Breviario erotico da chat

di

No cessi; maschio per maschi, insospettabile, solo decisi... Un piccolo ma utilissimo breviario delle frasi più comuni (e delle fandonie più condivise) che si possano trovare sui profili...

CONDIVIDI
4 Condivisioni Facebook 4 Twitter Google WhatsApp
59939 0

Vi siete chiesti a lungo se era poi il caso di farlo, e forse l’ultima delusione d’amore è stata il colpo finale che vi ha portati ad iscrivervi a una chat con l’illusione che "chissà, forse lì troverò di nuovo chi saprà farmi battere il cuore". Avete selezionato le vostre foto migliori, le avete ritoccate, avete compilato tutti i campi richiesti, magari vi siete tolti qualche anno, aumentato alcuni centimetri distribuendoli generosamente tra altezza e lunghezza e perdendo magicamente qualche chilo pur non avendo mai mosso il sedere dalla poltrona. Avete dato sfogo alla fantasia compilando quella finestra vuota solitamente dedicata al "tema libero" che dica qualcosa in più di voi e vi siete lanciati dichiarando un "carattere schietto e sincero, pronto a mettersi in gioco". Pur non avendone forse mai fatta neppure una, vi piace però far credere a chi vi contatterà di adorare le scampagnate, le gite enogastronomiche e di militare in qualche associazione antivivisezione perché, ovvio, siete amanti degli animali. Fatto tutto questo, schiaccerete "invio" e verrete scaraventati nel mare magnum delle chat infestato di squali e scorfani, di barracuda e pesciolini rossi già ben noti solo a chi da anni affronta questi marosi.

Ecco allora per chi è pronto al grande tuffo un piccolo ma utilissimo breviario delle frasi più comuni, degli status più pubblicati, delle fandonie più condivise che si possano trovare sui profili personali (che mi è capitato di leggere facendo un giro per chat la scorsa settimana).

 

"Cerco solo tipi sexy"

Come fai a interagire con uno che scrive questa roba come intestazione del proprio profilo? Voglio dire, a meno che uno non sia John Merrick (meglio noto come Elephant Man), come fai a capire cosa intende quello per sexy? Cos’è, hanno pubblicato una scala di valutazione Mercalli sulla base della quale indicare se hai un 4.6 di sexytudine?

In questo caso lo stress generato dall’ansia di una richiesta del genere è pari soltanto a un esame di stato per l’iscrizione all’albo degli ingegneri.

 

"Solo per tipi veramente sexy"

Come a dire: allora non ci siamo capiti? Non li cerco sexy, ma davvero sexy. Quindi non ci provate a essere un sexy qualsiasi ma dovete essere tipi da fermare il traffico per strada o suscitate tanta invidia da portare schiere di modelli di intimo a suicidarsi in massa, lasciando sul loro letto di morte una vostra foto strappata. Ma che poi, fosse così, ti pare che uno così "veramente sexy" ha bisogno di perdere tempo su una chat? Quando sei così attraente puoi anche passare il sabato sera da Bricofer e rimorchieresti comunque.

 

"No cessi"

Vale quanto detto sopra per "Cerco solo tipi sexy" riguardo alla difficoltà di autovalutarsi, solo che in questo caso si tratta di una versione più rozza e villana tipica ormai di quella forma di spavalderia che l’interfaccia di uno schermo permette di assumere con il prossimo.

 

"Insospettabile"

Il concetto di sospetto mi fa subito venire alla mente un malavitoso, del resto chi cerca di rendersi irriconoscibile lo fa perché ha qualcosa di poco edificante da nascondere. Quindi, a meno che tu non sia stato un gerarca nazista (e visto che siamo nel 2012 la cosa mi sembra altamente improbabile) o possiedi una teca di cristallo con una collezione di bambole di ceramica con i vestiti fatti di pizzo tessuti con le tue stesse mani, non riesco francamente a capire quale sospetto si possa generare nel vederti o di cosa tu debba vergognarti.

 

"Maschio per maschi"

Quando leggo quest’appello accorato sui profili delle chat, la prima cosa che mi verrebbe da rispondere è: maschio al quadrato. Anche in questo caso non si capisce dopo quale grado uno possa a buon diritto essere considerato "maschio" perché se questo significa incedere come dei primati, con catenacci al collo, sputando per terra ogni 10 metri e usando le bestemmie al posto delle "e" di congiunzione allora, forse, dovrebbero iniziare a bazzicare alcune chat per lesbici.

 

"Solo decisi"

Uno status che evoca scenari da Fight Club. Non mi è infatti chiaro se stiano cercando un amante o un compagno con il quale organizzare un’escursione in Nepal per la scalata dell’Everest. Anche qui, sarò io malizioso, ma mi sembra più il malcelato desiderio di trovare qualcuno che alla tenerezza di una coccola preferisca essere preso come un polpo e sbattuto sullo scoglio fino a esserne tramortito.

P. S. Attenzione, grosso rischio di ipocrita passività in vista.

 

"Non rispondo senza foto"

Che potrebbe essere anche una richiesta ragionevole se venisse da qualcuno che mostra in prima battuta un suo ritratto. Invece no. Solitamente lo status campeggia su un fotogramma satellitare fatta dall’Hubble ad un buco nero. Quindi non si capisce per quale forma di fiducia uno dovrebbe farsi vedere se l’altro non ha neppure la minima cortesia di mostrarsi per primo.

 

"BTM"

Non è l’acronimo di una droga tipo l’LSD ma il codice fiscale del bottom (passivo). Lo si scrive in inglese per dare quel tocco di esotico, di mistero ma soprattutto quel senso di distanza dal significato, un po’ come quando dicendo parolacce in inglese ci sentiamo meno volgari.  

 

"Top"

Più usato dell’italico "attivo". Lo so che non è un termine così sconosciuto anche se non avete mai messo piede in una chat, ma mi andava comunque di menzionarlo quanto meno per la sua estrema, quanto spesso, ingiustificata diffusione. Anche solo leggerlo vi fa comunque immaginare vividamente il tono tronfio e orgoglioso di chi lo pronuncia con la stessa enfasi di un signore attempato che si presenta agli sconosciuti dichiarando il proprio titolo di "cavaliere della Repubblica".

 

"No a solo passivi"

Frase che trovo francamente geniale. Un’allocuzione formidabile per non dire a chiare lettere di essere passivo, sempre perché l’ammissione del ruolo causa spesso l’ostracismo con il quale si condanna un affetto dall’ebola. A riprova di questo ho condotto un esperimento empirico: per 2 settimane ho scritto "passivo" sul profilo. Praticamente sono cresciuti muschi e licheni, ho dovuto passare lo Swiffer per rimuovere la polvere accumulata nella mia mailbox. Cancellato il ruolo, si sono rotte le dighe. Ergo: pochi hanno l’ardire di ammettere di esserlo e ancora meno vogliono incappare in uno di loro.

di Insy Loan ad alcuni meglio noto come Alessandro Michetti

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...