Radio Maria è super finanziata dallo Stato: 2 milioni di euro in tre anni

Radio Maria trasmette grazie ai soldi pubblici. E non offre alcun servizio pubblico.

Radio Maria è super finanziata dallo Stato: 2 milioni di euro in tre anni - radio maria - Gay.it
2 min. di lettura
Radio Maria – recentemente travolta dalle polemiche per le affermazioni di padre Giovanni Cavalcoli, secondo il quale il terremoto del Centro Italia non sarebbe altro che un “castigo divino” per la legge sulle unioni civili – è la radio italiana che prende dallo Stato più soldi.
È infatti proprio lo Stato il finanziatore numero uno di Radio Maria e l’emittente religiosa è in cima alla lista delle radio che ricevono ogni anno un contributo pubblico. Negli ultimi 3 anni di cui si conoscono le cifre, l’emittente cattolica ha incassato 779 mila euro per il 2011, 730 mila per il 2012 e 581 mila per il 2013: ben 2 milioni e 90 mila euro nel triennio.
È bene notare che questi fondi non vengono erogati per un servizio pubblico, ma a titolo di “mero sostegno”, in base a una legge di 18 anni fa varata per sostenere le emittenti locali che però assicura a Radio Maria un trattamento privilegiato.
L’uscita sul terremoto dei giorni scorsi non è tra l’altro l’unico esempio dell’ingratitudine della radio verso lo Stato italiano che tanto generosamente la finanzia. Il 3 febbraio scorso il direttore di Radio Maria, don Livio Fanzaga, commentò la notizia dell’approvazione della legge sulle unioni civili paragonando Monica Cirinnà “alla donna del capitolo diciassettesimo dell’Apocalisse, la Babilonia”, ovvero a una prostituta, e le inviò anche un funesto augurio: “Signora Cirinnà, lei oggi brinda prosecco alla vittoria, ma arriverà anche il funerale, stia tranquilla. Glielo auguro il più lontano possibile, ma arriverà anche quello”. 
Perché quest’emittente che prende così vivacemente posizione contro le istituzioni gode di tali benefici statali ? La risposta è da cercare nella legge 448 del 1998 – al comma numero 190 dell’articolo 4, precisamente – che assegna il 10% dei contributi destinati alle radio locali alle “emittenti nazionali comunitarie”, dove per “comunitarie” si intende che non abbiano fini di lucro. In Italia le radio del genere sono due: Radio Maria e Radio Padania (che riceve infatti le stesse somme).
Per incassare il contributo statale queste due radio devono soddisfare nessun requisito? Niente affatto. Devono solo “essere in regola con il pagamento del canone, calcolato nella misura dell’1 per cento del fatturato annuo”. Ovvero possono mandare in onda i contenuti che vogliono.
È proprio il caso di dire: quando i nodi vengono al pettine. È giunto il momento che il Parlamento affronti finalmente il complesso tema del finanziamento pubblico alle emittenti private.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 7.11.16 - 14:20

Io li taglierei tutti i contributi pubblici ai quotidiani, siti e società di informazione. Ma chi lo decide cos'è servizio pubblico? Rimettiamo il ministero della cultura popolare? Comunque Radio Maria è molto molto gay... lo sanno anche i sassi che là dentro girano preti con tanto di fidanzato, è questione di punti di vista....

Trending

Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
coppia gay roma eur aggressione via delle tre fontane

Pestaggio coppia gay a Roma: individuati i 4 responsabili, non hanno precedenti – articolo in aggiornamento

News - Redazione 20.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24

Hai già letto
queste storie?

Madonna e Chiesa Cattolica - "Cristo Queer", una rubrica di Gay.it a cura di Marco Grieco

Madonna “rifugio dei peccatori”, scomunicata tre volte: il suo rapporto incendiario con la Chiesa cattolica

Culture - Marco Grieco 5.4.24
Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: "Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti" (VIDEO) - Monsignor Cozzoli - Gay.it

Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: “Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti” (VIDEO)

News - Redazione 29.5.24
Siviglia, il nuovo Gesù che promuove la Pasqua scatena gli ultracattolici di destra: "É effeminato e sexy" - Siviglia il sexy Gesu che promuove la Pasqua scatena gli ultracattolici di destra 1 - Gay.it

Siviglia, il nuovo Gesù che promuove la Pasqua scatena gli ultracattolici di destra: “É effeminato e sexy”

News - Redazione 31.1.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Carpi, bufera tra cattolici per un quadro che ritrae un uomo chinato sulle parti intime di Gesù - gratia plena opera di andrea saltini esposta a carpi 1961856 - Gay.it

Carpi, bufera tra cattolici per un quadro che ritrae un uomo chinato sulle parti intime di Gesù

News - Redazione 6.3.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24
Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: "Dio è padre di tutti" - Nicolo Anselmi Rimini - Gay.it

Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: “Dio è padre di tutti”

News - Redazione 8.4.24
Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali - papa francesco wow - Gay.it

Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali

News - Redazione 27.5.24