrimonio Egualitario e perché la vittoria di Todde in Sardegna potrebbe essere rilevante

News - Lorenzo Ottanelli 27.2.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
Nex Benedict Gay.it

Nex Benedict uccisə dalla transfobia, spunta il video delle sue ultime parole alla polizia in ospedale

News - Redazione Milano 27.2.24
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24