SPECIALE PRIMO DICEMBRE. L’inno alla vita di Rudolf Nureyev

Nureyev, morto di Aids nel 1993: le sue ultime parole per la vita

SPECIALE PRIMO DICEMBRE. L'inno alla vita di Rudolf Nureyev - rudolfnureyev4 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Oggi non si muore di Aids, almeno nel mondo occidentale, nella nostra Europa, nella nostra Italia. Lo abbiamo detto e lo abbiamo sentito in modo sempre più forte con il trascorrere di questi ultimi anni. Oggi sappiamo con certezza che si può convivere con l’Aids, si può amare chi ha l’Aids, si può continuare la propria vita.

>>> LO SPECIALE DI GAY.IT DEDICATO AL PRIMO DICEMBRE : TUTTI GLI ARTICOLI

SPECIALE PRIMO DICEMBRE. L'inno alla vita di Rudolf Nureyev - mercuryF2 - Gay.it

Non bisogna però dimenticare un periodo, non lontano, quando così non era, quando di Aids si moriva e tra le milioni di vite falciate ricordiamo anche tante celebrità la cui testimonianza ci ha regalato la consapevolezza che abbiamo oggi. Freddy Mercury la stella e la voce indimenticabile dei Queen, Brad Davis grandissimo interprete di Querelle di Fassbinder, Isaac Asimov l’immenso scrittore fantascientifico, Pier Vittorio Tondelli l’amatissimo autore di Camere Separate e potremmo continuare la lista ancora a lungo. Bisogna ricordare che oggi, con la giusta prevenzione, si può vivere ma è importante non dimenticare il passato e chi con la propria morte ha affermato la propria e la nostra vita.

SPECIALE PRIMO DICEMBRE. L'inno alla vita di Rudolf Nureyev - rudolf nureyev 02 - Gay.it

Rudolf Nureyev, uno dei più grandi danzatori della storia dell’uomo, è morto di Aids nel 1993. Prima della morte ha scritto un’ultima lettera, un ultimo messaggio al mondo, un invito a vivere nonostante la morte, un inno alla vita e alla sua immensità.

Ne riportiamo di seguito gli estratti più belli che ci ricordano quanto sia prezioso e immenso il dono di esserci e ciò che è davvero importante, ciò che per cui dobbiamo lottare ogni singolo giorno: noi stessi.

Non avrei mai fatto il ballerino, non potevo permettermi questo sogno, ma ero lì, con le mie scarpe consunte ai piedi, con il mio corpo che si apriva alla musica, con il respiro che mi rendeva sopra le nuvole. Era il senso che davo al mio essere, era stare lì e rendere i miei muscoli parole e poesia, era il vento tra le mie braccia, erano gli altri ragazzi come me che erano lì e forse non avrebbero fatto i ballerini, ma ci scambiavamo il sudore, i silenzi, a fatica. Per tredici anni ho studiato e lavorato, niente audizioni, niente, perché servivano le mie braccia per lavorare nei campi. Ma a me non interessava: io imparavo a danzare e danzavo perché mi era impossibile non farlo, mi era impossibile pensare di essere altrove, di non sentire la terra che si trasformava sotto le mie piante dei piedi, impossibile non perdermi nella musica, impossibile non usare i miei occhi per guardare allo specchio, per provare passi nuovi. Ogni giorno mi alzavo con il pensiero del momento in cui avrei messo i piedi dentro le scarpette e facevo tutto pregustando quel momento.

SPECIALE PRIMO DICEMBRE. L'inno alla vita di Rudolf Nureyev - rudolfnureyev2 - Gay.it

Ora so che dovrò morire, perché questa malattia non perdona, ed il mio corpo è intrappolato su una carrozzina, il sangue non circola, perdo di peso. Ma l’unica cosa che mi accompagna è la mia danza la mia libertà di essere. Sono qui, ma io danzo con la mente, volo oltre le mie parole ed il mio dolore. Io danzo il mio essere con la ricchezza che so di avere e che mi seguirà ovunque: quella di aver dato a me stesso la possibilità di esistere al di sopra della fatica e di aver imparato che se si prova stanchezza e fatica ballando, e se ci si siede per lo sforzo, se compatiamo i nostri piedi sanguinanti, se rincorriamo solo la meta e non comprendiamo il pieno ed unico piacere di muoverci, non comprendiamo la profonda essenza della vita, dove il significato è nel suo divenire e non nell’apparire. Ogni uomo dovrebbe danzare, per tutta la vita. Non essere ballerino, ma danzare.
Chi non conoscerà mai il piacere di entrare in una sala con delle sbarre di legno e degli specchi, chi smette perché non ottiene risultati, chi ha sempre bisogno di stimoli per amare o vivere, non è entrato nella profondità della vita, ed abbandonerà ogni qualvolta la vita non gli regalerà ciò che lui desidera. È la legge dell’amore: si ama perché si sente il bisogno di farlo, non per ottenere qualcosa od essere ricambiati, altrimenti si è destinati all’infelicità. Io sto morendo, e ringrazio Dio per avermi dato un corpo per danzare cosicché io non sprecassi neanche un attimo del meraviglioso dono della vita

>>> LO SPECIALE DI GAY.IT DEDICATO AL PRIMO DICEMBRE : TUTTI GLI ARTICOLI

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24

Leggere fa bene

Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente - SAFFFO 2024 - Gay.it

Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente

Culture - Redazione 15.5.24
Icar PrEP Long Acting - Giugno 2024

Prevenzione HIV, l’appello dei clinici e della Community dei pazienti per l’approvazione della Long Acting PrEP

News - Gay.it 20.6.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24