Se anche l’Ordine dei giornalisti certifica la transfobia

Massimiliano Piagentini aveva denunciato all'Ordine un articolo a suo dire transfobico del direttore de La Gazzetta di Lucca. Ma il collegio del Lazio ha archiviato il suo ricorso, con una motivazione inaccettabile.

cosa vuol dire transgender
2 min. di lettura

A inizio 2020 una donna trans di 42 anni è morta, ad Altopascio, dandosi fuoco dopo aver ricevuto lo sfratto. Quella donna si chiamava Eduarda. Peccato che diversi siti e quotidiani nazionali abbiano riportato la notizia utilizzando l’orribile articolo al maschile, umiliandola persino dopo la morte. Massimiliano Piagentini, fondatore a Lucca della prima associazione Lgbt della provincia, “L’Altro volto-Lucca gay lesbica”, aveva in tal senso presentato un esposto all’ordine dei giornalisti riguardante un articolo firmato da Aldo Grandi, direttore de La Gazzetta di Lucca. Nell’articolo in questione Grandi non solo definiva Eduarda “UN transessuale brasiliano“, ma aggiungeva: “per tutti il povero trans morto era un uomo. Inequivocabilmente. Anche se avrebbe voluto essere una donna, ma donna non era“. E ancora.

L’identità si acquisisce dalla nascita, si è maschi o femmine appena si mette fuori la testa da dove si teneva e si è tenuta per nove mesi. Tutto il resto è aria fritta e tentativi pericolosissimi di stravolgere quello che da millenni è sempre stato“, scriveva Grandi. Il 9 giugno Massimiliano Piagentini ha ricevuto tramite Posta certificata la decisione adottata il 21 maggio scorso dall’Ordine dei giornalisti del Lazio. Il collegio, all’unanimità, ha archiviato il suo ricorso, con queste motivazioni (integralmente riportate).

Il terzo collegio di disciplina dell’ordine territoriale del Lazio ha preso in esame il caso segnalato dal signor Massimiliano Piagentini riguardante un articolo del giornalista professionista Aldo Grandi apparso su La Gazzetta di Lucca del 15 gennaio 2020 titolato ‘Morte ad Altopascio, la galleria degli orrori della stampa locale”. Il terzo collegio dopo aver sentito il consigliere relatore ed attenta disamina dei documenti allegati, non ritiene di dover procedere nei confronti del giornalista, poiché non si riscontrano elementi contrastanti le norme di deontologia e disciplina professionali. Il collegio, pur riconoscendo la buona fede del direttore del giornale, che riporta l’intervento inviato dal Piagentini, ritiene che lo stesso avrebbe potuto usare un linguaggio più consono e meno colorito nei confronti dell’identità di genere del soggetto in questione, un transessuale brasiliano morto ad Altopascio. Aldo Grandi, anche se in alcuni passaggi della sua risposta al Piagentini usa toni di polemica, alterna frasi di comprensione (“a noi umanamente dispiace per ciò che è accaduto ad Altopascio”) mantenendo il suo punto di vista: (“l’identità si acquisisce dalla nascita, si è maschi o femmine”). Da quanto sopra, si ritiene di archiviare il presente procedimento, relativamente all’esposto, non ritenendo siano intervenute violazioni alle norme deontologiche.

Ciò che ha sconcertato Piagentini non è stato tanto la decisione presa, bensì quell’utilizzo dell’articolo al maschile replicato persino dall’Ordine (“UN transessuale brasiliano). “È del tutto evidente che se coloro che dovrebbero vigilare sul rispetto della deontologia professionale danno il “buon esempio”, gli altri non possono che fare lo stesso o molto peggio“, denuncia amaramente Massimiliano.

Eppure è tutto estremamente semplice. Quando si parla di una persona transgender che si identifica di genere maschile, si parla di “uomo trans” (FtoM, IL trans). Al contrario, dinanzi ad una persona transgender che si identifica di genere femminile, si dice “donna trans” (MtoF, LA trans). Cosa c’è di così complicato?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Renzo Loi 24.6.20 - 13:11

ancooora con sta solfa. basta .il sesso non è una questione psicologica ma genetica. basta!!!!

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
18-maggio-manifestazione-trans

Contro la violenza istituzionale sui corpi trans*: perché la comunità T scende in piazza il 18 maggio

News - Francesca Di Feo 16.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Cinema - Riccardo Conte 25.1.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Annette Bening in difesa della comunità trans: "Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso" - VIDEO - Annette Bening - Gay.it

Annette Bening in difesa della comunità trans: “Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso” – VIDEO

Culture - Redazione 16.1.24
La figlia dell'ex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender - La figlia dellex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender - Gay.it

La figlia dell’ex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender

News - Redazione 13.5.24
Triptorelina - immagine di repertorio

Adolescente trans costretto alla mastectomia perché la triptorelina arriva in ritardo

News - Francesca Di Feo 14.2.24